Diligenza

    Enciclopedie on line

diligenza

diritto

In diritto civile si intende per d. l’insieme delle cure e delle cautele che il debitore deve porre per l’esatto adempimento del suo obbligo. In particolare, secondo una opinione il concetto di d. segnerebbe il limite dello sforzo richiesto al debitore, mentre secondo un’altra determinerebbe la misura della prestazione dovuta. L’art. 1176 c.c. prescrive che nell’adempiere l’obbligazione il debitore deve usare la d. del buon padre di famiglia, espressione con la quale si intende un livello medio di attenzione e prudenza, ma se l’obbligazione è inerente all’esercizio di un’attività professionale la d. deve valutarsi con riguardo alla natura dell’attività esercitata. Il prestatore di lavoro deve usare la d. richiesta dalla natura della prestazione dovuta e dall’interesse dell’impresa (art. 2104 c.c.). Salvo eccezioni (v. ad esempio quanto disposto in materia di società di cartolarizzazione), deve invece ritenersi tramontato il criterio, risalente al diritto romano e vigente in altri ordinamenti, della d. quam suis o quam in suis, in base al quale il debitore deve osservare nell’adempimento lo stesso grado di d. che impiegherebbe per soddisfare un proprio interesse.

Obbligo a cui è tenuto il prestatore di lavoro, nello svolgimento della propria attività (art. 2104 c.c.). La norma si applica al rapporto di lavoro subordinato e si riferisce, più in particolare, alla d. richiesta dalla natura della prestazione dovuta e all’interesse dell’impresa. Da ciò si deduce che si tratti della d. media, oggettivamente intesa, che presuppone la capacità di eseguire la prestazione proporzionata alle mansioni espletate.

trasporti

Grande carrozza a 4 ruote, trainata da più cavalli (fino a 6), che prima della diffusione dei trasporti ferroviari era adibita ai trasporti di linea di viaggiatori e bagagli (v. fig.). Il servizio era regolare e abbastanza rapido dato il frequente ricambio degli animali da tiro. Le vetture potevano contenere fino a 30 passeggeri, sistemati parte nella cassa chiusa, parte sull’imperiale e nella serpa. Servizi secondari di d. per il collegamento dei centri lontani con le stazioni ferroviarie sono rimasti in esercizio fino ai primi anni del 20° secolo.

Foto su Diligenza

Approfondimenti

Diligenza > Enciclopedia Dantesca (1970)

diligenza. - Nell'unica attestazione di Cv IV XXV 3 di quella è alquanto con diligenza da parlare, vale " cura ", " attenzione "; e come nell'aggettivo (I X 3) e nell'avverbio (IV XXVII 19) corrispondenti, l'atteggiamento significato non si allontana... Leggi

Argomenti correlati

Diligenza. Diritto civile

Diligenza. Diritto civile In diritto civile si intende per diligenza l’insieme delle cure e delle cautele che il debitore deve porre per l’esatto adempimento del suo obbligo. In particolare, secondo una opinione il concetto di diligenza segnerebbe il limite dello sforzo richiesto al debitore, mentre secondo un’altra determinerebbe la misura della prestazione dovuta. L’art. 1176 c.c

Responsabilità patrimoniale

Responsabilità patrimoniale Per responsabilità patrimoniale del debitore si intende il principio in forza del quale il debitore risponde dell’adempimento delle proprie obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri e che le limitazioni di questa responsabilità sono ammissibili solo nei casi stabiliti dalla legge (art. 2740 c.c.). Salvo le eccezioni previste dalla legge, tutti i beni del debitore sono posti a garanzia dell’adempimento delle sue obbligazioni (c.d. garanzia patrimoniale generica)

ṛta

ṛta Concetto fondamentale della religione vedica, indicante l’ordine cosmico, la legge essenziale della realtà, l’esatto funzionamento di tutte le cose, cui presiede il dio Varuia. Su questo principio si basa l’equilibrio delle parti e l’adattamento degli elementi contrastanti, secondo una norma che dei e uomini devono impegnarsi costantemente a realizzare e difendere, e a cui deve ispirarsi ogni atto, in particolare quello sacrale.

Responsabilità internazionale

Responsabilità internazionale L’insieme delle conseguenze derivanti dalla violazione di un obbligo giuridico previsto dal diritto internazionale (Illecito internazionale). Più precisamente, per responsabilità internazionale s’intende il complesso degli obblighi gravanti sullo Stato che ha commesso la violazione, e dei diritti, facoltà e obblighi dello Stato il cui diritto soggettivo è stato leso. Quest’ultimo è il soggetto normalmente legittimato a far valere la responsabilità internazionale dello Stato offensore

Invia articolo Chiudi