Belize

Belize

Enciclopedie on line

Belize  Stato dell’America Centrale istmica, si estende nella parte costiera della penisola dello Yucatán tra la baia di Chetumal e la baia di Amatique, confinando a N con il Messico e a O e S con il Guatemala; a E si affaccia sul Mar Caribico. In base alla Costituzione del 1981, capo dello Stato è il sovrano della Gran Bretagna, rappresentato da un governatore generale.

Il territorio comprende una parte settentrionale pianeggiante e spesso paludosa e una meridionale montuosa (Monti Maya, 1122 m). La costa, generalmente bassa, è orlata di lagune e fronteggiata da isole e scogli circondati da formazioni madreporiche. I numerosi ma brevi fiumi, che scorrono in direzione NE, sono navigabili nell’ultimo tratto. Il clima è caldo e umido, con abbondanti precipitazioni.

La popolazione fa registrare tassi di incremento naturale sostenuti, come in tutta l’America Centrale, con una natalità del 28‰ annuo (2008), ma anche con un’elevata mortalità infantile del 24‰ annuo (2008). Lingua ufficiale è l’inglese, ma sono parlati anche lo spagnolo e un dialetto inglese-creolo. Religione prevalente è la cattolica (circa il 50%). La capitale, Belmopan, è una cittadina di 13.500 abitanti (2005), mentre il centro urbano più popoloso rimane la città portuale di Belize. Disoccupazione (11% della forza lavoro nel 2005) e sottoccupazione alimentano importanti flussi di emigrazione verso l’estero (soprattutto verso gli Stati Uniti) che contribuiscono, attraverso significative rimesse valutarie, a sostenere l’economia nazionale. È consistente anche il numero di immigrati e rifugiati provenienti da altri Stati caribici, in particolar modo da El Salvador.

Il paese è sostanzialmente arretrato, con un PIL nel 2007 di 1,274 miliardi di dollari; l’economia si fonda ancora essenzialmente sullo sfruttamento delle foreste che, estese su gran parte del territorio, forniscono legnami pregiati; importanti, anche, alcune colture da esportazione (canna da zucchero, agrumi e banane) e il turismo. Il Belize non possiede risorse energetiche e per tutti gli anni 1990 sono proseguite le prospezioni alla ricerca di idrocarburi nella piattaforma continentale del Golfo di Honduras, anche se tale attività ha sollevato preoccupazioni ambientali. Le industrie sono poco sviluppate e comprendono impianti per la conservazione degli agrumi e per la produzione di zucchero, acido tannico, resina, birra e sigarette. La politica economica del governo è volta a una maggiore diversificazione delle attività produttive: incremento dei servizi finanziari offshore e degli investimenti per l’ecoturismo, che punta in modo particolare sulle attrattive dell’ambiente naturale, con le sue foreste tropicali e una barriera corallina seconda, per grandezza, solo a quella australiana.

storia

Già sede di importanti insediamenti dei Maya, soggetto alla Corona spagnola dal 16° sec., il territorio dell’attuale B. fu colonizzato da marinai e bucanieri britannici a partire dal 1638 (spedizione dello scozzese P. Wallace). Con una serie di trattati, la Spagna concesse ai coloni i diritti di insediamento e di sfruttamento delle risorse forestali, ma intervenne ripetutamente per contenerne l’espansione verso l’interno. Dopo l’indipendenza delle colonie spagnole centro-americane (terzo decennio del 19° sec.), la sovranità sulla regione fu rivendicata dal Guatemala; il trattato da questo firmato nel 1859 con la Gran Bretagna riconosceva a essa il diritto di stabilirvi una colonia e ne definiva i confini, ma le divergenze sorte in seguito fra i due Stati circa l’interpretazione di una clausola del trattato mantennero aperta la questione. Nel 1862, comunque, la Gran Bretagna costituì la colonia, con il nome di Honduras Britannico, ponendola fino al 1884 sotto l’autorità del governatore della Giamaica, quindi dotandola di un’amministrazione separata.

Le rivendicazioni guatemalteche proseguirono nel 20° sec., mentre le aspirazioni indipendentistiche della colonia si manifestarono a partire dagli anni 1950 guidate dal People’s united party (PUP) di G. Price che, dopo la concessione dell’autogoverno interno (1964), assunse la direzione dell’esecutivo. Nel 1981 il B. conseguì infine l’indipendenza nell’ambito del Commonwealth. Ma la vita del giovane Stato restava condizionata dai rischi di annessione da parte del Guatemala, le cui storiche rivendicazioni in realtà apparivano soprattutto di natura economica (accesso alla costa atlantica e interesse allo sfruttamento del petrolio eventualmente scoperto, il cui sfruttamento il B. avrebbe poi iniziato nel 2006). Il nuovo Stato entrò a far parte della CARICOM (Caribbean community and common market). Le prime elezioni dopo l’indipendenza (1984) assegnarono una larga maggioranza allo United Democratic Party (UDP), di centrodestra, il cui leader, M. Esquivel, sostituì Price nella carica di primo ministro. Il suo governo impresse una svolta liberista per stimolare l’afflusso dei capitali stranieri, ma poco incisiva risultò l’azione contro i narcotrafficanti; le successive elezioni del 1989 riportarono Price alla guida del paese. Negli anni successivi la politica economica di austerità dei governi che si sono alternati alla guida del paese (1993-98, Esquivel; 1998-2008, S. Musa del PUP; dal 2008, D. Barrow dell'UDP, riconfermato nel 2012 e nel 2015) ha fatto sorgere un crescente malcontento popolare, sfociato talvolta in veri e propri tumulti. In politica estera, un miglioramento dei rapporti con il Guatemala, conseguenza di un accordo per cui il Guatemala ottenne l’accesso al Mar Caribico attraverso una limitazione delle acque territoriali del B., portò allo stabilimento di relazioni diplomatiche nel 1991 e all’ammissione del B. nell’OAS (Organization of American States). Nel 2000, dopo nuove tensioni, si giunse alla firma di un accordo di amicizia e cooperazione fra i due paesi.

patrimonio mondiale dell'umanità unesco

Barriera corallina del Belize (1996).

Pubblicità

Altri risultati per Belize

  • Belize
    Atlante Geopolitico 2016 (2016)
    bandiera posizione mappa informazioni principali Il Belize è un piccolo stato dell’America centrale che conserva forti legami con il Regno Unito, l’ex madrepatria dalla quale ha ottenuto l’indipendenza soltanto nel 1981. Dal punto di vista istituzionale, la regina Elisabetta II d’Inghilterra è formalmente ...
  • Belize
    Atlante Geopolitico 2015 (2015)
    bandiera posizione mappa Informazioni principali Dati generali Il Belize è un piccolo stato dell’America centrale che conserva forti legami con il Regno Unito, l’ex madrepatria dalla quale ha ottenuto l’indipendenza soltanto nel 1981. Dal punto di vista istituzionale, la regina Elisabetta II d’Inghilterra ...
  • BELIZE
    Enciclopedia Italiana - IX Appendice (2015)
    Demografia e geografia economica. Storia Belize Demografia e geografia economica di Anna Bordoni. – Stato dell’America Centrale istmica, situato nella parte sud-orientale della penisola dello Yucatán. La popolazione (312.698 ab. al censimento del 2010, 339.758 secondo una stima UNDESA, United Nations ...
  • Belize
    Atlante Geopolitico 2014 (2014)
    bandiera posizione mappa Dati geografici Il Belize è un piccolo stato dell’America centrale che conserva forti legami con il Regno Unito, la ex madrepatria dalla quale ha ottenuto l’indipendenza soltanto nel 1981. Dal punto di vista istituzionale, la regina Elisabetta II d’Inghilterra è formalmente ...
  • Belize
    Atlante Geopolitico 2013 (2013)
    bandiera posizione mappa Dati geografici Il Belize è un piccolo stato dell’America centrale che conserva forti legami con il Regno Unito, la ex madrepatria dalla quale ha ottenuto l’indipendenza soltanto nel 1981. Dal punto di vista istituzionale, la Regina Elisabetta II d’Inghilterra è formalmente ...
  • Belize
    Atlante Geopolitico 2012 (2012)
    Bandiera Posizione Carta fisico-politica Dati geo-amministrativi Il Belize è un piccolo stato dell’America centrale che conserva forti legami con il Regno Unito, la ex madrepatria dalla quale ha ottenuto l’indipendenza soltanto nel 1981. Dal punto di vista istituzionale, la Regina Elisabetta II d’Inghilterra ...
  • Belize  
    Dizionario di Storia (2010)
    Belize (fino al 1973 Honduras Britannico)  Stato dell’America Centrale. Già sede di importanti stabilimenti dei maya, fu soggetto dal 16° sec. alla Corona spagnola, che concesse a marinai e bucanieri inglesi di colonizzarlo e sfruttarne le risorse a partire dal 1638. Dopo l’indipendenza delle colonie ...
  • BELIZE
    Enciclopedia Italiana - VII Appendice (2006)
    Belize Geografia umana ed economica Stato dell'America Centrale istmica, situato nella parte sud-orientale della penisola dello Yucatán. Negli ultimi anni del 20° sec. e nei primi del 21° la dinamica demografica della popolazione, che al censimento del 2000 risultava di 240.204 ab. e, secondo stime ...
  • BELIZE
    Enciclopedia Italiana - VI Appendice (2000)
    Belize (App. IV, i, p. 246; V, i, p. 331 Geografia umana ed economica di Anna Bordoni Popolazione La popolazione (230.000 ab. a una stima del 1998) fa registrare tassi di incremento naturale assai elevati (25‰ nella prima metà degli anni Novanta). La disoccupazione (14% della forza lavoro) alimenta ...
  • BELIZE
    Enciclopedia Italiana - V Appendice (1991)
    (App. IV, I, p. 246) Stato dell'America Centrale istmica, indipendente dal 21 settembre 1981 nell'ambito del Commonwealth Britannico, membro delle Nazioni Unite e associato alla Comunità Economica Europea. L'attuale nome è ufficiale dal 1973, allorché fu scelto per sostituire quello coloniale di Honduras ...
  • BELIZE
    Enciclopedia Italiana (1930)
    (A. T., 153-154). - Capoluogo dell'Honduras Britannico, centro principale del commercio inglese nell'America Centrale. È situata presso il mare allo sbocco del fiume omonimo, lungo circa 280 km. e navigabile nel suo corso inferiore, che limita a nord, con la sua valle, i Monti Cockscomb, dove ha origine. Belize ...