BIANCO, Andrea

BIANCO, Andrea

Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 10 (1968)
di Angela Codazzi

BIANCO, Andrea. - Uomo di mare e cartografo veneziano del sec. XV. Sono scarsissime le notizie biografiche, consistenti quasi esclusivamente in alcuni documenti conservati nell'Archivio di Stato di Venezia ed in attestazioni registrate dal B. stesso nei suoi lavori cartografici. Nel fondo Collegio, Notatorio, dell'Archivio dei Frari il nome del B. appare dieci volte fra il 1437 ed il 1451: egli risulta, infatti, iscritto alla prova per "ammiraglio" nelle galee della Tana (1437), alla prova per "ammiraglio" e "uomo di consiglio" nelle galee di Fiandra (1438), di Beirut e di Alessandria (1440), di Fiandra (1443), di Romania (1445), di Fiandra (1446), di Barberia (1447), ancora di Fiandra (1449, 1450, 1451). Un atlante del B., conservato nella Biblioteca di S. Marco a Venezia, porta la leggenda: "Andreas. Biancho. deveneciis. me fecit M. CCCC.XXX.VI". La carta nautica posseduta dalla Biblioteca Ambrosiana a Milano avverte che "Andrea. Biancho. venician. comito. degalia. mifexe - a londra. M.CCCC.XXXX.VIII". Il B. collaborò anche con il camaldolese fra' Mauro per il celebre mappamondo posseduto dalla Biblioteca di S. Marco a Venezia, poiché nel registro d'entrata e d'uscita del monastero di S. Michele a Murano, dove appunto lavorò fra' Mauro, si legge in data 10 marzo 1459 di una certa somma dovuta a "Sier Andrea Biancho... per suo premio del lavorier lui fece al dicto mapamundi". Fino ad ora non sono conosciute altre notizie relative al B., oltre a quelle citate, che lo mostrano attivo nel Mediterraneo e lungo le coste atlantiche d'Europa.

L'atlante del B. del 1436, assicurato alla Biblioteca Nazionale Marciana dal lascito di Giacomo Contarini del 1713, porta la segnatura Ms. It. fondo antico 76 (4783); membranaceo, consta di dieci tavole, misuranti approssimativamente cm. 25,8 in altezza e cm. 37,5-38 in larghezza. Presenta riuniti in un'unica opera i vari elementi, ancora caratteristici della cartografia del tempo: carte nautiche con un compendio delle operazioni trigonometriche, la cui conoscenza era necessaria ad un uomo di mare per pilotare, un abbozzo di carta che pare voler anticipare quelle corografiche, un mappamondo di tipo nettamente medievale, un mappamondo tolemaico.

La prima carta presenta "lo amaistramento de navegar per la raxon de marteloio..."; il metodo, secondo il quale vengono tracciate sulle carte nautiche le rose dei venti; un riportatore sulle carte degli angoli di rotta; una rosa dei venti. Le carte dalla seconda alla sesta raffigurano secondo lo schema delle carte nautiche il mar Nero, il Mediterraneo orientale con l'arcipelago e le terre che si affacciano su quel mare in Europa, Asia, Africa; il Mediterraneo centrale con il "colfo de vegnexia", l'Italia e le terre a nord di essa fino alle "alpis alemanie", il "mar de lion", le Baleari, le coste iberiche orientali, l'Africa nord-occidentale; le coste della penisola iberica, dell'Africa nord-occidentale e le isole atlantiche fino alla "antillia", delineata per la prima volta dal genovese Batista Beccario nel 1435 e per la seconda volta nella carta del B. ora considerata; le coste della Francia e le isole britanniche ("Inghellttera", "Schocia", "Iruanda"). La settima carta raffigura l'Europa settentrionale con reticolato nautico, ma con la delineazione anche dell'Europa centro-orientale, arricchita da numerosissime leggende in scorrettissimo latino. L'ottava tavola rappresenta l'area del portolano normale, in scala ridotta rispetto alle cinque carte precedenti e senza l'"Antillia". Le isole britanniche sono delineate con una forma più arcaica di quella che si presenta nella tavola sesta. La nona carta è un planisfero di tipo medioevale tradizionale, fantastico. Abbastanza buona è la raffigurazione del Mediterraneo, ma per il resto presenta gli errori caratteristici dei mappamondi medievali, sia per la forma, sia per la collocazione dei toponimi, sia per l'abbondanza delle leggende fantastiche delle quali si dilettarono gli studiosi da Solino in poi. La decima ed ultima tavola è un mappamondo completamente tolemaico, quale si trova in numerosi codici della Geografia di Tolomeo e che la stampa doveva render comune a partire dal 1477.

La carta nautica del B. del 1448, posseduta dalla Biblioteca Ambrosiana a Milano (segnatura F. 260 inf.), è in ottimo stato di conservazione e misura in larghezza da un massimo (al collo della pergamena) di mm. 850 ad un minimo di mm. 775 ed in altezza da mm. 630 a mm. 515. Raffigura le terre che si affacciano sull'Atlantico dalla Frisia in Europa ai capi "verde" e "roso" in Africa e le isole dell'Oceano; non figura però l'"Antillia". È carta di grandissimo interesse per la storia delle scoperte portoghesi lungo le coste dell'Africa fino al 1445, l'anno in cui Nuño Tristram raggiunse le terre dei Negri. Forse il B. andando a Londra avrà avuto modo di raccogliere in Portogallo le notizie delle nuove scoperte e volle fissarle immediatamente sulla carta. Il codice dell'Ambrosiana contiene anche una seconda carta nautica anonima, che però non si può attribuire al Bianco.

Bibl.: G. Toaldo, Fondamento e spiegazione di un'antica regola di navigare chiamata la Rason del Martelogio, in Saggi di Studi veneti, Venezia 1782, pp. 43-61; J. F. De la Harpe, Comp. della storia generale de' viaggi, VI, Venezia 1782, pp. 203-211; V. Formaleoni, Saggio sulla nautica antica dei Veneziani, in J. F. De La Harve, Comp. della storia generale de' viaggi, XX, Venezia 1783, p. 60; P. Zurla, Il mappamondo di fra' Mauro Camaldolese, descritto ed illustrato, Venezia 1806, V. 85; Id., Di M. Polo e degli altri viaggiatori veneziani più illustri, II, Venezia 1818, pp. 331-342; A. von Humboldt,Examen critique de l'histoire de la Géographie du nouveau continent…, Paris 1836-1839, II, pp. 178-211; M. F. Santarem, Essai sur l'histoire de la Cosmographie et de la Cartographie pendant le Moyen Age, Paris 1849-1853, III, pp. 143-145 (con riproduzione del mappamondo nell'Atlante del B. del 1436); J. Lelewel, Géographiedu Moyen Age, II, Bruxelles 1852-1857, pp. 8487, Atl. tav. 32; F. Miniscalchi Erizzo, Le scoperte artiche, Venezia 1855, p. 121 (con riprod. della settima tavola dell'atlante del B. del 1436); M. G. Canale, Storia del commercio, dei viaggi, delle scoperte e carte nautiche degl'Italiani, Genova 1866, pp. 447-453; Der Atlas des A. B. vom Jahre 1436 in zehn Tafeln…, a cura di M. Münster-O. Peschel, Venedig 1869 (fotografia dell'intero atlante del B. del 1436); C. Desimoni, Osservazioni sovra due portolani di recente scoperti e sovra alcune proprietà delle carte nautiche, in Giornale ligustico, II(1875), pp. 273 s.; P. Amat di San Filippo, Nota illustrat. del Planisfero disegnato nel 1436 dal Veneziano A. B…, in Boll. della Soc. Geogr. Ital., serie 2, XIII (1879), pp. 560-570 (con facsimile della tavola nona dell'atlante del B. del 1436); Facsimile della carta nautica di A. B. dell'anno 1448, a cura di T. Fischer, Venezia 1881 (in 4 tavole); P. Amat di San Filippo-G. Uzielli,Studi biografici e bibliografici sulla storia della geografia in Italia, II, Roma 1882, pp. 67 s.; Th. Fischer,Ueber italienische Seekarten und Kartographen des Mittelalters, in Zeitschrift der Gesellschaft für Erdkunde zu Berlin, XVII(1882), p. 51; Id.,Sammlung mittelalterlischer Welt- und Seekarten italienischen Ursprungs und aus italienischen Bibliotheken und Archiven, Venedig 1886, pp. 52 s., 88, 97, 207-210; K. Kretschmer,Die Entdeckung Amerika's in ihrer Bedeutung für die Geschichte des Weltbildes, Berlin 1892, pp. 195-210 (riproduzioni parziali dell'atlante del B. del 1436, tav. III, n. 12, e tav. IV, n. 2); E. A. D'Albertis,Le costruzioni navali e l'arte della navigazione al tempo di Cristoforo Colombo, in Racc. di doc. e studi pubbl. dalla R. Comm. Colombiana pel IV centenario della scoperta dell'America, IV, I, Roma 1893, pp. 125-152 (con facsimile della prima tavola dell'atlante del B. del 1436); K. Miller,Mappaemundi. Die ältesten Weltkarten, III, Stuttgart 1895, pp. 143-145 (con facsimile ridotto del mappamondo medioevale contenuto nell'atlante del B. del 1436); C. Errera,Della carta di A. B. del 1448 e di una supposta scoperta del Brasile del 1447, in Mem. della Soc. Geogr. Ital., V(1895), pp. 202-225; C. Errera,Atlanti e carte nautiche dal sec. XIV al XVII,conservati nelle biblioteche pubbliche e private di Milano, in Riv. Geogr. Ital., III(1896), pp. 388 s.; A. E. Nordenskiöld,Periplus, Stockholm 1897, pp. 61 s. e passim (fig. 7 e tavv. XX e XXI, con la riproduzione di quattro carte dell'atlante del B. del 1436); K. Kretschmer, Die italienischen Portolane des Mittelalters, Berlin 1909, pp. 130-132; W. H. Babcock, Antillia and the Antilles, in The Geograph. Rewiew, V(1920), pp. 118 s.; Id., Legendary Islands of the A tlantic, New York 1922, pp. 46, 122, 156 s., 179, 185; Ch. de la Roncière,La découverte de l'Afrique au Moyen Age, Le Caire 1925, pp. 48, 123; P. Revelli, I codici ambrosiani di contenuto geografico, Milano 1929, p. 59; Id., C. Colombo e la scuola cartografica genovese, Genova 1937, pp. 347, 355-357, 364, 368; R. Almagià,Monumenta cartographica Vaticana, I, Città del Vaticano 19, pp. 35, 37; Youssouf Kamal,Monumenta cartographica Africae et Aegypti, V, Le Caire 1951, I, tav. 1492 (riproduzione in grandezza dell'originale della carta nautica del B. del 1448); T. Gasparrini Leporace, Mostra "L'Asia nella cartografia degli occidentali". Catalogo descrittivo, Venezia 1954, p. 16 (riproduzione del planisfero del B. del 1436); Comune di Venezia, Mostra dei navigatori veneti del Quattrocento e del Cinquecento, Venezia 1957, pp. 80 s., 92 s. (riproduzione della tavola V dell'atlante del B. del 1436); L. Bagrow,History of cartography, a cura di R. A. Skelton, London 1964, pp. 72 s.; Monumenta cartographica vetustioris aevi, I, Amsterdam 1964, pp. 246 s., 249.

Pubblicità

Categorie