COMPLUVIO

    Enciclopedia Italiana (1931)

di Robaldo Morozzo della Rocca

COMPLUVIO (lat. compluvium; fr. noue; sp. compluvio; ted. Einkehle; ingl. nook). - Concorrenza di due falde di tetto (sinonimo convallo, collettore). Si determina la proiezione orizzontale della linea di compluvio fra due falde di tetto supposte di egual pendenza, assumendo per tale la bisettrice degli angoli formati dalle orizzontali di egual quota appartenenti alle due falde rispettivamente. È buona regola di costruzione, quando una falda converga ad una parete verticale sotto un angolo acuto, formando un compluvio, scostare questo dalla parete mediante un breve lembo triangolare nascente dalla parete sotto un angolo retto e concorrente al tetto considerato, per formare con esso un collettore. Le falde convergenti vengono raccolte in un canale, oppure in due canali paralleli e contigui; questi sono generalmente formati, nei tetti di tegole piemontesi o romane, da file di tegole curve rovesciate e sono invece in lamiera di ferro stagnato o zincato (di piombo o bronzo negli edifici monumentali) nelle coperture alla marsigliese o altrimenti di tegole piane.

Compluvio indica anche lo spazio vuoto e aperto in alto degli atrî greci e romani; per i varî tipi di atrî compluviali, v. atrio.Vedi anche casa: Casa romana.

Approfondimenti

COMPLUVIO > Enciclopedia dell' Arte Antica (1959)

COMPLUVIO (compluvium). - Nella terminologia tecnica si indica con questo nome la convergenza di due falde di tetto parallele od in qualunque modo intersecantisi, il che richiede una speciale disposizione per la raccolta delle acque piovane lungo la ... Leggi

Argomenti correlati

Impluvio, linea di

impluvio, linea di In idrografia, linea di i. (o linea di compluvio) di un bacino è la direzione verso la quale si convogliano tutte le acque meteoriche scorrenti. Tale linea è costituita dai punti più depressi del bacino e coincide con la direttrice del corso d’acqua principale, verso il quale confluiscono tutti i secondari.

Talweg

Talweg In geografia fisica, la linea («cammino della valle») che unisce tutti i punti più bassi lungo un fondovalle (profilo longitudinale di un corso d’acqua o di una valle). Nella navigazione fluviale, il filone (o solco) d’impluvio, cioè quella parte del fiume in cui le acque sono più profonde e maggiore è la velocità della corrente. In questo senso è usato anche dai diplomatici e dagli studiosi di confinistica.

Displuvio

displuvio In geografia fisica, linea di d., la linea che unisce i punti salienti dei rilievi e determina il limite tra un bacino idrografico e quelli contermini. Tale linea, ben netta nei bacini delimitati da rilievi collinari o montuosi, dove corrisponde a linee di crinale, è poco visibile nei bacini idrografici di pianura: in questi casi più che di una linea si tratta di una zona displuviale. Su una carta topografica la linea di d

Isòbara, lìnea

isòbara, lìnea In meteorologia, linea che unisce punti a quota prefissata in cui a un dato istante la pressione atmosferica ha lo stesso valore.

Invia articolo Chiudi