Angolo

Enciclopedie on line

angolo

matematica

In geometria, a. piano, o più semplicemente a., è una regione di piano compresa tra due semirette uscenti da uno stesso punto. Analogamente, nello spazio, a. solido è una regione dello spazio stesso, variamente delimitata. L’a. piano e l’a. solido sono grandezze supplementari del sistema internazionale SI.

1. A. piani

1.1 A. di due semirette. - Due semirette a, b, aventi in comune l’origine V dividono il piano in due parti, ciascuna delle quali è un a.; le due semirette si dicono i lati dell’a., l’origine V il vertice dell’angolo. Uno dei due a. si dice convesso, l’altro concavo: nell’a. convesso (fig. A 1) i prolungamenti dei lati cadono fuori dell’a., mentre essi cadono dentro l’a. quando questo è concavo (fig. A 2). In modo naturale si definisce l’uguaglianza di due a.: due a. sono uguali quando sono sovrapponibili. Un a. è generalmente indicato con una lettera minuscola dell’alfabeto greco oppure sovrapponendo il segno agli elementi che determinano l’angolo. 

1.2 A. di due retteDue rette d’un piano, tagliandosi in un punto O, formano quattro angoli (convessi) aventi lo stesso vertice O (fig. A 3). Essi possono essere considerati a coppie in due modi diversi: si può accoppiare a ognuno dei 4 a. l’a. che ha per lati i prolungamenti dei lati del primo ( a. opposti al vertice, come α e γ in fig. A 3), oppure un a. che ha con il primo un lato in comune ( a. adiacenti, come α e β in fig. A 3). Due a. opposti al vertice sono sempre uguali. Se accade che i 4 a. formati dalle due rette siano tutti uguali tra di loro, le due rette si dicono perpendicolari (o normali), e ciascuno dei 4 a. si dice retto (fig. A 4). 

Un a. tale che i suoi lati siano l’uno il prolungamento dell’altro si dice a. piatto (fig. A 5); si dice a. giro quando i due lati coincidono (fig. A 6). Un a. maggiore del retto, ma minore del piatto, si dice ottuso (fig. A 7); un a. minore di un a. retto si dice acuto (fig. A 8); un a. compreso tra l’a. piatto e l’a. giro è concavo, mentre un a. minore di un piatto è convesso. Se la somma di due angoli è un a. retto, i due angoli si dicono complementari; se è un a. piatto, supplementari; se la loro somma è un angolo giro, replementari; se la loro differenza è un angolo piatto, explementari

1.3 Misura degli angoliNella pratica, gli a. si misurano in gradi sessagesimali, talvolta in gradi centesimali. Un grado sessagesimale è la novantesima parte dell’a. retto, che equivale a 90°. L’a. piatto vale allora 180°, l’a. giro 360°. Un grado centesimale o gon è la centesima parte dell’a. retto. Nel sistema internazionale SI si ha una misura intrinseca degli a. usando come unità il radiante; questo è definito come l’a. al centro, in un cerchio, compreso tra due raggi che intercettano sulla circonferenza un arco di lunghezza pari a quella del raggio R (fig. A 8). Poiché 2πR è la lunghezza dell’intera circonferenza, le misure in radianti dell’a. giro, dell’a. piatto e dell’a. retto risultano rispettivamente pari a 2π, π, π/2. Dalla loro proporzionalità diretta discende immediatamente che la misura, α, di un angolo in gradi sessagesimali è legata a quella, ϑ, in radianti dalla relazione: 

formula

da cui segue 1 rad = 57°17′45″. In pratica la misura degli a. si effettua con appositi strumenti (goniometro, sestante, teodolite ecc.) graduati per lo più in gradi sessagesimali. 

1.4 Misura con segno degli angoli. - Un a. si può anche pensare come la parte del piano spazzata da una semiretta r che ruoti in uno dei due sensi possibili fino a sovrapporsi a una semiretta s avente la stessa origine di r. Conviene, per distinguere i due casi, considerare come positivo uno dei due possibili sensi di rotazione, per es. quello antiorario, e attribuire agli a. descritti da una semiretta che ruoti in senso antiorario misura positiva, a quelli descritti in senso orario misura negativa. Per es., i due angoli delle fig. A 9 e 10, generati, il primo dalla sovrapposizione di s su r (rotazione antioraria), l’altro dalla sovrapposizione di r su s (rotazione oraria), hanno lo stesso valore assoluto, ma segno opposto. 

1.5 A. di due rette orientate. - Anche per poter parlare dell’a. di due rette orientate r ed s, uscenti da un punto O, occorre fissare un verso positivo delle rotazioni nel piano (per es. il verso antiorario). Si intende allora per a. di r con s (in questo ordine), e si indica con ∧→rs l’a. descritto dalla semiretta orientata Or che ruoti in senso antiorario fino a sovrapporsi alla semiretta orientata Os (fig. A 11). L’a. ∧→sr (fig. A 12) è naturalmente distinto dall’a. ∧→rs. Se le due rette r e s sono sovrapposte, l’a. ∧→sr vale 0° ovvero 180° a seconda che gli orientamenti di r e s siano concordi o discordi. 

1.6 A. di due rette con una trasversale. - Date (fig. A 13) due rette a e b e una trasversale c, gli a. formati da c con a e b hanno nomi particolari; così: 1 e 7, 4 e 6 sono a. alterni esterni; 2 e 8, 3 e 5 a. alterni interni; 1 e 5, 2 e 6, 4 e 8, 3 e 7 a. corrispondenti; 1 e 6, 4 e 7 a. coniugati esterni; 2 e 5, 3 e 8 a. coniugati interni. Perché due rette siano parallele, occorre e basta che: o due a. alterni esterni (interni) siano uguali; o due a. corrispondenti siano uguali; o due a. coniugati esterni (interni) siano supplementari. 

1.7 A. di due rette sghembe. - Date due rette sghembe, r e s, si definisce a. delle due rette sghembe l’a. formato da r e da una parallela a s per un punto qualsiasi di r (o viceversa). 

1.8 A. di una retta r con un piano α. - È l’a. ϕ formato da r con la sua proiezione ortogonale r′ su α (fig. A 14). 

1.9 Angolo di due piani α e β. - È l’a. formato dalle normali ai due piani condotte da uno stesso punto. 

1.10 A. di due curve(in un loro punto d’incontro). - Sono gli a. formati dalle tangenti alle curve date nel punto dato. 

1.11 A. delle figure geometriche. - Si vedano le singole voci ( cerchio, triangolo, poligono ecc.).

2. Angoli solidi

Passando dal piano allo spazio la nozione di a. si generalizza in quella di a. solido o sterangolo, che comprende come casi particolari quelle di a. diedro e di angoloide

2.1 Angolo diedroDue semipiani α e β uscenti da una medesima retta a (fig. A 15) dividono lo spazio in due regioni, ciascuna delle quali è un a. diedro. I due semipiani α, β si dicono le facce, la retta a lo spigolo o costola del diedro. Agli a. diedri si estendono nozioni e nomenclatura relative agli a. piani; si parla così di diedro convesso e concavo, di diedri opposti allo spigolo ecc. A misura dell’a. diedro si assume la misura della sezione normale del diedro stesso, cioè l’angolo ϕ ottenuto sezionando il diedro con un qualunque piano (γ in fig. A 15) normale allo spigolo. 

2.2 AngoloideSia AB ... EF un poligono convesso di n lati e V un punto non appartenente al suo piano. Conducendo per V le semirette VA, VB, ..., VF, restano determinati n a. convessi, AVB, BVC, …, EVF, FVA e n diedri (convessi) aventi come spigoli le semirette in questione. La parte di spazio comune a questi n diedri si chiama angoloide (convesso); il punto V è il vertice, le semirette VA, ..., VF sono gli spigoli o costole, gli a. AVB, …, FVA le facce dell’angoloide. In fig. A 16 è rappresentato un angoloide a 6 facce. L’angoloide si può anche pensare formato da tutte le semirette che vanno da V ai punti del poligono (sia interni che del contorno). Un angoloide con tre facce si dice, in particolare, triedro

2.3 SterangoloÈ l’a. solido nella sua accezione più generale: se O è un punto qualsiasi dello spazio (fig. A 17) S una superficie sferica di centro O e s una qualsiasi porzione di S, il luogo delle semirette uscenti da O e passanti per i singoli punti di s (contorno compreso) è uno sterangolo di vertice O. Il rapporto σ/r2, tra l’area σ di s e il quadrato del raggio r della sfera non dipende da r: infatti ogni altra sfera di centro O è tagliata dallo sterangolo secondo una superficie s′, simile a s e tale che il rapporto σ′/r′2 fra la superficie σ′ di s′ e il quadrato del raggio r′ della nuova sfera è ancora uguale a σ/r2. Tale rapporto può quindi essere assunto come misura dello sterangolo. Se σ=r2, il precedente rapporto vale 1; lo sterangolo corrispondente, che prende il nome di steradiante, si assume come unità di misura degli sterangoli. Per es., a un ottante di sfera corrisponde un a. solido che misurato in steradianti vale π/2.

antropologia

Le misure di a. trovano larga applicazione in antropometria. Per es., alcune caratteristiche morfologiche del cranio si valutano mediante gli a. craniometrici, come quello facciale (o di prognatismo), che permette di stabilire la forma del profilo verticale sul piano mediano. Non meno importanti sono gli a. che si misurano sulla pelvi (quale l’a. d’inclinazione dello stretto superiore del bacino); quelli che si misurano sulle ossa lunghe degli arti, come gli a. di torsione (dell’omero, del femore ecc.), che esprimono la posizione reciproca delle due estremità di tali ossa, ecc.

fisica

In fisica si definiscono numerosi a. che caratterizzano fenomeni meccanici (per es. l’a. di attrito statico), elettrici (a. di fase), ottici (a. di incidenza, di rifrazione, di riflessione, di Brewster ecc.). Di particolare rilievo nella fisica delle interazioni deboli è l’ a. di Cabibbo, costante universale che interviene nella descrizione di processi con cambiamento di stranezza.

Foto su Angolo

Approfondimenti

Angolo di mescolamento > Enciclopedia della Scienza e della Tecnica (2008)

angolo di mescolamento  Angolo che nel Modello Standard della fisica delle particelle, nell’ambito delle interazioni elettrodeboli, compare nella matrice unitaria V¿¿¿ di Cabibbo, Kobayashi e Maskawa che descrive il... Leggi

Angolo di contatto > Enciclopedia della Scienza e della Tecnica (2008)

angolo di contatto  Angolo compreso tra la superficie libera di un liquido e la superficie del recipiente che lo contiene o di un solido parzialmente immerso in esso. Rappresenta una misura della bagnabilità, ovvero della relazione t... Leggi

ANGOLO > Enciclopedia Italiana (1929)

ANGOLO (dal lat. angulus). - Geometria (fr. angle; sp. ángulo; ted. Winkel; ingl. angle). - 1. Euclide (I, Def., 8, 9) definisce come angolo piano "l'inclinazione reciproca di due linee che non sono per diritto", e in particolare l'angolo rettilineo ... Leggi

Angolo > Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

àngolo [Der. del lat. angulus] A. critico: (a) v. sismologia: V 248 c; (b) v. riflessione e rifrazione della luce: V 9 f. ¿ A.-azione: v. hamiltoniani, sistemi infinito-dimensionali: III 143 e. ¿ A. diedro: v. oltre: A. solido... Leggi

Argomenti correlati

Triedro

triedro Nella geometria elementare, la parte (illimitata) di spazio racchiusa dai tre angoli individuati da tre semirette (non complanari) uscenti da un punto, a due a due. Gli angoli individuati dalle tre semirette si dicono facce del t., le semire

Sfera

sfera In geometria, figura solida formata dai punti dello spazio aventi da un punto fissato (centro della s.) distanza minore o uguale di un segmento dato (raggio della s.). matematica 1. Definizioni e proprietà principali Molte nozioni e proprietà

Ortogonale

ortogonale In geometria elementare si dice di due enti che formano tra loro un angolo retto. ¿ Due rette r, s del piano si dicono o. (o perpendicolari) se si intersecano formando quattro angoli retti (fig. 1 A); una retta r dello spazio si dice o. (

Terna

terna matematica Insieme di 3 numeri, o di 3 elementi. T. cartesiana L’insieme di 3 rette uscenti da uno stesso punto e non giacenti su uno stesso piano, che serve a introdurre le coordinate cartesiane per i punti dello spazio. tecnica In elet

Invia articolo Chiudi