Avellino

Avellino

Enciclopedie on line

Avellino Comune della Campania (30,4 km2 con 56.908 ab. nel 2007), capoluogo di provincia. La città è situata a 350 m s.l.m. al centro di una conca circondata dai massicci montuosi del Partenio e dei Picentini. L’antico centro, dal tipico/">tipico aspetto medievale sorge su un breve terrazzo rialzato tra due torrenti (S. Francesco e Rigatore) del bacino del fiume Sabato ed è addensato attorno alla cattedrale. Dalla metà del decennio 1950 un sensibile incremento demografico ha portato a una certa espansione urbana: a N in direzione di Benevento; a O con un lungo impianto a scacchiera; a E verso la stazione ferroviaria (sulle linee per Benevento e Rocchetta Sant’Antonio-Lacedonia) e il centro di Atripalda, con il quale ormai A. tende a congiungersi. Il terremoto del 23 novembre 1980 ha provocato ingenti danni, rendendo necessaria una vasta ricostruzione. Industrie tradizionali (fabbriche di cappelli di feltro e panni lana, accanto a moderni impianti tessili) sono affiancate da attività meccaniche (connesse con l’industria automobilistica di Pomigliano d’Arco) nel vicino nucleo industriale di Pianodardine. 

È l’antica Abellinum, città degli Irpini, colonia romana forse fin dall’età di Silla; sorgeva presso l’odierna Atripalda, a 3 km da A., nella località La Civita, dove si sono trovati resti. Sede vescovile dal 5° sec., venne conquistata verso l’8° sec. dai duchi longobardi di Benevento i quali la eressero in gastaldato. Distrutta da Ottone I, ben presto risorse e dall’inizio del 12° sec. fino a quasi tutto il 17° fu contesa da conti e principi fino al 1589, quando i Caracciolo assunsero il titolo di principi di A. conservandolo fino al 1844. Nel 1820 A. fu il punto di partenza del movimento insurrezionale per la Costituzione.

Provincia di A. (2791,6 km2 con 437.649 ab. nel 2007) 

Divisa in 119 comuni, si estende nel settore centro-orientale della Campania. Il territorio provinciale, il secondo per estensione dopo quello napoletano, che in gran parte corrisponde alla regione storica dell’Irpinia, è in prevalenza montuoso e accidentato, costituito da imponenti massicci calcarei, ricoperti da boschi, nella parte occidentale (Avella-Partenio, Picentini), e da un uniforme altopiano argilloso di media altezza, nella parte orientale. Il clima è continentale, con elevate escursioni annue e precipitazioni irregolarmente distribuite, con valori massimi autunnali. Dai Monti Picentini scendono il Calore con l’affluente Sabato, il Sele e l’Ofanto. L’Irpinia, provincia soprattutto agricola fino al 1960, ha registrato proprio in quel decennio i primi consistenti insediamenti industriali, favoriti dalla costruzione dell’autostrada Napoli-Bari, dalla realizzazione del nucleo industriale di Pianodardine e dai finanziamenti pubblici per la ricostruzione dopo il sisma del 1980. L’agricoltura è ancora largamente praticata sebbene i processi di modernizzazione si siano affermati in aree limitate; infatti l’industria contribuisce al reddito con una quota quasi del 30%, mentre l’agricoltura è scesa intorno al 4%. Le favorevoli condizioni agropedologiche permettono diverse forme di utilizzazione del suolo e la policoltura (cereali, ortaggi, patate, legumi, vite, alberi da frutta, olivi, noccioli e castagni) conferisce al paesaggio un aspetto caratteristico. Diffuso anche l’allevamento del bestiame. Sviluppati il settore agroalimentare (vini, dolciumi, prodotti lattiero caseari), il commercio e il turismo, legato anche alla diffusione dell’ospitalità rurale.

Pubblicità

Categorie

Altri risultati per Avellino

  • AVELLINO
    Enciclopedia Italiana - V Appendice (1991)
    Per dati statistici provinciali v. campania (Tabelle), in questa Appendice.
  • AVELLINO
    Enciclopedia Italiana - IV Appendice (1978)
    Per dati statistici provinciali v. campania (tabelle), in questa Appendice.
  • AVELLINO
    Enciclopedia Italiana - III Appendice (1961)
    (V, p. 612; App. I, p. 229; II, 1, p. 333) - Città capoluogo di provincia dell'Irpinia, che subì notevoli distruzioni per cause belliche ed ha sanato parte delle sue ferite in questi anni, migliorando le condizioni nell'interno del vecchio centro e creando nuovi quartieri in direzione di Pianodardine, ...
  • AVELLINO
    Enciclopedia Italiana - II Appendice (1948)
    (V, p. 612; App. I, p. 229). - La provincia, attraversata rapidamente nell'autunno 1943 dai contingenti alleati sbarcati a Salerno, non ha subito durante l'ultima guerra danni di rilievo e non ha avuto variazioni amministrative. Alla fine del 1946 contava 491.000 ab., di cui 36.398 nel capoluogo.
  • AVELLINO
    Enciclopedia Italiana - I Appendice (1938)
    ...
  • AVELLINO
    Enciclopedia Italiana (1930)
    (A. T., 27-28-29). - Capoluogo di provincia, nell'interno della Campania. Antico il nome (Abellinum), ma non il sito della città, che gli scrittori dell'età romana ricordano come appartenente agl'Irpini e posta nell'alta valle del Sabato. Invero, l'antica era assai più vicina al fiume che non sia la ...