Occhétto, Achille

Enciclopedie on line

Occhétto, Achille. - Uomo politico italiano (n. Torino 1936). Segretario della federazione giovanile comunista (1963-66), quindi segretario del PCI in Sicilia (1969-77), fu eletto deputato nel 1976 e nelle successive legislature. Coordinatore della segreteria (1986) e vicesegretario (1987) del PCI, nel 1988 venne eletto segretario generale. Nell'autunno 1989, anche in seguito alla crisi in atto nei paesi dell'Europa orientale, propose la formazione di una nuova forza politica di sinistra. Il 20º congresso del PCI (1991) diede vita al Partito democratico della sinistra, del quale lo stesso O. venne eletto segretario. Come leader del PDS, di fronte alla crisi del sistema politico italiano, O. sostenne la riforma in senso maggioritario della legge elettorale (1993). In seguito alla sconfitta dei progressisti nelle elezioni politiche del marzo 1994 (che fu sostanzialmente confermata nella successiva consultazione per il parlamento europeo), nel giugno 1994 O. lasciò la segreteria del PDS. Parlamentare europeo dal 1989, venne confermato alle elezioni del 2004. Senatore dal 2001 al 2006 (Gruppo misto - Libertà e giustizia per l'Ulivo), dal 2006 al 2007 è parlamentare europeo come indipendente nel Partito socialista europeo. Tra i suoi scritti: Il sentimento e la ragione (1994), Governare il mondo. La nuova era della politica internazionale (1998), Secondo me (2000) e Potere e antipotere (2006).