Calcare

    Enciclopedie on line
Calcare

calcare Roccia sedimentaria, costituita essenzialmente da calcite, associata, talvolta, ad aragonite. A questi componenti si uniscono, nei c. impuri, altri minerali (carbonato di magnesio, minerali argillosi, quarzo) in percentuali diverse, ma sempre subordinate. La giacitura è in strati, in banchi e, più raramente, massiva; la struttura e la tessitura variano in dipendenza della genesi. In relazione a questa, i c. si suddividono in tre gruppi fondamentali, ognuno dei quali comprende, a sua volta, numerosissime varietà che si distinguono per il grado di compattezza, per il colore, per la struttura e per la tessitura. 

Il primo gruppo è quello dei c. di deposito chimico che si originano per precipitazione del carbonato di calcio, proveniente dalla scissione del bicarbonato disciolto nelle acque, in seguito a perdita di anidride carbonica. Si formano sia in ambiente marino come i c. oolitici e pisolitici in cui i cristalli di calcite sono disposti in aggregati sferoidali di piccolo diametro (ooliti) o di grande diametro (pisoliti), sia in ambiente continentale come gli alabastri calcarei e i travertini

Il secondo gruppo, di importanza ed estensione assai maggiori dei precedenti, i c. organogeni, risultano dall’accumulo di impalcature scheletriche di natura carbonatica, interne o esterne, di organismi animali o vegetali. Sono prevalentemente di sedimentazione marina, provenienti da ambienti tuttavia anche profondamente diversi: per es. c. di scogliera, formati da organismi costruttori; c. di biostroma, accumuli passivi di resti scheletrici; c. pelagici, a grana finissima, accumuli di gusci di microrganismi planctonici e bentonici. Nell’insieme formano una notevole gamma di varietà, con strutture e giaciture talora molto differenti, e assumono appellativi diversi, in particolare a seconda dei fossili predominanti ( c. madreporici; c. nummulitici; c. ammonitici; c. a nullipore; c. a rudiste e così via).

Rientrano tra i c. organogeni, i c. di origine biochimica, costituiti essenzialmente da carbonato di calcio fissato da organismi marini come le alghe calcaree, i molluschi e i foraminiferi.

I c. clastici (o detritici) sono quelli che si originano dall’accumulo di detriti provenienti dalla frantumazione di rocce calcaree preesistenti. 

I c. trovano usi molteplici, come pietra da costruzione o ornamentale. Sono impiegati, inoltre, per la produzione della calce viva e, alcune varietà, nell’industria del cemento. La durezza piuttosto limitata ne rende conveniente l’estrazione dalle cave e anche la lavorazione industriale. Tuttavia il c. è facile all’usura, specie da parte degli agenti atmosferici, se viene usato per rivestimenti esterni o per pavimentazioni. La densità varia da 2400 a 2700 kg/m3, la resistenza a compressione da 50 a 200 N/mm2, salvo quelli contenenti minerali argillosi.

Foto su Calcare

Approfondimenti

Calcare > Enciclopedia dei ragazzi (2005)

calcareUna roccia che si porta dentro l'eco della vitaIl calcare è così diffuso da caratterizzare con le proprie forme il rilievo di ampie regioni. Il suo aspetto in superficie è il risultato dei vari processi geologici, a cominciare da quelli sedime... Leggi

CALCARE > Enciclopedia Italiana (1930)

CALCARE (da calce; fr. calcaire; sp. calcáreo; ted. Kalkstein, ingl. limestone). - La più diffusa tra le rocce semplici, è costituita essenzialmente di carbonato di calcio (CaCO3) (v.). È facilmente riconoscibile per la sua facile solubilità negli ac... Leggi

Calcare > Enciclopedia Dantesca (1970)

calcare. - Con costrutto transitivo, in senso proprio per " premere con i piedi ", " calpestare ", il verbo c. compare in If XXXII 20 va sì, che tu non calchi con le piante / le teste de' fratei miseri lassi; e in particolare, detto di un luogo, con ... Leggi

Calcare > Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

calcare [Der. del lat. calcarius, da calx calcis "calce"] Nella geologia, roccia sedimentaria molto diffusa, costituita essenzialmente di calcite, per lo più a giacitura stratificata; in partic. c. impuri o misti, che contengono percentuali sup... Leggi

Argomenti correlati

Itacolumite

itacolumite Roccia sedimentaria clastica psammitica (dal nome del Monte Itacolumi, Brasile), costituita da granuli di quarzo i quali, per accrescimento subito dopo la sedimentazione, hanno assunto un contorno sinuoso e risultano reciprocamente addentellati in modo da conferire alla roccia, anche senza cemento, una notevole resistenza accoppiata a una sensibile flessibilità se in strati sottili (arenarie flessibili).

Calcescisto

calcescisto Roccia metamorfica con struttura cristalloblastica e tessitura nettamente scistosa, costituita essenzialmente da calcite, quarzo e miche. I c. derivano per lo più da azione dinamo-metamorfica su sedimenti marnosi. Costituiscono masse imponenti nella regione alpina, soprattutto nelle Alpi Occidentali.

Marna

marna Roccia sedimentaria clastica, compatta oppure terrosa, talvolta scistosa, costituita da una frazione carbonatica compresa tra il 25% e il 75% e da una restante frazione di argille. Con l’aumentare del contenuto di argille dalle m. si passa alle m. argillose, alle argille marnose, per giungere infine alle argille vere e proprie. Viceversa con la diminuzione del contenuto di argilla dalle m. si passa alle m. calcaree, ai calcari marnosi e infine ai calcari. Le m

Eclogite

eclogite Roccia metamorfica costituita essenzialmente da omfacite (pirosseno monoclino di color verde) e da un granato ricco in piropo; componenti accessori sono: quarzo, zoisite, epidoto, muscovite, rutilo, cianite ecc. Le e. hanno elevata densità (3,4-3,5), struttura cristalloblastica e tessitura generalmente isotropa, solo raramente scistosa. Possono considerarsi il prodotto di ambientazioni caratterizzate da pressioni elevatissime e costanti e da temperature relativamente alte

Invia articolo Chiudi