Tenar, eminenza

    Enciclopedie on line

tenar, eminenza In anatomia topografica prominenza del palmo della mano, situata lateralmente alla piega superiore. Vi corrispondono, in profondità, 4 muscoli: l’abduttore breve del pollice, il flessore breve, l’opponente, l’adduttore. L’atrofia di questi (per traumi, paralisi ecc.) ne provoca l’appianamento.

Approfondimenti

Tenar, eminenza  > Dizionario di Medicina (2010)

tenar, eminenza  Prominenza del palmo della mano, situata lateralmente alla piega superiore (lat scient. eminentia thenar): ha forma grossolanamente triangolare con apice alla base del pollice. Vi ­corrispondono, in profondità, quattro muscoli: ... Leggi

Argomenti correlati

Paratenar

paratenar In anatomia, si dice di formazione situata vicino alle eminenze tenar. Muscolo p. Nome dato da alcuni anatomici al muscolo flessore del quinto dito del piede.

Eminenza

eminenza anatomia Nome comune a numerose sporgenze o protuberanze di vari organi e tessuti, come, per es., e. ileopettinea, e. mentoniera, e. tenar. E. mammillari Sporgenze presenti sulla superficie interna del tavolato cranico, topograficamente corrispondenti alle scissure e depressioni dell’encefalo. Eminentia teres Piccola e. che nel pavimento del IV ventricolo cerebrale corrisponde al nucleo d’origine del nervo abducente. storia Titolo d’onore spettante ai cardinali, cui fu attribuito nel 1630 dal papa Urbano VIII. Nel Medioevo era titolo dato dai papi ai re di Francia. E

Inguine

inguine In anatomia, regione anteriore della coscia situata alla radice di questa. Vi corrispondono, superficialmente, la piega di flessione della coscia sul bacino e, profondamente, il canale inguinale. L’i. fa parte della più ampia regione inguino-femorale, regione dell’arto inferiore situata anteriormente all’articolazione dell’anca e delimitata: in alto, dall’arcata femorale; ai lati, dalle perpendicolari abbassate dai due estremi di questa; in basso, da una linea trasversa passante per l’apice del triangolo di Scarpa

Radio

radio In anatomia, osso lungo, pari, costituente, con l’ulna, lo scheletro dell’avambraccio. Rotando intorno all’asse della sua estremità superiore, fa compiere all’avambraccio e alla mano i movimenti di supinazione e di pronazione. Il margine radiale dell’avambraccio è quello corrispondente al r., che nella posizione di supinazione è quello esterno, in continuazione con il pollice.Importanti elementi descrittivi del r

Invia articolo Chiudi