LE OPERE

Roma. Luoghi, persone, visioni

Roma è il prisma attraverso il quale le numerose identità della capitale d’Italia si compongono in un libro d’arte unico e affascinante, da leggere e sfogliare, da conservare e tramandare.

Descrizione

Il volume si articola in tre sezioni intitolate Luoghi, Persone e Visioni. Tre piani narrativi in cui i saggi dialogano con ricchi percorsi iconografici. In Luoghi, il lettore scoprirà l’immensa ricchezza archeologica di Roma attraverso i saggi di Rita Paris e di Carlo Gasparri. Completa la sezione il contributo di Claudia Conforti, dedicato all’architettura della capitale dal 1852 a oggi. La sezione Persone si compone dell’approfondimento di Umberto Gentiloni Silveri, dedicato all’identità di Roma capitale e alla sua evoluzione storica, sociale e politica e del racconto di Elisabetta Rasy.
La scrittrice accompagnerà il lettore nei luoghi da lei vissuti in quella che, nel suo racconto, definisce «la città della malinconia e della gioia». In Visioni, il saggio di Gabriele D’Autilia incastona la Capitale nella storia della fotografia, come fulcro della comunicazione visiva in diversi momenti politici e nelle opere di numerosi artisti. Infine, Luca Criscenti fornisce una stimolante rappresentazione visiva di Roma, attraverso la sua ricchezza culturale, ma anche i suoi contrasti.

 

Leggi tutto

dati tecnici

volumi in formato
cm 24x33
1
illustrazioni
500
pagine
oltre 850
Stampato su carta Symbol Tatami white
Legatura bodoniana e in pelle di vitello con doratura a caldo
tiratura limitata e numerata in copie
1.499

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

{url}
Arte

Palazzo Carignano

Espressione architettonica tra le più alte e raffinate del barocco piemontese, realizzato tra il 1679 e il 1685 da Guarino Guarini su incarico di Emanuele Filiberto di Savoia-Carignano, detto “Il Muto”, Palazzo Carignano è un luogo legato a doppio filo con la storia risorgimentale italiana. Inizialmente residenza dei Principi di Carignano che vide i natali dei futuri sovrani Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II di Savoia, con l’ascesa al trono del primo il palazzo venne ceduto nel 1831 al Demanio, che vi allocò il Consiglio di Stato e la Direzione delle Poste. Nel 1848, con la promulgazione dello Statuto Albertino, l’edificio venne destinato a sede della Camera dei deputati del Parlamento Subalpino per poi ospitare, dal 1861 al 1864, il primo Parlamento italiano, divenendo teatro di quel processo di cambiamento politico, culturale e sociale che, investendo in primis la città di Torino, culminò con la proclamazione del Regno d’Italia da parte di Vittorio Emanuele II. Un percorso che oggi è raccontato, passo dopo passo, nelle collezioni del Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, ospitato al piano nobile nelle stanze e nei corridoi in cui si avvicendarono coloro che avrebbero contribuito a cambiare l’Italia per sempre. Un luogo storico dove si è fatta la storia, che Treccani racconta in questo volume grazie a preziosi contributi testuali e fotografici che sapranno rivelarne i segreti, evidenziarne le sfumature ed esaltarne i dettagli.   CARATTERISTICHE 1 volume Formato 23,5 x 31 Rilegatura in pelle conciata in fossa, con cofanetto nella stessa pelle del volume, impressioni in oro sul piatto e sul dorso TIRATURA LIMITATA A 1.499

{url}
Arte

Botticelli

Dopo Caravaggio e i volumi su Leonardo, Michelangelo e Raffaello, la collana prosegue con la vita e l’opera completa di Botticelli. Di grande formato e raffinata qualità grafica, il volume è concepito come una sorta di viaggio alla scoperta di questo grande artista, un genio dell’epoca. La sua vita viene ripercorsa con dovizia di particolari, così come la sua magnifica produzione artistica, riprodotta nel volume interamente a colori. Oltre al catalogo, il volume contiene anche una bibliografia aggiornata ai titoli più recenti, con indicazioni relative a fonti e documenti utili alla ricostruzione del profilo biografico dell’artista.

{url}
Arte

Il Vittoriale degli Italiani

Il volume dedicato al Vittoriale ne descrive la bellezza e il fascino attraverso l’arte della fotografia nelle le oltre cento foto scattate in esclusiva per Treccani da Aurelio Amendola. Il Vittoriale degli Italiani è un complesso di edifici, vie, piazze, un teatro all’aperto, giardini e corsi d’acqua eretto tra il 1921 e il 1938, costruito a Gardone Riviera sulle rive del lago di Garda da Gabriele d’Annunzio con l’aiuto dell’architetto Giancarlo Maroni, a memoria della “vita inimitabile” del poeta-soldato e delle imprese degli italiani durante la Prima Guerra Mondiale. Il Vittoriale, donato da d’Annunzio al “popolo italiano” nel 1923, è oggi una fondazione aperta al pubblico e visitata ogni anno da circa 180.000 persone.

{url}
Arte

Tarocchi

Le Edizioni d’Arte Treccani si arricchiscono di una nuova magnifica gemma con il libro ‘d’artista’ dedicato ai Tarocchi. Un’opera inedita e originale che coniuga, come sempre accade per ogni edizione Treccani, l’autorevolezza dei contributi critici alla ricchezza dell’apparato iconografico. In più, in questo caso, l’analisi scientifica si sposa anche con lo splendore delle parole, nella loro forma più nobile che è quella della poesia. Il rapporto privilegiato che da sempre lega il linguaggio con l’immaginario del simbolico, proprio dei Tarocchi e dei giochi sapienziali in genere, trova in quest’opera la sua dimensione più propria e, in qualche modo la sua celebrazione grazie al contributo sinergico di due artisti dell’immaginazione: Aldo Nove e Mimmo Paladino. Ventidue poesie composte da Aldo Nove che lui stesso definisce “Significazioni in versi” raccontano il mondo nascosto dietro le carte dei Tarocchi e il loro incanto, reso visibile da Mimmo Paladino che ha magistralmente illustrato e interpretato le poesie stesse, con la creazione di altrettante tavole di grande formato. L’incontro tra i due artisti sprigiona, poi, quella dimensione magica e si carica di quei valori simbolici, arcani ed immaginifici, celati dentro il mazzo delle carte.   I CONTRIBUTI DI GRANDI AUTORI Il volume è arricchito da alcuni contributi critici di rilievo: a partire dall’introduzione di Stefano Bartezzaghi, I Tarocchi, dal gioco alle storie , al saggio di Lina Bolzoni su Letteratura e gioco tra Boiardo e Calvino , a quello dello stesso Nove che, in aggiunta alla raccolta di poesie, ha regalato all’opera una riflessione su Il sacro, gli archetipi, il gioco. Per una storia dei Tarocchi , in cui fornisce una sorta di ‘guida alla lettura’ delle poesie stesse, e, infine ...

Le nostre Sedi

0