Questo sito contribuisce all'audience di

CATALOGO STORICO

La Divina Commedia. Il codice Egerton

Il codice, conservato presso la British Library, è uno dei manoscritti più lussuosi e precoci dell’intera Commedia di Dante Alighieri, il più antico fra i superstiti ad essere completamente illustrato (edizione in facsimile e commentario 2015).

Descrizione

Il codice, conservato presso la British Library, è uno dei manoscritti più lussuosi e precoci dell’intera Commedia di Dante Alighieri, il più antico fra i superstiti ad essere completamente illustrato (edizione in facsimile e commentario 2015).

Composto di quasi 190 carte pergamenacee di formato medio-grande e copiato nel tipo di scrittura libraria per eccellenza, la gotica textualis, con un commento latino e ben 253 tra miniature e disegni schematici, è un codice sontuoso, frutto di un lavoro d’équipe verosimilmente durato non meno di due anni, che promuove il grande poema volgare di Dante a testo degno di essere letto e commentato.

Il manoscritto non è datato, né sottoscritto da copisti o possessori, ma la sua fattura, la tipologia di scrittura, la patina linguistica, l’attribuzione delle miniature al cosiddetto Maestro degli antifonari padovani e una serie di ulteriori dati interni, che emergono in particolare dall’apparato di glosse, ci permettono di collocarlo attorno al 1340, in un’area tra l’Emilia e il Veneto.

Leggi tutto

dati tecnici

Volumi in formato
cm 39,4x26,5
1
Pagine
376
Miniature
253
Tiratura copie
numerate a mano
599

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

{url}
Tesori svelati

Portolano 6.
La carta universale in stile marino di Giorgio Sìderi detto Calapodà

Dopo la Mappa mundi 1457 e l’Atlante nautico di Battista Agnese, Treccani dà alle stampe un’altra importante edizione facsimilare nell’ambito della cartografia marittima cinquecentesca, in soli 749 esemplari numerati: la Carta universale in stile marino con elementi corografici, opera di Giorgio Sìderi detto Calapodà, cartografo di origine cretese, datata 1550 e conservata presso la Biblioteca del Museo Correr di Venezia e nota come Portolano 6 . Di grandi dimensioni, la carta rappresenta il mondo conosciuto dall’istmo centro-americano fino all’estremità orientale del Mar Caspio e dell’Arabia, e dall’estremità settentrionale del golfo di Botnia al Rio de la Plata. Il disegno, il reticolato e le scale sono quelli delle carte marine, ma sono presenti una scala di latitudine e una di longitudine, oltre a fiumi e montagne, e a molti nomi di città, regioni e regni dell’interno dei continenti. La carta di Calapodà ci descrive un’epoca, un gusto e un interesse comune, e ci introduce nel mondo in cui è stata prodotta, e in quello dei suoi destinatari, i dignitari e le loro famiglie. Il Commentario Il Commentario , sotto la direzione scientifica di Tullio Gregory, è composto da oltre 200 pagine, con un’introduzione di Gino Benzoni. Seguono uno studio di Marica Milanesi dedicato all’analisi storica e filologica e all’analisi codicologica e un contributo di Camillo Tonini sull’ excursus storico delle acquisizioni cartografiche che costituiscono il vanto del Museo Correr di Venezia. I l Commentario comprende anche un apparato di Tavole fuori testo composto di 48 pagine, seguito dalla sezione dei Toponimi , fondamentale per orientarsi nella lettura della carta, con un indice generale dei toponimi stessi, seguito dall’analisi sezione per sezione.  

{url}
Tesori svelati

Il Romanzo di Alessandro Magno. I viaggi di Marco Polo

Il codice (contenente i versi in francese antico del Roman d’Alexandre e di altri poemi dedicati all’epopea di Alessandro Magno, il testo in medio-inglese dell’Alexander and Dindimus in versi allitterati e il resoconto dei viaggi di Marco Polo, intitolato Livres du graunt Caam), vergato e miniato prima in Belgio, nella città di Tournai, nella prima metà del XIV secolo, poi a Londra, nella prima decade del secolo successivo, è conservato presso la Bodleian Library di Oxford (edizione in facsimile e commentario 2014). Importante esempio non solo di ars illuminandi, ma di plurilinguismo stilistico, il codice, di grandi dimensioni, testimonia il sorgere dell’interesse per i viaggi, le esplorazioni e l’Oriente, ed è considerato uno dei più preziosi dell’epoca medievale.

{url}
Tesori svelati

Anatomia depicta

Il codice del mantovano Filippo Cavriani (nuove accessioni 329, grandi Formati 64), datato Parigi, post 1584 per la stesura del testo, è conservato presso la Biblioteca nazionale centrale di Firenze (edizione in facsimile e commentario 2010). Scoperto dal medico e bibliotecario Giovanni Targioni Tozzetti, che lo visionò nel 1752 presso la biblioteca di Giovanni Giraldi (dispersa nel corso del XIX secolo), il codice fu acquisito dalla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze nel 1912. Opera del nobile mantovano Filippo Cavriani, che tra la metà del XVI secolo e i primi del XVII congiunse la conoscenza delle humanae litterae a quella dell’ars medica, raccoglie nelle sue pagine i resoconti delle esperienze cliniche e autoptiche dell’autore, costituendo un documento eccezionale nel panorama scientifico e artistico del tempo.   Guarda il video.

{url}
Tesori svelati

Cristoforo Colombo - Il Libro d'ore - Codicillo militare

Il codice (cors. 55 K 28), realizzato tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo, noto per la presenza al suo interno del cosiddetto codicillo militare di Cristoforo Colombo, è conservato presso la Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana (edizione in facsimile e commentario 2007). La notorietà e l’importanza storica del codice, che presenta un ricco apparato decorativo, sono strettamente intrecciate alla fama del codicillo militare, a firma di Cristoforo Colombo. Sul codicillo poggia la tradizione che il libro d’ore fosse stato donato da Alessandro VI a Cristoforo Colombo. Fin dal XVIII secolo lo scritto è stato oggetto di appassionate controversie fra gli storici delle carte colombiane, che ne hanno accolto o contestato la paternità, pertanto l’edizione in facsimile del codice è accompagnata da approfonditi studi paleografici e liturgici e da un’accurata trascrizione e traduzione del testo latino.

Le nostre Sedi