Apologia di reato

    Enciclopedie on line

apologia di reato Manifestazione di pensiero idonea a indurre altri soggetti a commettere reati. Prima dell’abrogazione introdotta dalla l. 205/1999, l’art. 303 c.p. puniva con la reclusione dai 3 ai 12 anni la pubblica a. di delitti non colposi contro la personalità dello Stato, e l’art. 327 c.p. con la reclusione fino a un anno l’a. da parte del pubblico ufficiale di fatti contrari alle leggi, alle disposizioni dell’autorità o ai doveri inerenti a un pubblico servizio. Ancora in vigore sono: l’art. 266 c.p. che punisce i militari con la reclusione da uno a 3 anni per l’a. di fatti contrari alle leggi, al giuramento, alla disciplina o ad altri doveri militari; l’art. 272 c.p. che sanziona con la reclusione da uno a 5 anni l’a. sovversiva o antinazionale; e l’art. 414 c.p. che punisce con la stessa pena la pubblica a. di uno o più delitti.

Argomenti correlati

Vittima

vittima dirittoV. del reatoPersona offesa dal reato, titolare del bene protetto dalla singola fattispecie incriminatrice. Tale nozione fa riferimento al soggetto passivo, ovvero alla persona sulla quale ricade materialmente l’attività penalmente rilevante. Lo studio del soggetto passivo del reato costituisce il nucleo della vittimologia, branca della criminologia che indaga sulle reazioni e sugli atteggiamenti della v. di reato, nonché sull’interrelazione tra questa e il soggetto agente. Di recente si ricorre alla categoria dei reati senza soggetto passivo o senza v

Concorso di persone nel reato

Concorso di persone nel reato Forma di manifestazione dell'illecito penale consistente nella commissione di un medesimo reato da parte di una pluralità di soggetti (art. 110 c.p.). Salvo le attenuanti previste dagli artt. 114, 116, co. 2, e 117 c.p. e in assenza di tipizzazione delle diverse forme di partecipazione, tutti i concorrenti soggiacciono alla medesima pena. Qualora poi il reato commesso sia diverso da quello voluto da taluno dei concorrenti, anche questi ne risponde, se l’evento è conseguenza della sua azione o omissione (art. 116 c.p

Madamato

madamato Reato che consisteva nella relazione d’indole coniugale del cittadino italiano con sudditi dell’Africa italiana. Era punito con la reclusione da 1 a 5 anni (r.d. 880/1937).

Tentativo

Tentativo Forma di manifestazione del reato che si configura quando l’agente pone in essere atti idonei diretti in modo non equivoco a commettere un delitto, ma l’azione non si compie e l’evento dannoso non si verifica (art. 56 c.p.). Fondamento politico-criminale di questo istituto è prevenire l’esposizione a pericolo di interessi giuridicamente protetti. L’aspetto più problematico in materia è stabilire la distinzione tra atti ‘preparatori’ e atti propriamente ‘esecutivi’, soprattutto al fine di individuare l’inizio dell’attività penalmente rilevante

Invia articolo Chiudi