LE OPERE

La Mirabile Visione

Bodleian Library - ms. Douce 134 Dal più raffinato collezionismo inglese lo straordinario manoscritto di Oxford datato 1460. Credenze, timori,speranze nel cuore della fede cristiana. Dal colore al sentimento, la testimonianza di un passaggio epocale.

Descrizione

Con la riproduzione in facsimile del ms. Douce 134 conservato presso la Bodleian Library di Oxford, l’Istituto della Enciclopedia Italiana arricchisce il patrimonio della collana «Tesori svelati» con una gemma unica nel suo genere. Si tratta di un codice in folio del XV secolo, miniato in oro, composto da 170 fogli (per un totale di 340 pagine), prodotto nella Francia sud-orientale, la cui ricchezza dell’apparato iconografico (ben 83 miniature, di cui 16 a tutta pagina) illustra un tema che ci avvicina alle celebrazioni per il settimo centenario della morte di Dante (2021). Infatti, il Douce 134 contiene il testo del Livre de la Vigne nostre Seigneur (il titolo viene dalla parabola dei lavoratori della vigna, Matteo 20, 1-16), un trattato in lingua franca sull’Anticristo, il Giudizio Universale, l’Inferno e il Paradiso, che evidenzia come il topos delle pene infernali abbia alimentato l’esegesi biblica, stimolando al contempo la fantasia degli artisti impegnati a supportarne il messaggio. Il manoscritto, arrcchito da citazioni in latino bibliche e patristiche (Agostino, Girolamo e Gregorio, Beda e Bernardo), con molte correzioni e inserzioni dell’amanuense, fu acquistato dal celebre collezionista Francis Douce nel 1823, come illustra nella Prefazione e nella Scheda codicologicaMartin Kauffmann, Direttore delle collezioni di libri antichi e rari e Curatore dei manoscritti medievali presso la Bodleian Library. Si tratta del secondo di due volumi, il primo dei quali, conservato presso la Bibliothèque Municipale di Grenoble, è stato identificato con il ms. 408 (337), che reca nel suo colophon la data «5 marzo 1463» e attesta che il secondo volume era già stato realizzato, stabilendo così per il Douce 134 un termine ante quem. Il facsimile è accompagnato, come di consueto, da un Commentario - corredato da 40 Tavole a colori -, ideato sotto la direzione scientifica di Tullio Gregory, comprendente, oltre ai già citati contributi di Kauffmann, un saggio introduttivo di Jean-Robert Armogathe sulla figura dell’Anticristo, seguito da un inquadramento di Francesco Santi a carattere storico-letterario sul Livre de la Vigne nella tradizione latino- medievale. L’analisi è completata dagli interventi di Marina Falla Castelfranchi, per la parte storico-artististica e iconologica, e di Chiara Franceschini, per l’esame delle miniature del Douce 134.

 

CARATTERISTICHE DEL FACSIMILE LA MIRABILE VISIONE
Ms. Douce 134: pergamenaceo, guardie cartacee (ff. i-iv), v + 165; Francia sud-orientale, 1460 circa
Volume mm 240 × 170 circa. Foliazione: i-v (moderna), 1-166 (originale, in numeri romani); f. 93 omesso erroneamente
(il manoscritto sicuramente non presenta una lacuna in questo punto)
Legatura con cucitura su quattro nervi, con un quinto nervo (falso) sul dorso rifoderato
Coperta di cuoio marrone decorato a secco con riquadri e rombi, con supplementare decorazione floreale incisa, montata
su assi di legno imbottite
Entrambi i piatti sono muniti di quattro borchie in ottone a forma convessa appiattita, fissate sul lato interno del piatto
Residui di chiusura a bindella e tenone: bindella recisa, ancorata sul taglio del piatto anteriore da una placchetta di ottone
fissata da quattro puntine di ferro; tenone collocato in posizione centrale sul piatto posteriore.

 

Una festa per gli occhi, una rinascita per l’anima; e proprio la cultura del Rinascimento europeo ha espresso questa autentica gemma da collezionisti raffinati. Vedere e sapere non sono solo un’associazione di idee, i due termini derivano dall’identico verbo greco: dunque la visione è una forma di conoscenza e il “visionario” è lo scopritore, il genio, il testimone. In quest’opera si raccolgono valori umani, religiosi, artistici. La sintesi è peculiare e affascinante, un possibile, ideale punto di incontro tra Dante e Giotto, collocabile prima di Michelangelo.

L’oggetto, elegante e prestigioso, costituisce una testimonianza straordinaria per la valenza storica e un autentico capolavoro per la gioia dei colori e la profondità delle suggestioni che regala.

Leggi tutto

dati tecnici

Volume formato
cm 240x170
Tiratura limitata copie numerate a mano
299
miniature eseguite nello Scriptorium del monastero della Grande Chartreuse casa madre dell’ordine dei Certosini
83

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

{url}
Tesori svelati

La Grande Bibbia di Pietro Cavallini

Un capolavoro della miniatura italiana del Trecento La collana Tesori svelati, dedicata da Treccani alle Edizioni pregiate, si arricchisce di un'altra preziosa gemma, la magnifica Bibbia miniata ad opera di Pietro Cavallini, conservata presso le Biblioteche Riunite Civica e A. Ursino Recupero di Catania (ms. A.72), che è senza dubbio uno dei più straordinari manoscritti contenenti le Sacre Scritture, prodotti nel Medioevo. La Bibbia cavalliniana miniata in oro, ritenuta una delle cinque più belle al mondo, è stata esposta fino a oggi soltanto in tre mostre a Roma (1954), Bruxelles (1965) e Catania (1990). Essa fu eseguita tra il primo e il secondo decennio del Trecento su committenza del cardinale Landolfo Brancaccio, che vi è raffigurato in ginocchio accanto alla Crocifissione di Cristo a fol.4v., in apertura del Libro della Genesi. Il cardinale era membro della importante famiglia napoletana dei Brancaccio, che ebbe stretti rapporti con i re angioini di Napoli. Lo stemma araldico della famiglia, "in azzurro quattro branche di oro con un palo d'argento nel mezzo caricato da tre punte di merli", compare con risalto nella pagina-incipit dei Vangeli, dove si trova una spettacolare raffigurazione dell'Albero di Jesse. Le decorazioni e le miniature della Bibbia cavalliniana Il manoscritto di Catania è decorato con oltre 100 miniature istoriate e figurate, 167 iniziali ornate - quasi tutte con foglia d'oro - e oltre 270 calligrafiche; un corredo illustrativo dunque, assai ricco e di altissima qualità esecutiva e di materiali. Il codice in folio consta di 440 carte (Vecchio e Nuovo Testamento, con le Epistole a Prologhi di San Girolamo) disposte su due colonne di 56 linee, di accurata scrittura gotica, con i titoli rubricati e decorata con iniziali istoriate e con ...

{url}
Tesori svelati

Il Teatro di Seneca

L’opera che ha influenzato per secoli il teatro europeo, lasciando tracce evidenti in Shakespeare e in Racine, e che grandi registi contemporanei (da Artaud a Peter Brook a Ronconi) hanno messo in scena, si offre ai lettori in un prezioso manoscritto trecentesco miniato dal “maestro del Seneca dei Girolamini”, tra i più rappresentativi e abili miniatori dell’età angioina. Il manoscritto è tra i più preziosi volumi contenuti nella splendida Biblioteca Oratoriana dei Girolamini, la più antica biblioteca napoletana (1586), allocata nello strepitoso complesso monumentale che i padri filippini fecero edificare a Napoli. UN ECCEZIONALE IMPATTO VISIVO Sfogliando le pagine del manoscritto, osservando le miniature tabellari disposte lungo i margini, il lettore resta abbagliato dalla luminosità dell’oro, catturato dal fascino dei fondali azzurri, e incantato dalla ricercatezza degli ornamenti e dei fregi. Un eccezionale impatto visivo ed emotivo suscitano nel lettore alcuni miti che Seneca ricorda nelle sue tragedie e che il miniatore raffigura accuratamente, come la discesa di Ercole nell’Ade e la cattura di Cerbero, o come la struggente storia di Orfeo ed Euridice.

{url}
Tesori svelati

Astronomicon Libri

Il codice Bodley 646, conservato presso la Bodleian Library di Oxford, contiene gli Astronomicon libri di Basinio da Parma, il primo poema astronomico dell’Umanesimo italiano, scritto nel 1455 circa alla corte di Sigismondo Malatesta. All’interno della tradizione manoscritta del poema, il membranaceo Bodley 646 rappresenta uno degli esempi più raffinati e affascinanti. Negli Astronomicon libri, Basinio ci descrive in maniera dettagliata la struttura del cosmo, le costellazioni e le loro stelle e i moti del Sole e dei pianeti. Il codice fu copiato in Italia attorno al 1460 su commissione dello studioso inglese John Tiptoft, conte di Worcester, che durante il suo soggiorno nella penisola fece trascrivere una serie di opere, trasferite con lui in Inghilterra al rientro. Il manoscritto fu poi donato da Sir Richard Worsley alla Bodleian Library nel XVII secolo. Le miniature delle costellazioni zodiacali e i diagrammi celesti Composto da trentacinque carte (più due carte di guardia), il codice è riccamente decorato. La sua preziosità è data dalle trentotto miniature colorate delle costellazioni zodiacali che corredano le descrizioni fornite da Basinio nei suoi esametri latini. Nelle bellissime illustrazioni sono anche rilevate in oro le stelle che compongono ciascuna costellazione. Sul verso della prima carta di guardia, colorato interamente, è presente su sfondo rosso il nome del copista, Angelo Aquilano. Al f. 1r si trova invece una magnifica illustrazione in cui il titolo e l’autore dell’opera sono riportati in lettere capitali dorate su uno sfondo blu brillante. In essa si possono vedere, dall’alto verso il basso, una ghirlanda verde che sormonta una palma con frutti dorati e marroni. Su entrambi i lati sono presenti due anfore rosse, mentre due amorini ...

{url}
Tesori svelati

Roman de la Rose

La collana «Tesori svelati», dopo i successi di Decameron , Romanzo d’Alessandro e Notitia Dignitatum , si arricchisce di un nuovo gioiello: il facsimile del manoscritto Douce 195, contenente il Roman de la Rose, poema allegorico francese del XIII secolo, realizzato per Luisa di Savoia (1476-1531), madre del re di Francia Francesco I, e corredato da un Commentario, teso a fornire al lettore gli strumenti necessari per comprendere l’opera sia dal punto di vista filologico, sia da quello artistico Il Roman de la Rose, poema allegorico in ottosillabi, fu composto, fra il 1229 e il 1236 da Guillaume de Lorris, e fra il 1275 e il 1280, da Jean de Meung, e godette di immensa fortuna, ebbe varie traduzioni e influenzò notevolmente la letteratura europea fino al XV secolo. In Italia fu imitato in due poemetti attribuiti a Dante, il Detto d’Amore, e il Fiore. LE CARATTERISTICHE DEL FACSIMILE 399 copie numerate a mano Riproduzione integrale del manoscritto Douce 195, conservato presso la Bodleian Library a Oxford 166 carte (332 pagine: 320 pergamenacee, 12 cartacee), stampate in quadricromia offset con oro in pasta e oro a caldo, fustellate, di formato cm 23,5 × 34,2 127 miniature (127 di cui 7 su due colonne); la c.1r, nell’incipit del poema reca il capolettera M, decorato in blu su fondo rosso e oro, con le armi congiunte degli Orléans e dei Savoia Piegatura e cucitura manuali; legatura in pelle bordeaux con impressioni in oro su fronte, retro, dorso, dentelle e labbro; capitelli in colore ecru e oro, fatti a mano Stampa del facsimile con retino stocastico su carta pergamenata Luxor delle cartiere Fedrigoni, da 190 grammi Tiratura mondiale di 399 copie numerate a mano (+ 10 esemplari non venali fuori numerazione) Riproduzione facsimilare custodita in un ...

Le nostre Sedi

0