Chopper

    Enciclopedie on line

chopper 

preistoria

In paletnologia, strumento litico con margine reso tagliente mediante scheggiature monofacciali. Frequente, come il chopping-tool (v. fig.), nelle industrie del Paleolitico inferiore e medio in Asia e Africa, non è raro nelle culture coeve europee. In Africa se ne rinvengono in contesti culturali piuttosto recenti.

tecnica

In elettrotecnica, dispositivo che interrompe periodicamente una tensione (o una corrente) continua (o lentamente variabile nel tempo); chiamato anche modulatore in corrente continua perché è usato per realizzare amplificatori in continua, nei quali la tensione o la corrente da amplificare viene periodicamente interrotta, amplificata con un amplificatore in alternata, e infine resa nuovamente continua mediante dispositivo sincrono; gli amplificatori a c. hanno il vantaggio di essere esenti da fenomeni di deriva. Si realizzano c. di tipo elettronico con dispositivi a semiconduttori (transistori, GTO, tiristori) funzionanti come interruttori. Tali apparecchiature vengono utilizzate sia per generare una tensione continua a partire da una tensione alternata (per es., nel primo stadio degli inverter PWM), sia per regolare il livello di tensione di apparecchiature alimentate in corrente continua (per es., motori di trazione). In quest’ultima applicazione, l’effetto che si ottiene è quello di variare il valore medio della tensione applicata all’indotto del motore, da zero fino al valore massimo fornito dalla sorgente di tensione costante. Il c. infatti agisce come un interruttore. Nella trazione elettrica l’impiego del c. consente l’eliminazione dei reostati di avviamento, la facile automazione, la riduzione dei consumi e dei costi di gestione. 

In campo ottico, i c. sono modulatori di luce, realizzati mediante dischi provvisti di aperture regolarmente distribuite sulla loro periferia, posti in rotazione da un motore elettrico, la cui frequenza di rotazione è regolabile con grande precisione. Con questi c. meccanici si arriva a modulare fasci luminosi (incoerenti o laser) sino a frequenze di interruzione dell’ordine di alcuni kHz.

Foto su Chopper

Approfondimenti

Chopper > Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

chopper [s.ingl., Der. di to chop "tagliuzzare", usato in it. come s.m. invar.] Interruttore periodico di segnali (elettrici, ottici, sonori, ecc.), per il quale è stato proposto, ma con scarsa fortuna, il termine it. frazionatore. È c... Leggi

Argomenti correlati

Raddrizzatore

raddrizzatore antropologiaR. di frecceStrumento di osso, corno o avorio, provvisto di un foro a un’estremità, che fu considerato per lungo tempo come insegna d’autorità («bastone di comando») o come un rudimentale fermaglio. I r. compaiono per la prima volta nei livelli aurignaziani, ma la loro massima frequenza si ha durante il Maddaleniano: in quest’ultima fase presentano sovente decorazioni di incisioni e sculture a carattere zoomorfo

Tayaziano

Tayaziano (o Tayaciano) In paletnologia, dal nome del comune di Tayac, in Dordogna, sul cui territorio si trova il sito preistorico di La Micoque, complesso di industrie litiche del Paleolitico inferiore dell’Europa occidentale e del Medio Oriente, poco omogenee tra loro, sviluppatesi tra l’interglaciale Mindel-Riss e quello Liss-Würm. Sono caratterizzate da strumenti su scheggia e chopper, e vengono suddivise in varie facies che preludono ai complessi del Paleolitico medio (Musteriano, Charentiano).

Grattatoio

grattatoio In paletnologia, strumento a scheggia caratterizzato da un margine frontale ritoccato, convesso, a volte semicircolare o circolare. Il ritocco è talvolta lamellare. Tali oggetti sono fabbricati su lame o su schegge litiche più o meno erte e allungate. Se ne conoscono fino dal Paleolitico inferiore, ma il loro uso si diffonde soprattutto nel Paleolitico superiore, quando alcune varietà diventano a volte tipiche di determinate culture, come per es. i g. carenati e a muso per l’Aurignaziano. I g

Obermaier, Hugo

Obermaier ‹óobërmaiër›, Hugo. - Paletnologo (Ratisbona 1877 - Friburgo, Svizzera, 1946), sacerdote; prof. di preistoria presso l'Istituto di paleontologia umana di Parigi (1911-14), poi (1922) di preistoria nell'univ. di Madrid, assumendo la cittadinanza spagnola. Dal 1938 fu prof. nell'univ. Cattolica di Friburgo. Si occupò del Paleolitico, in particolare dell'arte quaternaria e della questione dei megaliti. Opere principali: El hombre fósil (1920-25); Fossil man in Spain (1924); Urgeschichte der Menschheit (1931).

Invia articolo Chiudi