Catania

Catania

Enciclopedie on line

Catania Comune della Sicilia orientale (180,9 km2 con 301.564 ab. nel 2007), capoluogo della provincia omonima. Porto sul Mar Ionio, si stende in posizione assai favorevole alle falde meridionali dell’Etna, al margine settentrionale di un’ampia insenatura costiera, cui dà il nome ( Golfo di C.). Ha clima mite, con scarse piogge. Gravemente danneggiata dall’eruzione etnea del 1669 e distrutta nel 1693 da un terremoto, fu riedificata nel 18° sec. secondo un organico piano regolatore a struttura ortogonale, fondato sugli assi principali delle attuali vie Etnea (in direzione N-S) e Sangiuliano (O-E). 

Lo sviluppo delle attività mercantili, delle opere pubbliche (ferrovie per Palermo e Messina; nuovi lavori portuali), dell’industria di raffinazione dello zolfo (con relativa esportazione) e i conseguenti flussi immigratori da un contado rurale, che pure andava specializzandosi in colture di pregio (vite, agrumi), determinarono una progressiva crescita della popolazione (68.000 ab. nel 1861; 148.000 ab. nel 1901; 300.000 ab. nel 1951) e una vistosa espansione dell’agglomerato urbano nei settori nord-orientale e successivamente occidentale. La città continuò a svilupparsi disordinatamente fino agli anni 1970, quando la crescita residenziale cominciò a investire piuttosto i Comuni della ‘cintura’, mentre il capoluogo perdeva abitanti (nel 1991 erano 330.037). Decaduta da lungo tempo l’industria dello zolfo e ridimensionato il settore edile, oggi l’apparato economico locale si caratterizza soprattutto per il terziario (turismo, in particolare, amministrazione, istruzione e ricerca). Le attività manifatturiere (chimiche, metalmeccaniche, elettroniche, oltre alle tradizionali industrie alimentari), piuttosto sviluppate, sono ubicate in prevalenza nella nuova area funzionale a SO del centro urbano. La funzione nodale di C. nel sistema di comunicazioni della Sicilia orientale si fonda sui collegamenti autostradali (da Messina, con prosecuzione verso Siracusa e la costa meridionale; da Palermo, attraverso Termini Imerese) e superstradali (per Gela). Contenuto è il movimento portuale, mentre notevole è l’importanza dello scalo aereo di Fontanarossa. Complessivamente buoni, i collegamenti facilitano i consistenti flussi turistici diretti alla città.

Probabilmente di origine sicula, nella seconda metà dell’8° sec. a.C. fu colonizzata dai Calcidesi di Nasso. Nel 263 fu occupata dai Romani, sotto i quali fu dapprima civitas decumana poi colonia. Dal 6° al 9° sec. passò ai Bizantini. Sotto i Normanni (1072) ebbe un periodo di splendore; decadde invece con gli Svevi, mentre gli Aragonesi di Sicilia la compensarono della sua fedeltà concedendole privilegi (14° sec.). A C. fu conclusa nel 1372 la pace che pose fine al conflitto angioino-aragonese ( pace di C.), riconoscendo il Regno di Trinacria sotto la dipendenza feudale di quello di Sicilia e della Santa Sede. Passata la Sicilia all’Aragona nel 1409, C. continuò a essere favorita dai sovrani spagnoli. Ricostruita dopo il terremoto del 1693, si sviluppò sino a occupare uno dei primi posti nel commercio italiano. Nel 1820 non aderì al moto indipendentista e appoggiò i costituzionali napoletani. Nel 1862 Garibaldi vi stabilì il centro organizzativo della spedizione conclusasi in Aspromonte. Durante la seconda guerra mondiale, dopo lo sbarco anglo-americano in Sicilia (1943), i Tedeschi, per sottrarsi alla manovra aggirante degli Anglo-Americani, persistettero a lungo nella sua difesa.

La città conserva, nonostante i gravi danni subiti nell’ultima guerra, la caratteristica impronta barocca, datale specialmente dalle opere di G.B. Vaccarini (chiese; facciata del duomo; municipio; palazzo Sangiuliano; fontana dell’Elefante), di F. e A. Battaglia, degli Ittar.

Piana di C. La pianura più vasta della Sicilia (500 km2). È un bassopiano alluvionale fra i Monti Iblei a S e l’Etna a N, creato dal f. Simeto e dai suoi affluenti Dittaino e Gornalunga. Nei tempi romani prendeva nome da Lentini ed era nota per la fertilità, venuta meno più avanti per le inondazioni e la malaria. Fin dal 18° sec. vi furono eseguiti lavori di bonifica idraulica, ma solo dopo il 1930 si è dato inizio a un piano organico di bonifica, con la costituzione di un apposito consorzio, operante su circa 1000 km2, includendo una vasta area di risanamento montano e forestale. Sono state realizzate sponde artificiali per i fiumi, circa 200 km di canalizzazioni irrigue, circa 500 km di strade poderali a fondo artificiale. L’irrigazione, che si estende su circa 400 km2, ha innescato un processo di valorizzazione fondiaria e, per conseguenza, di frazionamento della grande proprietà, anche se restano prevalenti le aziende con oltre 50 ha di superficie. Quest’area costituisce, come è ovvio, il fulcro delle attività agricole della provincia di C., con crescente specializzazione agrumicola e ortofrutticola, in sostituzione della cerealicoltura latifondistica, ormai relegata nelle fasce marginali. Nella piana operano, poi, alcune grosse aziende zootecniche, dotate di impianti per la macellazione della carne e la lavorazione del latte. 

Provincia di C. (3552 km2 con 1.081.915 ab. nel 2008). Il territorio, suddiviso in 58 Comuni, comprende per intero, a N, il complesso vulcanico dell’Etna; al centro, la Piana di C.; a O e a S il versante meridionale dei Monti Erei e la sezione nord-occidentale dei Monti Iblei. Tale composita struttura geomorfologica si riflette sulla varietà del clima, che dalle condizioni ‘alpine’ dell’area sommitale etnea passa ai tipici valori mediterranei della fascia costiera, per assumere caratteri subcontinentali nella pianura e nei rilievi interni. L’idrografia è imperniata sul Simeto e i suoi affluenti (i principali sono il Gornalunga e il Dittaino); l’Alcantara segna, a N dell’Etna, il confine con la provincia di Messina. La popolazione – che non ha cessato di aumentare, nonostante periodi di notevole esodo – si è ridistribuita attraverso le migrazioni interne: la conurbazione catanese ne concentra oltre la metà, con protendimenti lungo il litorale e sul versante etneo, dove spiccano rispettivamente gli agglomerati di Acireale e Giarre e di Adrano, Paternò e Misterbianco; nell’area meridionale centro principale è Caltagirone, mentre la Piana di C. presenta una struttura insediativa assai più rada. Il settore industriale è polarizzato dal capoluogo. Diffuso, invece, lo sviluppo delle attività turistiche: dalle località balneari e dalle stazioni sciistiche dell’Etna alla rivalorizzazione dei centri storici e dei beni culturali e ambientali nelle zone interne.

Pubblicità

Altri risultati per Catania

  • CATANIA
    Federiciana (2005)
    La storia di Catania è contrassegnata da un avvenimento capitale, vero e proprio spartiacque di grande importanza nelle vicende della città tra XII e XIII sec.: il disastroso terremoto del 4 febbraio 1169, che distrusse totalmente il centro abitato, in cui spiccava il monastero di S. Agata, e uccise ...
  • CATANIA
    Enciclopedia dell' Arte Medievale (1993)
    (gr. Κατάνη; lat. Catana, Catina; arabo Qutāna, Madīnat al-fīl) Città della Sicilia orientale, capoluogo di provincia, CATANIA fu un'antica colonia calcidese di modeste dimensioni, posta sull'altura attualmente occupata dal monastero dei Benedettini (Holm, 1925), dove sono state rinvenute ceramiche ...
  • CATANIA
    Enciclopedia Italiana - V Appendice (1991)
    Per dati statistici provinciali v. sicilia (Tabelle), in questa Appendice.
  • CATANIA
    Enciclopedia Italiana - IV Appendice (1978)
    : per dati statistici provinciali v. sicilia (tabelle), in questa Appendice.
  • CATANIA
    Enciclopedia Italiana - III Appendice (1961)
    (IX, p. 426; App. I, p. 387; II, 1, p. 535). - La popolazione residente del comune, pari a 244.972 ab. nel 1936, e a 299.629 nel 1951, è salita alla fine del 1958 a 354.850, con un aumento complessivo del 44,8%. La città, nel 1951, contava una popolazione di 294.199 ab., cioè raggruppava il 98,2% degli ...
  • CATANIA
    Enciclopedia Italiana - II Appendice (1948)
    (IX, p. 426; App. I, p. 387). - I bombardamenti aerei e navali del 1943 hanno seminato rovine tra i suoi monumenti e nei quartieri di abitazione. Ben 28 chiese e quasi tutti i più importanti palazzi della città settecentesca sono stati colpiti. Tuttavia nessuna opera di grande importanza è andata distrutta, ...
  • CATANIA
    Enciclopedia Italiana - I Appendice (1938)
    (IX, p. 426). - Il comune contava, secondo il censimento del 1931, 227.765 ab., dei quali 222.503 appartenenti al centro; nel 1936 la popolazione era aumentata a 224.972 ab. e 243.584 ab. rispettivamente. Fra le opere pubbliche eseguite, si ricorda il grande aeroporto, dotato di moderna attrezzatura, ...
  • CATANIA
    Enciclopedia Italiana (1931)
    (A. T., 27-28-29). - Città e porto della Sicilia orientale, dopo Palermo la più importante dell'isola per popolazione e per attività economica. Catania si trova all'estremo settentrionale della vasta insenatura della costa sicula distinta col nome di Golfo di Catania, al piede meridionale dell'Etna, ...