Emigrazione. Diritto internazionale

    Enciclopedie on line

Emigrazione. Diritto internazionale
Nel diritto internazionale sono state promosse numerose convenzioni a livello universale e regionale in materia di emigrazione. Sotto il primo profilo, il principale strumento giuridico è la Convenzione delle Nazioni Unite sui lavoratori migranti e i membri delle loro famiglie del 1990, in vigore dal 2003, la quale prevede l’istituzione di un organo di controllo (Comitato per la protezione dei lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie), con il compito di esaminare i rapporti periodici degli Stati e le denunce di violazione presentate da individui. Sempre a livello universale, l’Organizzazione internazionale del lavoro ha adottato la Convenzione 97/1949 sui lavoratori migranti e la Convenzione 143/1945 sulle migrazioni abusive e sulla promozione delle parità di opportunità e di trattamento dei lavoratori migranti.
Specifica attenzione merita, inoltre, la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, le cui disposizioni si applicano a tutti gli individui sotto la giurisdizione di uno Stato a prescindere dalla cittadinanza. Norme ad hoc sulla tutela degli stranieri sono contenute nel Protocollo 4/1963, che sancisce il divieto di espulsioni collettive di stranieri, e nel Protocollo 7/1984 che indica le garanzie processuali per l’espulsione degli stranieri. Sempre sul piano regionale, si segnalano le convenzioni del Consiglio d’Europa sullo stato giuridico dei lavoratori migranti (1977) e sulla partecipazione degli stranieri alla vita pubblica a livello locale (1992). In materia incidono poi le norme internazionali che, in presenza di determinate circostanze e in base a principi umanitari, predispongono una speciale protezione di certe categorie di migranti (Rifugiati. Diritto internazionale; Diritto di asilo. Diritto internazionale).
Del tutto particolare è la regolamentazione vigente nei rapporti tra Stati membri dell’Unione Europea, incentrata sulla libertà di circolazione nel territorio dell’Unione (Libera circolazione delle persone) e sui diritti individuali collegati alla cittadinanza europea.
Voci correlate
Rifugiati. Diritto internazionale
Diritto di asilo. Diritto internazionale
Rifugiati. Diritto dell’Unione Europea
Emigrazione


Argomenti correlati

Emigrazione

Emigrazione La disciplina giuridica dell’emigrazione per quanto concerne il diritto nazionale, ha per oggetto l’esercizio della facoltà giuridica del cittadino di trasferirsi all’estero per motivi di lavoro e la relativa tutela. In particolare, i primi provvedimenti legislativi che in Italia disciplinano l’emigrazione risalgono alla fine del XIX secolo. Fra questi si segnalano la l. 31 gennaio 1901, n. 23 ed il R.D. 10 luglio 1901, n

Emigrazione, immigrazione e libera circolazione

emigrazione, immigrazione e libera circolazione I movimenti migratori possono assumere una connotazione individuale o collettiva; volontaria o forzata; interna o internazionale

Protocollo

protocollo diritto Documento diplomatico destinato ad attestare il raggiungimento di un accordo internazionale e idoneo a produrre gli stessi effetti giuridici di qualsiasi documento di accordi (trattati, convenzioni ecc.) tra soggetti di diritto internazionale.Nella prassi diplomatica, p. indica prevalentemente un documento accessorio o complementare rispetto a un accordo principale. filosofia Nella terminologia del positivismo logico, p

Principi generali di diritto. Diritto internazionale

Principi generali di diritto. Diritto internazionale I “principi generali di diritto riconosciuti dalle nazioni civili” sono indicati tra le fonti del diritto internazionale nell’art. 38, lett. c), dello Statuto della Corte internazionale di giustizia, che li elenca dopo le norme convenzionali (Trattati) e le norme consuetudinarie (Consuetudine. Diritto internazionale)

Invia articolo Chiudi