Cyrano de Bergerac, Hector-Savinien

Cyrano de Bergerac, Hector-Savinien

Enciclopedie on line

Cyrano de Bergerac siranó d berˇʃëràk›, Hector-Savinien. - Scrittore francese (Parigi 1619 - Sannois 1655). Nato da una famiglia di piccola nobiltà, condusse vita dissipata, di autentico libertino. Intrapresa la carriera delle armi, si distinse come formidabile spadaccino; ferito due volte in combattimento, tornò a Parigi dove si consacrò agli studî letterarî. Fu scrittore estroso, bizzarro, ma audace, vigoroso; s'interessò alla filosofia di Gassendi, fece aperta professione di ateismo; in politica non ebbe un atteggiamento ben preciso. Delle sue opere, sono da ricordare quelle teatrali: una tragedia, La mort d'Agrippine (1654), e una commedia, Le pédant joué (1654), ammirata e imitata da Molière, pièces molto vivaci e ingegnose; quindi due romanzi fantastici, L'autre Monde ou Histoire comique des états et empires de la Lune (1657) e L'autre Monde ou Histoire comique des états et empires du Soleil (1662), che combattono ogni forma di credo religioso, l'antropomorfismo, il geocentrismo, ecc., annunciando, anche per lo stile, Voltaire. Interessanti anche le sue Lettres (Amoureuses, Diverses). La sua fama di libero pensatore e di spadaccino durò più a lungo di quella delle sue opere, e crebbe anzi con la fortuna del dramma di E. Rostand, Cyrano de Bergerac (1897).

Pubblicità

Categorie

Altri risultati per Cyrano de Bergerac, Hector-Savinien

  • CYRANO DE BERGERAC, Hector-Savinien de
    Enciclopedia Italiana (1931)
    Scrittore francese, nate a Parigi il 6 marzo del 1619, e morto a Sannois il 28 luglio 1655. Dopo cinque anni di studio presso un curato a Mauvières fu messo a Parigi nel collegio di Presles-Beauvais, ma non vi imparò nulla; lesse invece con rapimento Luciano, che rimarrà il suo più costante modello. ...