Huart ‹ü-àar›, Clément-Imbault

Enciclopedie on line

Huartü-àar›, Clément-Imbault. - Orientalista (Parigi 1854 - ivi 1926). Dapprima nella carriera consolare, fu poi (1898) prof. di persiano nella École des langues orientales vivantes. Delle sue opere, ricordiamo la Histoire des Arabes (2 voll., 1912-13), La Perse antique et la civilisation iranienne (1925).

Argomenti correlati

Silvestre de Sacy ‹silvèstrë dë sasì›, Antoine-Isaac

Silvestre de Sacy ‹silvèstrë dë sasì›, Antoine-Isaac. - Orientalista (Parigi 1758 - ivi 1838), prof. di arabo nella École des langues orientales vivantes e (dal 1806) di persiano al Collège de France. Emerse soprattutto nell'arabistica: pubblicò, tra

Quatremere

Quatremère , Étienne-Marc. - Orientalista (Parigi 1782 - ivi 1857), prof. nella univ. di Rouen (dal 1815), poi al Collège de France (dal 1819) e all'École des langues orientales vivantes (dal 1832). Discepolo di A.-I. Silvestre de Sacy, di

Caussin de Perceval ‹... d persëvàl›, Armand-Pierre

Caussin de Perceval ‹... d persëvàl›, Armand-Pierre. - Arabista (Parigi 1795 - ivi 1871), figlio dell'orientalista Jean-Jacques-Antoine (Montdidier 1759 - Parigi 1835), prof. all'École des langues orientales vivantes e al Collège de France. L'opera m

Garcin de Tassy ‹ġarsẽ´ d tasì›, Joseph

Garcin de Tassy ‹ġarsẽ´ d tasì›, Joseph. - Orientalista francese (Marsiglia 1794 - Parigi 1878), prof. all'École des langues orientales vivantes. Si occupò di arabo, persiano e turco, ma soprattutto di hindi e ūrdu (Histoire de la littérature hindoue

Invia articolo Chiudi