Alaska

Enciclopedie on line

Alaska Stato federato degli Stati Uniti (1.530.700 km2 con 670.053 ab. nel 2006), il più vasto dell’Unione, ma il meno densamente abitato; occupa l’estremità NO del Nordamerica ed è separato dal resto degli USA per l’interposizione di un lembo di territorio canadese. Vi si distinguono tre regioni: quella costiera pacifica, percorsa da una serie di catene imponenti, culminanti nel MacKinley, massima vetta del Nordamerica; quella centrale, formata da un antico altopiano solcato dallo Yukon e da altri fiumi; quella artica, con un’altra catena (Brooks Range) orlata verso il Mare Artico da una fascia pianeggiante. Le tre regioni sono diverse anche climaticamente: la prima è piovosa, con inverni piuttosto miti ed estati fresche; in quella interna il clima è di tipo freddo continentale, siccitoso, con inverni gelidi ed estati fresche; quella artica ha carattere tipicamente polare. Il fiume più notevole è lo Yukon, che sbocca nel Mare di Bering. 

La popolazione per la massima parte è alloctona. I 35.500 ab. del 1880 si raddoppiarono nei successivi vent’anni con lo sfruttamento aurifero. A distanza di oltre un secolo (inizi del 2000) la compagine demografica è formata per l’80% da Bianchi, e per il resto da Aleutini e Inuit, nonché da Neri e Ispanici trasferiti da altre parti degli USA. La maggiore città è Anchorage (che dispone di un attrezzato aeroporto); seguono, a distanza, la capitale, Juneau, Fairbanks, e poi i porti di Valdez e Nome. Le attività tradizionali sono la pesca, il commercio di pellicce, l’allevamento della renna, il taglio del legname, l’estrazione di minerali metallici (tra cui oro e altri preziosi). A partire dai primi anni 1960 la massima risorsa è il petrolio, scoperto in quantità cospicua nel giacimento di Prudhoe Bay, presso la costa artica, collegato con il porto di Valdez da un oleodotto di 1280 km; nel 2002 sono stati estratti poco meno di 60 milioni di t. Anche il turismo è divenuto un’attività rilevante, soprattutto per l’attrazione esercitata dai diversi parchi nazionali. 

Dipendono dall’A., oltre le Aleutine, le isole del Mare di Bering e cioè: le Pribilof, costituenti zone di rispetto per le otarie, le renne e le volpi; San Lorenzo, abitata da Inuit; San Matteo, disabitata, adibita a oasi per gli uccelli e la Piccola Diomede.

storia

L’esplorazione del paese iniziò nel 1741 con V.J. Bering. Nella seconda metà del sec. 18° importanti spedizioni (tra cui quella di J. Cook, 1778) esplorarono la costa pacifica e nella prima metà del 19° quella polare. Nel 1863 fu rimontato il corso dello Yukon. La graduale esplorazione e il popolamento del paese furono opera di compagnie commerciali per la caccia di animali da pelliccia: prima fu quella dei commercianti siberiani Selikov e Golicov che nel 1783 fondarono uno stabilimento nell’isola Kodiak. Nel 1799 lo zar Paolo I concedeva il monopolio del commercio delle pellicce e l’esercizio dei poteri sovrani in tutto il dominio del Pacifico a N del 51° parallelo alla costituita Compagnia russo-americana. 

In seguito, l’impossibilità di fronteggiare la concorrenza inglese e americana indusse il governo russo a trasferire il possesso agli USA dietro pagamento di 7.200.000 dollari (trattato del 30 marzo 1867). Solo nel 1884 il nuovo dominio americano fu organizzato amministrativamente come un distretto dello Stato di Oregon, poi trasformato in territorio nel 1912. Nel 1959 l’A. è divenuto il 49° Stato dell’Unione.

Catena Alaskana (ingl. Alaska Range) Catena montuosa dell’A. meridionale che, inarcandosi nell’interno, fronteggia la Cook Inlet e la penisola di Kenai. Raggiunge nel Monte MacKinley (6196 m) la massima altezza di tutta l’America Settentrionale. Golfo d’A. Ampia insenatura dell’Oceano Pacifico, lungo le coste meridionali dell’Alaska. Penisola dell’A. La maggiore penisola che si stacca dalla regione omonima, verso SO, tra la baia di Bristol a N e l’insenatura di Cook a SE. È lunga 800 km ed è percorsa dalla catena Aleutina. Si prolunga nelle isole Aleutine, con cui geograficamente viene a formare una sola unità. A. Highway Strada dell’America Settentrionale (2443 km), che unisce il Canada con l’Alaska. Aperta nel 1942, ha inizio a Dawson Creek, nella Columbia Britannica orientale, e termina a Fairbanks.