LE OPERE

Palazzo Carignano

Dopo il volume sul complesso architettonico del Quirinale, la pubblicazione riservata al Vittoriale degli Italiani e l’edizione dedicata alla Galleria Borghese, la prestigiosa collana “Palazzi d’Italia” prosegue con il volume destinato al racconto fotografico di Palazzo Carignano, introdotto da Walter Barberis.

Descrizione

Espressione architettonica tra le più alte e raffinate del barocco piemontese, realizzato tra il 1679 e il 1685 da Guarino Guarini su incarico di Emanuele Filiberto di Savoia-Carignano, detto “Il Muto”, Palazzo Carignano è un luogo legato a doppio filo con la storia risorgimentale italiana.

Inizialmente residenza dei Principi di Carignano che vide i natali dei futuri sovrani Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II di Savoia, con l’ascesa al trono del primo il palazzo venne ceduto nel 1831 al Demanio, che vi allocò il Consiglio di Stato e la Direzione delle Poste. Nel 1848, con la promulgazione dello Statuto Albertino, l’edificio venne destinato a sede della Camera dei deputati del Parlamento Subalpino per poi ospitare, dal 1861 al 1864, il primo Parlamento italiano, divenendo teatro di quel processo di cambiamento politico, culturale e sociale che, investendo in primis la città di Torino, culminò con la proclamazione del Regno d’Italia da parte di Vittorio Emanuele II.
Un percorso che oggi è raccontato, passo dopo passo, nelle collezioni del Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, ospitato al piano nobile nelle stanze e nei corridoi in cui si avvicendarono coloro che avrebbero contribuito a cambiare l’Italia per sempre. Un luogo storico dove si è fatta la storia, che Treccani racconta in questo volume grazie a preziosi contributi testuali e fotografici che sapranno rivelarne i segreti, evidenziarne le sfumature ed esaltarne i dettagli.

Introduzione di Walter Barberis

Fotografie di Andrea Jemolo

CARATTERISTICHE
1 volume
Formato 23,5 x 31
Rilegatura in pelle conciata in fossa, con cofanetto nella stessa pelle del volume, impressioni in oro sul piatto e sul dorso
TIRATURA LIMITATA A 1.499

Leggi tutto

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

{url}
Arte

Matera

Continua la collaborazione tra l’Istituto della Enciclopedia Italiana e il maestro Aurelio Amendola, con un nuovo lavoro che propone le immagini più suggestive della città che tutto il mondo ci invidia, dal 1993 Patrimonio mondiale UNESCO. Grazie al sapiente uso del bianco e nero, Amendola restituisce una visione originale e unica dei Sassi e dei capolavori architettonici di Matera. Il volume fa parte di una nuova collana, Ut pictura poësis, che mette in primo piano un fecondo intreccio tra il testo letterario e le arti figurative, tra immagini e parole. Oltre alle mirabili foto di Amendola, infatti, “Matera” contiene anche un testo del professor Giuseppe Lupo, dal titolo Le pietre sono diventate parole. Viaggio nel destino di una città, in cui il narratore sembra quasi dialogare con ogni singola immagine e ci aiuta a comprendere profondamente quello che le immagini possono solo suggerirci.   MATERA. Una storia di coraggio che parte da lontano . Le origini di Matera risalgono al Paleolitico inferiore-medio, con il ritrovamento di oggetti che testimoniano la presenza di cacciatori. Più stabili gli insediamenti nel Neolitico, con tracce anche di villaggi trincerati, mentre per il primo nucleo urbano dobbiamo attendere l’Età dei Metalli: la Civita nasce sulla sponda destra della Gravina ed è stato il primo colle ad essere abitato e scavato. La presenza, nello stemma cittadino, della raffigurazione di un bue con in bocca tre spighe di grano, avvalorerebbe l’ipotesi dell’origine greca di Matera poiché tale rappresentazione si ritrova anche su alcune monete greche. Con un salto temporale molto ampio, arriviamo al XX secolo, in particolare ai tragici avvenimenti legati alla Seconda guerra mondiale: Matera è ricordata, infatti, come la prima città del Mezzogiorno d’...

{url}
Arte

Roma. Luoghi, persone, visioni

Il volume si articola in tre sezioni intitolate Luoghi, Persone e Visioni. Tre piani narrativi in cui i saggi dialogano con ricchi percorsi iconografici. In Luoghi, il lettore scoprirà l’immensa ricchezza archeologica di Roma attraverso i saggi di Rita Paris e di Carlo Gasparri. Completa la sezione il contributo di Claudia Conforti, dedicato all’architettura della capitale dal 1852 a oggi. La sezione Persone si compone dell’approfondimento di Umberto Gentiloni Silveri, dedicato all’identità di Roma capitale e alla sua evoluzione storica, sociale e politica e del racconto di Elisabetta Rasy. La scrittrice accompagnerà il lettore nei luoghi da lei vissuti in quella che, nel suo racconto, definisce «la città della malinconia e della gioia». In Visioni, il saggio di Gabriele D’Autilia incastona la Capitale nella storia della fotografia, come fulcro della comunicazione visiva in diversi momenti politici e nelle opere di numerosi artisti. Infine, Luca Criscenti fornisce una stimolante rappresentazione visiva di Roma, attraverso la sua ricchezza culturale, ma anche i suoi contrasti.  

{url}
Arte

Botticelli

Dopo Caravaggio e i volumi su Leonardo, Michelangelo e Raffaello, la collana prosegue con la vita e l’opera completa di Botticelli. Di grande formato e raffinata qualità grafica, il volume è concepito come una sorta di viaggio alla scoperta di questo grande artista, un genio dell’epoca. La sua vita viene ripercorsa con dovizia di particolari, così come la sua magnifica produzione artistica, riprodotta nel volume interamente a colori. Oltre al catalogo, il volume contiene anche una bibliografia aggiornata ai titoli più recenti, con indicazioni relative a fonti e documenti utili alla ricostruzione del profilo biografico dell’artista.

{url}
Arte

Il Vittoriale degli Italiani

Il volume dedicato al Vittoriale ne descrive la bellezza e il fascino attraverso l’arte della fotografia nelle le oltre cento foto scattate in esclusiva per Treccani da Aurelio Amendola. Il Vittoriale degli Italiani è un complesso di edifici, vie, piazze, un teatro all’aperto, giardini e corsi d’acqua eretto tra il 1921 e il 1938, costruito a Gardone Riviera sulle rive del lago di Garda da Gabriele d’Annunzio con l’aiuto dell’architetto Giancarlo Maroni, a memoria della “vita inimitabile” del poeta-soldato e delle imprese degli italiani durante la Prima Guerra Mondiale. Il Vittoriale, donato da d’Annunzio al “popolo italiano” nel 1923, è oggi una fondazione aperta al pubblico e visitata ogni anno da circa 180.000 persone.

Le nostre Sedi

0