Vandermonde, Alexandre-Théophile

    Enciclopedie on line

Vandermondevandermõ´d›, Alexandre-Théophile. - Matematico (Parigi 1735 - ivi 1796), direttore (dal 1782) del Conservatorio d'arti e mestieri e insegnante alla Scuola navale; membro dell'Institut de France (Académie des sciences, 1795). Durante la rivoluzione fu giacobino. Si occupò di musica, metallurgia (in collaborazione con G. Monge eseguì una ricerca sugli strati metallici del ferro) e pubblicò quattro lavori di matematica, riguardanti equazioni algebriche e sistemi di equazioni lineari; porta il suo nome un particolare determinante.

Argomenti correlati

Molard, Pierre-Claude

Molard, Pierre-Claude. - Ingegnere (Cernoisses, Giura, 1758 - Parigi 1837). Fu (1796) tra i fondatori del Conservatorio di arti e mestieri di Parigi, di cui divenne (1801) amministratore; membro (1816) dell'Académie des sciences. Autore di varie opere di storia della meccanica.

Becquerel, Alexandre-Edmond

Becquerel, Alexandre-Edmond. - Fisico (Parigi 1820 - ivi 1891). Figlio di Antoine-César, fu prof. al Conservatorio d'arti e mestieri e (dal 1878) al Museo di storia naturale di Parigi. Sono notevoli i suoi lavori di ottica e di spettroscopia (fu il primo a fotografare lo spettro del Sole) e quelli relativi alle radiazioni infrarosse e al loro effetto nei fenomeni della fosforescenza.

Garnier, René

Garnier, René. - Matematico francese (1887-1984); professore alla facoltà di Scienze di Poitiers (1920) e di Parigi (1928-58); membro dell'Institut de France (Académie des sciences, 1952), socio straniero dei Lincei (1972). Le sue ricerche vertono soprattutto sui sistemi di equazioni differenziali e sul problema di Plateau. Ha curato, insieme con J. Dieudonné, la pubblicazione delle opere di C. Jordan e di H. Poincaré.

Lecomte, Jean

Lecomte, Jean. - Fisico francese (Parigi 1898 - ivi 1979); direttore presso il Centro nazionale di ricerca scientifica (1958-71); dal 1959 membro dell'Institut de France (Académie des sciences); socio straniero dei Lincei (1965). Ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo della spettroscopia dell'infrarosso prossimo e lontano.

Invia articolo Chiudi