Diritti umani. Diritto dell’Unione Europea

Diritti umani. Diritto dell’Unione Europea

Enciclopedie on line

Diritti umani. Diritto dell’Unione Europea

La protezione dei diritti umani non era prevista originariamente nel Trattato istitutivo della Comunità Economica Europea (CEE). Soltanto a partire dagli anni 1970 si è posto il problema di un eventuale conflitto tra norme comunitarie e diritti della persona. È stata la giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione Europea a conferire il rango di principi generali del diritto comunitario ai diritti umani e, a partire dall’adozione dell’Atto unico europeo (1986), i diritti umani sono entrati formalmente a far parte del sistema comunitario.

Con l’istituzione dell’Unione Europea (UE) (Trattato di Maastricht del 1992, e Trattato di Amsterdam del 1997), i diritti umani sono divenuti valori fondamentali dell’Unione e principi generali del diritto dell’UE (Trattato sull’Unione Europea, art. 6). È stata inoltre prevista una procedura di sospensione dal godimento dei diritti derivanti dallo status di membro dell’Unione in caso di grave e persistente violazione dei diritti umani, e nel rispetto dei diritti umani si è riconosciuto un prerequisito per i paesi che intendano aderire all’Unione.

Il 7 dicembre 2000 è stata poi adottata a Nizza la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, che ha dato particolare rilievo a sei valori fondamentali: la dignità, la libertà, l’uguaglianza, la solidarietà, la cittadinanza e la giustizia. A seguito del Trattato di Lisbona del 2007, la Carta è allegata al Trattato sul funzionamento dell’UE e, come precisato all’art. 6, n. 1 del Trattato, “ha lo stesso valore giuridico” di quest’ultimo. Sempre l’art. 6, al n. 2, dichiara espressamente l’adesione dell’UE alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, soggiungendo che i diritti fondamentali garantiti dalla Convenzione “e risultanti dalle tradizioni costituzionali comuni agli Stati membri, fanno parte del diritto dell'Unione in quanto principi generali”.

I diritti umani nella politica estera dell’UE. - Per quanto concerne le relazioni esterne, tra gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune dell’Unione Europea vi è lo sviluppo e il consolidamento della democrazia e dello Stato di diritto, nonché il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Il rispetto dei diritti umani è una condizione indispensabile per i paesi terzi che intendono stringere accordi commerciali o di altro genere con l’UE (cosiddetta “clausola di condizionalità”).*

Voci correlate

Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea

Diritti umani. Diritto internazionale

Consiglio d’Europa