Labriòla, Arturo

Labriòla, Arturo

Enciclopedie on line

Labriòla, Arturo. - Uomo politico ed economista italiano (Napoli 1873 - ivi 1959). Socialista, fu tra i leader del sindacalismo rivoluzionario. Dopo aver ripiegato su posizioni più moderate, nel 1913 entrò alla Camera come socialista indipendente. Interventista nel 1915, fu poi ministro del Lavoro (1920-21). Fu deputato alla Costituente e senatore di diritto (1948-53).

Vita e attivitàSocialista, dovette emigrare dopo i fatti del '98. In Francia subì fortemente l'influsso di G. Sorel e, tornato in Italia, fu tra i capi del sindacalismo rivoluzionario, propugnando sulla stampa (Avanguardia socialista) e in seno al partito socialista la funzione autonoma del sindacato operaio. Fallito lo sciopero generale del 1904, L. si volse a tendenze più moderate (Storia dei dieci anni: 1899-1909, 1919); entrò alla Camera nel 1910 quale socialista indipendente, fu interventista nel 1915. Ministro del Lavoro con Giolitti (1920-21), stese il progetto di legge sul controllo sindacale delle aziende. Combatté il fascismo con l'attività politica e gli scritti (Le due politiche: fascismo e riformismo, 1923; La dittatura della borghesia, 1924). Vivace studioso di storia delle dottrine economiche (Le dottrine economiche di F. Quesnay, 1897; La teoria del valore di K. Marx, 1899; Il capitalismo, 1910), ottenne la cattedra di economia nell'univ. di Messina (1926), ma ne fu allontanato dal governo fascista e dovette emigrare in Francia e in Belgio, dove insegnò all'Istituto di alti studî di Bruxelles e pubblicò L'État et la crise (1933) e Le crépuscule de la civilisation (1937; in it. 1946). Rientrato in Italia (1936), visse appartato fino alla caduta del fascismo. Reintegrato nella cattedra, fece quindi parte della Consulta nazionale e della Costituente e fu (1948-53) senatore di diritto. Pubblicò ancora: L'attualità di Marx (1945), un libro autobiografico, Spiegazioni a me stesso (1945), La crociata anticomunista (1955) e il volume di meditazioni filosofiche Negazione. Appunti sul problema dell'ateismo (1958).

Pubblicità

Categorie

Altri risultati per Labriòla, Arturo

  • Labriola, Arturo
    Dizionario di Economia e Finanza (2012)
    Economista e politico (Napoli 1873 - ivi 1959). Socialista, oppose al riformismo di F. Turati l’esaltazione della lotta di classe del sindacalismo rivoluzionario. Nel 1913 entrò in Parlamento e fu interventista durante la Prima guerra mondiale. Ministro del Lavoro nel 1920-21, avversò il fascismo ed ...
  • Labriola, Arturo
    Dizionario di Storia (2010)
    Politico ed economista (Napoli 1873-ivi 1959). Socialista, dovette emigrare dopo i fatti del 1898. In Francia subì fortemente l’influsso di G. Sorel e, tornato in Italia, fu tra i capi del sindacalismo rivoluzionario, propugnando sulla stampa (Avanguardia socialista) e in seno al Partito socialista ...
  • LABRIOLA, Arturo
    Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 62 (2004)
    Nacque a Napoli il 21 genn. 1873 da Luigi, un piccolo artigiano, e da Matilde De Laurentiis. Compiuti i primi studi in scuole cattoliche, a quattordici anni prese a frequentare un circolo politico di orientamento repubblicano guidato da alcuni discepoli di G. Bovio, fra i quali L. Zuppetta e A. Angiulli. Qui ...
  • LABRIOLA, Arturo
    Enciclopedia Italiana - II Appendice (1949)
    Uomo politico ed economista, nato a Napoli il 22 gennaio 1873. Giovane di idee socialiste rivoluzionarie, prese parte alle agitazioni del 1898 e fu costretto ad esulare a Parigi. Tornato dalla Francia entusiasta di Giorgio Sorel, assunse la direzione dell'Avanguardia socialista, prese a predicare la ...