Triachini, Bartolomeo

Enciclopedie on line

Triachini, Bartolomeo. - Architetto bolognese (m. 1587). Operò sulla scia della tradizione locale con qualche spunto tibaldesco: tra le opere a lui attribuite, a Bologna, i palazzi Poggi (1549), Vizzani (1549-62; su portico architravato e con due bei cortili) e Malvezzi de' Medici (1560).

Argomenti correlati

Vignòla, Iacopo Barozzi (o Barozio) detto il

Vignòla, Iacopo Barozzi (o Barozio) detto il. - Architetto (Vignola 1507 - Roma 1573). Figura centrale nella fase manieristica dell'architettura, nel V. convergono l'architetto complesso e vario e il trattatista che ha avuto diffusione vastissima nei

Cotte ‹kòt›, Robert de

Cotte ‹kòt›, Robert de. - Architetto (Parigi 1656 - Passy 1735). Allievo e collaboratore di J. Hardouin-Mansard e poi suo successore nella carica di primo architetto reale (1708), il de C. fu coinvolto nelle maggiori imprese del periodo a Versailles

Simonétti, Michelangelo

Simonétti, Michelangelo. - Architetto (Roma 1724 - ivi 1781), attivo a Roma. Accademico dei Virtuosi al Pantheon (1769), divenne poi architetto camerale (1771), favorito da G. A. Visconti, di cui condivideva gli interessi archeologici. Ispirandosi al

Jones, Inigo

Jones, Inigo. - Architetto inglese (Londra 1576 - ivi 1652). Primo rappresentante in Inghilterra di un'architettura in stile classico, ispirata a modelli italiani, particolarmente a Palladio e a Scamozzi, la sua opera valse a distaccare gli arti

Invia articolo Chiudi