Lisergico, acido

    Enciclopedie on line

lisergico, acido Acido monocarbossilico contenente il nucleo eterociclico dell’indolo, formula

si ottiene, analogamente alla sua ammide, o ergina, per idrolisi degli alcaloidi degli sclerozi della segala cornuta (Claviceps purpurea), che sono tutti derivati dell’acido lisergico.

Alcuni derivati di sintesi dell’acido l., precisamente la dietilammide e la monoetilammide, si sono rivelati dotati di notevoli proprietà psicomimetiche, perché la loro somministrazione provoca lo sviluppo di stati analoghi a quelli che si osservano nelle psicosi. La dietilammide (o LSD) è stata sintetizzata nel 1938 da A. Hofmann, che nel 1943 ne individuò i particolari effetti; è attiva nella forma destrogira, a dosi minime, dell’ordine dei milionesimi di g, con effetti neurologici (iperriflessia spinale), neurovegetativi, per azione sull’ipotalamo e sul bulbo (aumento della pressione arteriosa, del respiro e del metabolismo basale; iperglicemia, oliguria ecc.), elettroencefalografici (attività elettrica parossistica a livello delle circonvoluzioni dell’ippocampo e dell’amigdala) e psichici; questi ultimi consistono in variazioni del tono dell’umore, con euforia, che può essere interrotta da crisi di segno opposto (cioè di depressione con ansia), allucinazioni visive e deformazioni delle figure, alterazioni dello schema corporeo, fenomeni di depersonalizzazione e di derealizzazione, rallentamento del pensiero, orientamenti paranoidi interpretativi. Per le sue proprietà psicomimetiche, la dietilammide è stata introdotta in psicoterapia, non senza sollevare aspre critiche, allo scopo di mobilitare il materiale inconscio e di facilitare l’esplorazione ( anche psicolisi). Le stesse proprietà, unite alla facilità della sua sintesi e alle difficoltà della sua individuazione, ne hanno fatto una droga stupefacente di uso molto diffuso e allo stesso tempo molto insidioso, per gli effetti immediati e per quelli tardivi: i fenomeni di depersonalizzazione e di derealizzazione, le attività paranoidi indotte dalla sua assunzione, anche alle prime esperienze o ‘viaggi’, possono portare ad atti estremamente pericolosi, come lanci nel vuoto, mutilazioni, aggressioni; come conseguenze dell’uso protratto sono stati descritti danni epatici, lesioni cromosomiche che si ripercuotono sulla prole e mutamenti permanenti della personalità psichica, con scardinamento della scala dei valori morali e inaridimento degli interessi.

L’altro derivato di sintesi dell’acido l., la monoetilammide, induce effetti analoghi, ma è molto meno attiva della precedente, determinando soprattutto un rallentamento psicomotorio.

Foto su Lisergico, acido

Approfondimenti

Lisergico, acido > Dizionario di Medicina (2010)

lisergico, acido Alcaloide della famiglia delle ergotossine (prodotte dal parassita Claviceps purpurea che infesta segale e grano, ¿ ergotismo), sintetizzato per la prima volta da Albert Hofmann nel 1938; nel corso delle sue ricerche sui derivati del... Leggi

Argomenti correlati

Ergotismo

ergotismo L’intossicazione prodotta dagli alcaloidi della segale cornuta; si verifica per abuso terapeutico di essi o in forma epidemica, per l’uso di farine contaminate da polvere di sclerozi del fungo Claviceps purpurea. L’avvelenamento si manifesta con due sindromi distinte, quella gangrenosa (disturbi circolatori agli arti fino alla gangrena) e quella neurologica (allucinazioni, convulsioni ecc.).

Tropina

tropina Composto organico eterociclico, base terziaria e alcol secondario di formula È presente come estere nell’atropina e nella iosciamina, dalle quali si può ottenere per idrolisi, assieme a una molecola di acido tropico. Alcaloidi della t. Gruppo di alcaloidi, che contengono tutti la molecola della t. con il gruppo alcolico esterificato da un acido organico (tropico, benzoico, cinnamico ecc.), largamente diffusi in natura nelle solanacee, convolvulacee ecc., e suddivisi, di solito, nei sottogruppi dell’atropina, della scopolammina, della cocaina e della dioscorina

Coca

coca Arbusto o alberetto (Erythroxylon coca; fig. 1) delle Eritroxilacee, alto fino a 4 m, con foglie brevemente picciolate, fiori bianchi in cime ascellari, drupe oblunghe, rosse, lunghe circa 1 cm o poco più. Originario delle Ande del Perù e della Bolivia, dove è anche coltivato. In commercio si trovano le foglie di esemplari coltivati nell’America Meridionale, nelle Indie e a Giava, nonché le foglie della specie affine Erythroxylon novogranatense della Colombia. Le foglie di c

Schizofrenia

schizofrenia Termine, coniato da E. Bleuler, che fa riferimento alla caratteristica essenziale di un vasto gruppo di psicosi il cui fenomeno psicopatologico fondamentale è costituito da un processo di disgregazione (dissociazione) della personalità psichica; questo processo si traduce in gravi disturbi della strutturazione del pensiero, della dinamica affettiva e dell’apprezzamento dei rapporti tra ‘Io’ e ambiente circostante.Il concetto di s. ha il suo termine di confronto diretto in quello coniato da E

Invia articolo Chiudi