Colombo

    Enciclopedie on line

colombo Nome comune di varie specie di Uccelli appartenenti all’ordine Colombiformi (Columbiformes), nel linguaggio corrente detti anche piccioni. I Colombiformi hanno dimensioni medie, con becco breve e sottile, piede a quattro dita di cui il posteriore è allo stesso livello degli altri, unghie forti e brevi, inadatte a scavare, remiganti primarie robuste e più lunghe delle secondarie, che rendono i c. buoni volatori. Anatomicamente assomigliano ai Galliformi. Prevalentemente granivori e frugivori, mangiano anche vermi e insetti. Sono monogami, il maschio nel corteggiare la femmina fa la ruota e tuba, emette cioè piccole, caratteristiche grida. Maschio e femmina, alternativamente, covano le uova. I piccoli nascono inetti e sono alimentati dai genitori con il prodotto dell’ingluvie, una poltiglia caseosa (cosiddetto latte del gozzo) che viene riversata nel loro esofago.

I Colombiformi si dividono in tre famiglie: i Rafidi, estinti (➔ dodo), gli Pteroclidi e i Columbidi. La famiglia Columbidi si divide in due sottofamiglie. La sottofamiglia Treroninae comprende c. vivacemente colorati, delle regioni tropicali di Africa, Asia e Oceania. La sottofamiglia Columbinae comprende, fra le altre, le specie nostrane di tortore e colombi. Al genere Columba (72 specie) appartengono il colombaccio, la colombella e il c. torraiolo. Il colombaccio (Columba palumbus; fig. 1) ha coda lunga, tarsi brevi, interamente grigio, con sfumature di color ardesia nelle parti inferiori, e una larga striscia oscura sul margine esterno dell’ala. Si riproduce nell’Europa settentrionale; in Italia nidifica accidentalmente e di preferenza nei boschi dell’Appennino. Passa a stormi numerosi durante l’inverno, e ripassa a primavera specialmente nell’Italia centrale. La colombella (Columba oenas; fig. 2), è simile al colombaccio, da cui differisce per la colorazione più grigia e uniforme, i lati del collo sono verdastri e iridescenti, le secondarie e le umerali portano una striscia nerastra, incompleta. Il c. torraiolo (Columba livia; fig. 3) abita l’Europa, l’Asia, l’Africa occidentale e settentrionale e le coste del Mar Rosso. È cenerino, con due verghe nere sulle copritrici e le remiganti secondarie, a collo cangiante per riflessi verdi e rosso violacei. Esistono parecchie razze locali. Vive e nidifica in società sulle rupi, ma anche nei buchi di vecchi edifici (donde il nome). Questa specie va considerata come la progenitrice di tutte le razze domestiche di colombi.

Sembra che la domesticazione dei c. abbia avuto inizio, in epoca imprecisabile, nell’Asia occidentale, donde si sarebbe diffusa ovunque. Le razze di c. domestici, oggi innumerevoli, sono raggruppate in omeomorfe ed eteromorfe. La sezione degli omeomorfi comprende razze che non differiscono essenzialmente da C. livia: viene distinta nelle sottosezioni dei c. casalinghi, con il fattore e il romagnolo, dei c. campagnoli, con i sassatili e i biancopinti, e dei c. canori, con razze come il tamburo e il trombettiere. La sezione degli eteromorfi comprende le razze con caratteri che non esistono in alcuna specie di c. selvatico, come i pavoncelli, con timoniere aumentate di numero e sprovvisti di ghiandola dell’uropigio, i gozzuti, il cui gozzo può riempirsi d’aria, i maltesi e i triganini, con becco lungo, robusto e talvolta ricurvo, i brevirostri con becco corto e testa brachicefala.

I c. si allevano per la produzione di carne, o allo scopo di ottenere c. viaggiatori e di alto volo, o razze di bell’aspetto. C. da carne tipici sono quelli che raggiungono peso notevole; si allevano in cassette-nido collocate in luoghi riparati. Le razze da amatori, più esigenti, si allevano nella colombaia, una costruzione destinata specificamente all’allevamento dei c., costituita da un complesso di piccoli vani, ciascuno dei quali può contenere un nido, ricavati sia nello spessore dei muri, come avviene in molte vecchie costruzioni rurali, sia in appositi impianti, che in passato presero spesso l’aspetto di torri isolate o rialzate sulle coperture di un edificio maggiore. La colombaia moderna è un ambiente possibilmente esposto a levante, asciutto e aerato, inaccessibile ai roditori e dotato di un accesso a trappola per i colombi. I nidi (cassette o comparti di scaffalature) sono realizzati in modo da consentire il costante controllo della vita di ogni coppia e il loro eventuale isolamento.

I c. viaggiatori furono usati fin da tempi remoti per trasmettere messaggi mettendo a profitto la capacità che i c. hanno di orientarsi e di ritrovare il nido anche se portati a grandi distanze. Oggi nell’allevamento e nelle gare di volo si usa in pratica una sola razza, la belga, simile al torraiolo, ma più grossa e forte. Il dispaccio da trasmettere, scritto su carta leggerissima, viene inserito in un calamo di penna o in un tubetto di celluloide, che si lega a una delle timoniere. I c. viaggiatori hanno una velocità massima di 110 km all’ora e una media di 30-40, volano fra i 100 e 150 m di altezza e per distanze non superiori ai 1000 km, a meno che non siano appositamente addestrati.

Foto su Colombo

Approfondimenti

Colombo > Enciclopedia Dantesca (1970)

colombo (colomba). - Due volte D. usa il sostantivo al maschile (non contiamo qui le due occorrenze del Fiore), al singolare in Pd XXV 19, al plurale in Pg II 125, e tre volte indica l'animale al femminile.In Pg II 125 Come quando, cogliendo biado o ... Leggi

COLOMBO > Enciclopedia Italiana (1931)

COLOMBO (A. T., 93-94). - Capitale, principale porto e centro commerciale dell'isola di Ceylon (v.), situata nella parte occidentale di questa, a 6°56' N. e 79°56' E.Il centro di Colombo comprende la Queen's House (residenza del governatore), i princ... Leggi

COLOMBO > Dizionario Biografico degli Italiani (1982)

COLOMBO (Colomba, Columba). - Artisti originari di Arogno (Canton Ticino), operosi anche a Brescia nella prima metà del sec. XVII: non se ne conoscono i rapporti di parentela con i più famosi Giovanni Battista, Luca Antonio e Giovanni B... Leggi

COLOMBO > Enciclopedia Italiana - III Appendice (1961)

COLOMBO (X, p. 799). - Dalla data dell'indipendenza di Ceylon (1948) la città e il porto di C. sono venuti acquistando una sempre maggiore importanza economica e politica. Il volume raggiunto dai traffici commerciali, che fa oggi di C. uno dei più im... Leggi

Argomenti correlati

Prole

prole L’insieme dei figli facenti parte di una famiglia.Riferito ad animali, i piccoli soprattutto nel loro rapporto di sostentamento con i genitori. Si dicono p. precoce (o atta) i piccoli di qualsiasi specie animale che, schiusi dall’uovo o partoriti dalla madre, possono provvedere in tutto o in parte alle necessità della vita; se invece i nati dipendono più o meno completamente dalle cure che ne hanno i genitori, si parla di p. inetta. La precocità della p. è la regola negli invertebrati e nei Vertebrati inferiori

Pollo

pollo Nome comune degli Uccelli Galliformi Fasianidi domestici appartenenti alla specie Gallus gallus, cioè del gallo e della gallina, derivati dalle specie selvatiche del genere Gallus; hanno cresta carnosa, 2 bargigli partenti dalla base della mandibola e 2 bargigli auricolari (o orecchioni); sono originari dell’Asia. Dal confronto con le specie selvatiche del genere Gallus, le razze domestiche dei p

Termite

termite Nome comune degli Insetti appartenenti all’ordine degli Isotteri. Sono insetti sociali polimorfi, rappresentati da caste feconde, alate e attere e da caste sterili, attere, rappresentate da operai e da soldati di varie forme e di ambedue i sessi; formano società spesso imponenti per numero d’individui. Hanno apparato boccale masticatore robusto; metamorfosi incompleta. Lucifugi, vivono in nidi scavati nel legno o nel terreno, o costruiti con terra o con legno masticati e impastati. Le specie di t. oggi conosciute (2600 ca

Rafidi

Rafidi Famiglia di Uccelli Colombiformi, con 3 sole specie (tra le quali il dodo, Raphus cucullatus, delle Isole Maurizio) estinte in epoca storica a causa della caccia operata dall’uomo e dell’introduzione di predatori domestici (gatto, cane). Avevano corporatura massiccia, ali ridotte, zampe robuste e becco grosso ornato di liste cornee atte a rompere i gusci duri dei frutti dei quali si nutrivano.

Invia articolo Chiudi