DUETTO

Enciclopedia Italiana (1932)

di Guido Pannain

DUETTO (fr. duo, sp. dueto, ted. Duett; ingl. duett). - Composizione musicale, vocale o strumentale, per due esecutori, con o senza accompagnamento, nella quale le due parti presentano uguale interesse. Prevalse, nell'uso, d'intendere con la parola Duo un complesso strumentale e di chiamare Duetto quello vocale; tuttavia s'incontrano anche duo vocali e duetti strumentali.

Esempî notevoli sono i Duo di Cristoforo Caresana, musicista veneziano che svolse la sua intensa attività a Napoli nel sec. XVII. I Duo del Caresana furono stampati a Napoli nel 1681 e nel 1693, per il De Bonis, stampatore arcivescovile. Essi furono scritti a scopo didattico, "per chi desidera solfeggiare con franchezza", come dice lo stesso autore nella prefazione del primo libro. Questa forma tipica del duetto poteva essere soggettata a obbligo, cioè su un canto dato di carattere liturgico, oppure a capriccio. Il Caresana prende anche per temi motivi di danze, balletti, arie, tarantelle, saltarelli e simili, che elabora in svariate maniere. Duetti da camera, sempre nello stile polifonico, scrissero Francesco Durante, Agostino Steffani, G. B. Bononcini e G. F. Händel. Il duetto divenne forma peculiare dell'opera teatrale e si sviluppò parallelamente in forme da camera e di contenuto spirituale. Si diede anche il nome di duetto a composizioni per pianoforte a quattro mani.

Argomenti correlati

Natalétti, Giorgio

Natalétti, Giorgio. - Musicista (Roma 1907 - Nizza 1972). Studiò con V. Di Donato composizione. Scrisse musiche vocali-strumentali e strumentali da camera, e curò raccolte ed edizioni di canti popolari della campagna romana. Fu f

Quintetto

quintetto In musica, componimento per cinque esecutori; può essere vocale, come nei madrigali polifonici e nei concertati dell’opera teatrale, o strumentale, come nelle forme di musica da camera. ¿ In senso stretto, per q. strumentale si inten

Concertato

concertato Tra la fine del 16° e l’inizio del 18° sec., composizione, più spesso polifonica, alle cui parti vocali si accompagnavano anche parti strumentali. Nel melodramma sette-ottocentesco indica una scena, o parte di scena,

Terzetto

terzetto In musica, composizione a tre parti vocali concertanti, quasi sempre accompagnate da uno o più strumenti e per lo più parte di un’opera lirica, di un oratorio o di una cantata; più spesso, è chiamato t. quello vocale (mentre quello st

Invia articolo Chiudi