Bassora

    Enciclopedie on line

Bassora (arabo al-Baṣra) Città dell’Iraq meridionale (725.000 ab. nel 2003), situata a breve distanza dalla riva destra dello Shaṭṭ al-‛Arab, a 120 km dal Golfo Persico. Costituisce, dopo Baghdad, uno dei maggiori centri iracheni rappresentando l’unico sbocco marittimo del paese. Situata lungo la principale via commerciale fra il Mediterraneo e l’Oriente asiatico, B. è divenuta importante anche ai fini del traffico petrolifero, trovandosi qui, infatti, le maggiori raffinerie del paese. È unita a Baghdad da una ferrovia, e da strade a Khorramshahr e ad Abadan (Iran) e al Kuwait. Al centro di una fertile regione agricola, è anche sede di industrie tessili, alimentari, e per la produzione di fertilizzanti.

B. è capoluogo dell’omonimo govenatorato (19.070 km2, 1.798.000 ab. stima 2004), comprendente la regione irachena sud-orientale ai due lati dello Shaṭṭ al-‛Arab. Secondo aeroporto dopo quello di Baghdad.

Trasformata in città subito dopo la conquista araba del 637 o 638 d.C., divenne presto una delle grandi metropoli del giovane Islam. Ebbe subito carattere arabo, e fu teatro delle prime agitazioni politico-religiose agli inizi del califfato. Sotto gli Abbasidi, fu il principale porto del mondo islamico nel commercio con l’India, la costa orientale dell’Africa e l’Estremo Oriente. Con la decadenza del califfato decadde anche B. e verso la metà del 13° sec., al tempo dell’invasione mongola, la città non aveva più nulla dell’antico splendore, pur rimanendo il porto principale dell’Iraq, anche sotto il dominio ottomano. Durante la guerra 1914-18, occupata da truppe anglo-indiane, fu base delle operazioni contro Baghdad. La città è stata danneggiata gravemente durante il conflitto Iran-Iraq, e durante la Guerra del Golfo del 1991. Nella guerra contro Ṣ. Ḥusain del 2003, dopo lunghi combattimenti, è stata conquistata dal contingente inglese delle truppe alleate.

Approfondimenti

BASSORA > Enciclopedia Italiana (1930)

BASSORA (la forma araba è al-Ba¿rah; A. T., 91). - Città dell'¿Iraq (Mesopotamia), situata presso le rive dello Sha¿¿ al-¿Arab, a 120 km. dal Golfo Persico. È unita a Baghdad da una ferrovia (570 km.) e dalla navigazione fluviale. È capoluogo del vil... Leggi

BASSORA > Enciclopedia dell' Arte Medievale (1992)

BASSORA (arabo al-Ba¿ra; Balsora nei docc. medievali)Capoluogo della omonima mu¿afa¿a, prov. dell'Iraq meridionale, situato a breve distanza dalla riva destra dello Sha¿¿ al-¿Arab, a metà strada ca. tra la confluenza del Tigri con l'Eufrate e l'estua... Leggi

Bassora > Dizionario di Storia (2010)

Bassora (ar. Basra) Città dell’Iraq meridionale, sulle rive dello Shatt al-¿Arab, a 55 km dal Golfo Persico. Fondata dagli arabi nel 7° sec., nel corso delle conquiste islamiche, lungo la principale via commerciale fra il Mediterraneo e l&... Leggi

Argomenti correlati

Persico, Golfo

Persico, Golfo Amplissimo braccio dell’Oceano Indiano (lungo 950 km, largo 370 km; 236.800 km2), che si estende tra l’Iran e la Penisola Arabica, dallo Shaṭṭ al-Arab allo Stretto di Hormuz, che lo mette in comunicazione con il Golfo di Oman. È un bacino individuatosi con l’ultima fase di risalita postglaciale del livello marino, nella cui parte settentrionale la costa è avanzata di circa 300 km negli ultimi 5000 anni a causa della notevole quantità di detriti apportati dallo Shatt al Arab, in condizioni di quasi stazionarietà del livello del mare

Shatt al Arab

Shatt al Arab Corso d’acqua (190 km ca.) dell’Asia occidentale formato dalla confluenza, in Iraq, del Tigri con l’Eufrate. Ha inizio presso al-Qurna, 65 km a NO di Bassora, bagna il porto di questa città (Maqil), dove termina la navigazione delle navi oceaniche, quindi segna il confine tra l’Iran e l’Iraq, lambisce le città iraniane di Khorramshahr e Abadan (dove riceve il Karun) e sfocia nel Golfo Persico in una zona paludosa, ricca di palmeti.Il fiume è stato al centro di una lunga controversia tra l’Impero ottomano e la Persia

Baghdad

Baghdad Capitale dell’Iraq (6.554.000 ab. nel 2004), sul corso medio del fiume Tigri, nel punto dove è più vicino all’Eufrate. Sorta sulla destra del fiume, la città si è poi sviluppata specialmente sulla riva sinistra, dopo la costruzione della diga di Samarra (1955), che ha definitivamente allontanato il pericolo di inondazioni. Su quest’ultima riva si trovano, in direzione N e S, due sobborghi uniti da una strada parallela al corso del fiume. Ai margini della città sorgono i nuclei rurali di A‛zamiyya e Kāzimain. Dotata di un notevole porto fluviale, B

Iraq

Iraq  Stato del Vicino Oriente; confina a E con l’Iran, a N con la Turchia, a O con la Siria e la Giordania, a S con l’Arabia Saudita e il Kuwait e, per un breve tratto, si affaccia al Golfo Persico. Il nome, adattamento arabo del mediopersiano irak «persiano», nel Medioevo si riferiva solo al paese percorso dai due fiumi Tigri ed Eufrate, fra Baghdad e il Golfo Persico; mentre il paese a nord di questo, l’antica Mesopotamia, fu chiamato dagli Arabi al-Giazīra «l’isola». Nel 9° sec., avendo i Selgiuchidi ampliato la loro dominazione tra la Mesopotamia e la Persia, il nome I

Invia articolo Chiudi