elemosina

Enciclopedie on line

elemosina Aiuto materiale dato ai poveri per spirito di carità. Si tratta di un dovere inculcato, con precetti pure concreti, sia dall’Antico sia dal Nuovo Testamento, ed è stato osservato in tutta la tradizione del Cristianesimo, anche con numerose istituzioni o opere di beneficenza e assistenza. 

I teologi discutono se si tratti di dovere di carità o di giustizia (sociale o commutativa). L’entità è fatta dipendere dalla condizione di chi deve soccorrere con ciò che gli è superfluo e dal grado di necessità di chi è soccorso. Si distinguono di solito tre gradi di necessità: comune, grave ed estrema. Alcuni teologi ritengono che l’obbligo esista solo in caso di necessità estrema, altri, di necessità grave, altri anche di necessità comune. Ma sia a tale proposito sia riguardo all’entità dell’e., va considerato piuttosto l’animo con cui viene data e la maniera in cui viene concessa; onde oggi si preferiscono le forme che, oltre a essere meno umilianti per chi riceve, tendono a metterlo in condizione di riuscire socialmente utile, e quindi di non avere bisogno di e. per l’avvenire. 

Il Concordato italiano del 1929 (confermato da quello del 1983) permise di effettuare collette nelle chiese e negli edifici ecclesiastici senza intervento delle autorità civili; il r.d. 289/28 febbraio 1930 estese la stessa concessione ai culti acattolici. 

Il servizio di assistenza ai poveri a nome del papa è svolto dall’ Elemosineria apostolica. Dallo stesso ufficio della Santa Sede dipende la concessione delle benedizioni apostoliche in forma di rescritto. L’ elemosiniere di Sua Santità è un arcivescovo, appartiene alla Famiglia pontificia e prende parte alle funzioni e alle udienze ufficiali del papa. 

Dal 1606 in poi, grande elemosiniere fu il titolo di un alto dignitario della corte francese, per tradizione cardinale; aveva la direzione di tutto quanto concerneva il culto alla corte dei re di Francia e sovrintendeva a un gran numero di ospedali; per qualche tempo ebbe anche la giurisdizione su tutti i monasteri e il diritto di nomina dei professori del collegio reale.