SAETTI, Bruno

    Enciclopedia Italiana - IV Appendice (1981)

di Giovanna Casadei

SAETTI, Bruno. - Pittore, nato a Bologna il 21 febbraio 1902. Formatosi nell'ambiente bolognese, studiando all'Accademia di belle arti, nel 1927 S. espone, nella sua prima mostra personale presso il Cenacolo F. Francia, quadri di figure e paesaggi che rivelano già una maturità pittorica e una forza di strutture, segnate da un fare austero ed essenziale. Nel 1930, vinta la cattedra di figura disegnata, S. si trasferisce a Venezia dove insegna prima al Liceo artistico, poi all'Accademia, di cui è anche direttore dal 1950 al 1956. E proprio a Venezia, accanto al senso grave e possente delle sue costruzioni plastiche, che tuttavia non esclude un'essenziale visione intimistica, scaturisce l'altro elemento caratteristico della sua ricerca, una colta e raffinata sensibilità cromatica.

I pochi temi figurali (madri con bambino, con la felice variante del colloquio con l'angelo; nature morte; paesaggi) vengono articolati e costruiti in una varietà accuratamente studiata di tecniche e con particolare sensibilítà materica: olii, affreschi strappati, olii con inserti di affreschi, affreschi con inserti di materiali vitrei o marmorei, mosaici.

Presente alle più importanti manifestazioni in Italia e all'estero, ottenendo anche notevoli riconoscimenti (premiato alla Quadriennale di Roma del 1939; alle Biennali di Venezia del 1952 e del 1962; alla Biennale di San Paolo del 1953; Menhir d'oro 1974, ecc.), S. è autore anche di numerose opere monumentali (affreschi per la chiesa di S. Eugenio e per la chiesa del Collegio americano a Roma; mosaico per la chiesa di S. Giovanni Battista, sull'autostrada del Sole; vetrate per S. Domenico a Siena e per S. Giovanni Bosco a Roma). Vedi tav. f. t.

Bibl.: C. Munari, B. Saetti, Modena 1951; U. Apollonio, B. Saetti, Amriswil 1957; G. Marchiori, Saetti, Venezia 1971; Catalogo della mostra Saetti, a cura di F. Solmi, Bologna 1974-Venezia 1975.

Argomenti correlati

Gentilini, Franco

Gentilini, Franco. - Pittore italiano (Faenza 1909 - Roma 1981). Dopo un periodo di apprendistato come ceramista nella città natale, studiò pittura a Bologna; dal 1929 si stabilì a Roma. Ha insegnato pittura all'Accademia di belle arti di Roma. Si è anche distinto come scenografo e costumista (L'Anfiparnaso di O. Vecchi), nonché come illustratore (La metamorfosi di F. Kafka, Cara prigione di Gianna Manzini, un'edizione di Proverbi) e pubblicista. Nel 1965 ha vinto il Premio Roma. Acuto osservatore della realtà, G. compose con vena ironica e divertita e un patetismo sognante.

Bòni, Giacomo

Bòni, Giacomo. - Archeologo italiano (Venezia 1859 - Roma 1925). Studiò architettura all'Accademia di belle arti di Venezia. A lui si debbono gli scavi sistematici del Foro Romano e del Palatino che hanno portato alla luce avanzi del periodo repubblicano e regio. Tra le opere, l'illustrazione del duomo di Parenzo e dei suoi mosaici e le relazioni sugli scavi romani.

Pizzinato, Armando

Pizzinato ‹-zz-›, Armando. - Pittore italiano (Maniago 1910 - Venezia 2004). Formatosi all'Accademia di Venezia con V. Guidi, fu suggestionato soprattutto dall'espressionismo di G. Rossi, così come a Roma guardò alle esperienze della Scuola romana. Fortemente impegnato, partecipò alla Resistenza; nel dopoguerra, tra i promotori del Fronte nuovo delle arti (1946), trattò tematiche sociali con un linguaggio di impostazione neocubista e al limite dell'astrazione; dopo il 1949 si affiancò con R

Nòno, Luigi

Nòno, Luigi. - Pittore (Fusina 1850 - Venezia 1918). Allievo di P. M. Molmenti e influenzato da Favretto, dipinse in uno stile veristico quadri di genere venati di malinconico intimismo (Morte del pulcino, 1881, Venezia, Gall. internazionale d'arte moderna; Refugium peccatorum, 1882, Roma, Gall. naz. d'arte moderna; Ave Maria, 1893, Trieste, Museo Revoltella). È autore anche di penetranti ritratti.

Invia articolo Chiudi