Aptene

    Dizionario di Medicina (2010)

aptene Piccola molecola, di per sé non antigenica, che coniugata a una macromolecola (carrier) stimola la produzione di anticorpi contro se stessa. Il termine, a volte usato, meno correttamente, per indicare il determinante antigenico (➔), è stato coniato da K. Landsteiner nei primi anni del 20° secolo. Lo studio immunochimico dei fenomeni di riconoscimento e legame tra anticorpo e a. è stato fondamentale per comprendere la dinamica del legame antigene-anticorpo.

Meccanismo di azione. Nei processi naturali gli a. sono molecole di piccole dimensioni altamente reattive che possono legarsi più o meno stabilmente a macromolecole proteiche costitutive dei tessuti, formando così il complesso antigenico. La risposta immune agli antigeni modificati da apteni, a seconda delle modalità di immunizzazione, può essere cellulare o umorale, IgG o IgE mediata. Quasi tutte le allergie a farmaci sono riconducibili al meccanismo in cui il farmaco o un suo metabolita si comporta da aptene. Un esempio rilevante è l’allergia alla penicillina: l’anello beta-lattamico costituisce un potente a. e possono presentarsi fenomeni di allergia IgE mediata, con rischi di anafilassi e di allergia ritardata cellulare. Anche metalli, per es., il nichel, possono svolgere il ruolo di aptene.

Utilizzazione. Il complesso a.-carrier, inoculato in animale, determina la produzione di anticorpi diretti sia contro il complesso sia contro il carrier, ma soprattutto contro l’a. stesso. Questo meccanismo è ampiamente sfruttato per produrre anticorpi capaci di consentire, una volta purificati, il loro uso in test immunometrici per il dosaggio di piccole molecole come farmaci, droghe e ormoni. Si possono anche produrre anticorpi verso carrier del tutto o quasi non immunogeni quando questi sono utilizzati, dopo coniugazione con a., per indurre una risposta immune. Con ulteriori procedure biotecnologiche è possibile produrre in vitro anticorpi monoclonali con specificità per a. che si differenziano per minimi dettagli molecolari.

Approfondimenti

Aptene > Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

aptène [s.m. (pl. -ni) Dal ted. Hapten, der. del gr. ápto "attaccarsi, unirsi"] Denomin., coniata da K. Landsteiner (1938), di sostanze non proteiche, e pertanto incapaci di formare anticorpi, che acquistano tale proprietà copulandosi con sosta... Leggi

Argomenti correlati

Anticorpo

anticorpo Sostanza di natura proteica (immunoglobulina) che si sviluppa nel corso di una risposta immunitaria provocata da una molecola estranea (antigene) a cui si lega specificamente (➔ immunità). A. catalitici A. capaci di catalizzare in modo efficiente e selettivo una reazione chimica (detti anche abzimi). Si legano fortemente allo stato di transizione del substrato della reazione in questione abbassandone l’energia con conseguente aumento della velocità di reazione. Ne sono stati ottenuti molti, capaci di accelerare le reazioni da mille a un milione di volte

Antianticorpo

antianticorpo Sostanza che può comparire in un siero di sangue, con funzione di anticorpo specifico nei confronti di anticorpi già presenti in circolo. Questi ultimi, a loro volta, per la loro natura proteica, possono agire come antigeni.

Linfocita

linfocita (o linfocito) Tipo di leucocita che svolge un ruolo primario nella risposta immunitaria, con diverse funzioni nel controllo della risposta all'antigene. Sono divisi in due grandi sottopopolazioni: i l. T (che maturano nel timo), responsabili della immunità cellulare; i l. B (che maturano nel midollo osseo), agenti dell'immunità umorale; questi ultimi, stimolati dal legame con l'antigene, si moltiplicano trasformandosi in plasmacellule e liberando un'elevatissima quantità di anticorpi.

Dielettrico

dielettrico In elettrologia, si dice di mezzo attraverso il quale possono esplicarsi azioni elettriche, che può cioè essere sede di un campo elettrostatico. Poiché un campo elettrostatico può esistere soltanto in un mezzo non conduttore, caratteristica essenziale di un mezzo d. è di essere isolante elettricamente, di modo tale che d. e isolante elettrico finiscono con l’essere sinonimi. Vengono qui descritti i fenomeni fisici legati alla presenza di un campo elettrico in un dielettrico. Per le caratteristiche tecnologiche dei d. ➔ isolamento.1. Polarizzazione dei dIn un d

Invia articolo Chiudi