Coppia

    Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

còppia [Der. del lat. copula] [LSF] Insieme di due cose di specie identica o simile, messe insieme o collegate da speciali relazioni. ◆ Nella meccanica applicata: (a) l'insieme di due corpi tra loro in contatto in modo tale che la posizione relativa risulti individuata da un numero di parametri scalari inferiore a quello occorrente nel caso di corpi completamente liberi; (b) in partic., c. cinematica, quella nella quale è sufficiente un solo parametro scalare per individuare la posizione relativa dei due corpi di cui essa è composta. È detta c. semplice, o inferiore, la c. cinematica nella quale il vincolo consiste nel contatto di due superfici praticamente uguali e combacianti, e può essere prismatica (costituita da una sbarra rigida che scorre dentro un altro corpo rigido opportunamente sagomato), rotoidale (un corpo rigido limitato da un'opportuna superficie di rivoluzione) ed elicoidale (l'insieme di una vite e della sua madrevite); c. superiore, la c. cinematica nei casi non riducibili ai tre tipi precedenti, che non è di per sé cinematica, ma può esserlo in seno alla catena cinematica cui appartiene, in virtù di altri vincoli (per es., la c. di ruote dentate, il sistema eccentrico e bilanciere, ecc.): v. cinematismo: I 599 f. ◆ C. cinematica: v. sopra: . ◆ C. delta, o δ: v. simmetrie dinamiche in fisica nucleare: V 212 b. ◆ C. di forze o, semplic., coppia: l'insieme di due forze (in generale, due vettori) aventi rette d'azione diverse ma parallele fra loro, a una distanza b (braccio), verso opposto e uguale intensità F (v. fig.), che si chiama intensità della c.; verso della c. è il verso di rotazione univocamente definito dalle due forze; infine, momento della c. è il vettore M=r╳F, essendo r la distanza orientata dal punto di applicazione di una qualunque delle due forze al punto di applicazione dell'altra; il modulo di M vale comunque ±bF (positivo se M, r e F costituiscono una terna levogira). ◆ C. di particelle: l'insieme di una particella e della corrispondente antiparticella (l'elettrone e il positrone, il protone e l'antiprotone, ecc.). ◆ C. di vettori: l'insieme di due vettori applicati aventi lo stesso modulo e la stessa direzione ma versi opposti, costituente una generalizzazione della nozione di c. di forze (v. sopra). ◆ C. doppia e singola: modelli di sorgenti sismiche dipolari: v. sismologia: V 252 f, c. ◆ C. redox: v. pila chimica: IV 511 e. ◆ C. telefonica: l'insieme dei due fili che costituiscono un circuito bifilare. ◆ C. termoelettrica: c. di metalli o semiconduttori diversi in cui si produce l'effetto termoelettrico: v. termoelettricità: VI 183 e. ◆ C. voltaica: (a) l'insieme dei due conduttori metallici, omotermi, di natura diversa, a contatto tra loro, in cui insorge l'effetto Volta; (b) l'insieme dei due conduttori, immersi in un elettrolito, costituenti una pila chimica. ◆ Braccio, intensità, momento e verso di c.: v. sopra: C. di forze. ◆ Creazione interna di c.: v. raggi gamma: IV 732 d. ◆ Produzione di c.: processo d'interazione fra particelle il cui risultato è la creazione di una c. particella-antiparticella; per es., v. astronomia gamma: I 228 b. ◆ Variabili di c. cinematica: v. sopra: C. cinematica.

Approfondimenti

Coppia > Universo del Corpo (1999)

Coppia Il termine coppia deriva dal latino copula, "legame, congiunzione". La coppia, nel significato di due persone legate da un rapporto, per es. quello amoroso fra uomo e donna, è alla base della vita sociale e può essere considerata il ... Leggi

COPPIA > Enciclopedia Italiana (1931)

COPPIA. - In meccanica si dice coppia ogni sistema di due forze applicate, le quali abbiano linee d'azione parallele, intensità uguali e versi opposti. È il tipo elementare e irreducibile delle sollecitazioni, che, applicate a un solido, tendono a fa... Leggi

Coppia  > Dizionario di Medicina (2010)

coppia L’unione di uomo e donna conviventi, che riguarda la medicina per quanto concerne rapporti sessuali, psicologici, di fecondità, ecc. Sterilità di c.: è la sterilità che accade nella coppia indipendentemente dalla fertlità dei due singoli... Leggi

Argomenti correlati

Bootstrap

bootstrap fisicaIn fisica delle particelle elementari, teoria in cui nessuna particella è fondamentale, poiché l’esistenza di ogni particella contribuisce alle forze tra esse e, d’altra parte, i sistemi legati che si generano per effetto di tali forze sono le particelle stesse

Autoconiugato

autoconiugato fisicaIn fisica delle particelle elementari, si dice di particella che sia identica alla propria antiparticella. matematicaSi dice di elemento coniugato di sé stesso in una polarità tra piani o spazi sovrapposti.

Antimesone

antimesone In fisica delle particelle elementari, antiparticella del mesone.

Dipolo

dipolo Sistema costituito da due enti identici ma di diversa polarità.fisica1. D. elettricoSistema costituito da due cariche puntiformi, di eguale valore q e di segno opposto, a distanza δ molto piccola rispetto a ogni altra lunghezza che compaia nel problema in esame; il momento del d. è il vettore M, di modulo qδ, diretto dalla carica negativa a quella positiva. Unità di misura del momento di d. elettrico è, nel SI, il coulomb per metro (C·m)

Invia articolo Chiudi