BERNARDI, Enrico

    Enciclopedia Italiana (1930)

di Enrico FERMI

BERNARDI, Enrico. - Ingegnere, nato a Verona nel 1841. Si laureò a Padova in matematica nel 1867 e fu prima assistente a Padova, poi professore nell'Istituto tecnico di Vicenza e quindi nella Scuola d'ingegneria di Padova; morì a Torino il 21 febbraio 1919. Il B. va annoverato tra i precursori dell'automobile. Infatti egli fin dal 1876 aveva iniziato studî sperimentali profondi sui motori a scoppio, applicandoli anche ad una macchina per cucire. Nel 1884, presentando all'Esposizioue internazionale di Torino il suo primo motorino a benzina, preconizzava la sua applicazione alla locomozione; nel 1893 montò il motore a benzina, da lui stesso adattato alle speciali esigenze dell'impiego, su una ruota di propulsione per una bicicletta ordinaria, realizzando così la prima motocicletta. Subito dopo ideava e costruiva le sue prime automobili a tre e a quattro ruote, che cominciarono ad essere prodotte industrialmente a Padova nel 1896. La vetturetta Bernardi, munita di motore da 2,5 cavalli, presentava, sia nel motore sia nei meccanismi di trasmissione e di guida, dispositivi originali che in parte precorsero i tempi e in parte sono rimasti nelle costruzioni automobilistiche successive; la macchina raggiungeva i 35 km. all'ora e con questa velocità vinse le prime corse. Molte altre invenzioni di minore importanza pratica, di cui fanno testimonianza i cimelî conservati nella R. Scuola d'ingegneria di Padova, rivelano la sua genialità e versatilità.

Approfondimenti

BERNARDI, Enrico > Dizionario Biografico degli Italiani (1967)

BERNARDI, Enrico. - Nacque a Milano l'11 marzo 1838. Giovanissimo riuscì ad entrare al Teatro alla Scala come suonatore di trombone e come copista presso la Casa Ricordi. Dedicatosi contemporaneamente alla composizione, fece eseguire il suo primo bal... Leggi

Argomenti correlati

Formula 1

Formula 1 Principale categoria dell'automobilismo sportivo. Il campionato mondiale di F1, disputato per la prima volta nel 1950, è regolamentato dalla FIA (Federazione internazionale dell'automobile) e assegna tutti gli anni, al termine di una serie di corse (Gran Premi), il titolo piloti e quello costruttori.

Mollino, Carlo

Mollino, Carlo. - Architetto (Torino 1905 - ivi 1973). Iniziò nello studio paterno la sua attività (1930-36), che si svolse in gran parte a Torino: sala dell'auditorium della RAI, in collab. con A. Morbelli (1948); monumento ai caduti per la libertà, con U. Mastroianni (1948); quartiere INA-Casa in corso Sebastopoli, in collaborazione; ricostruzione del Teatro Regio, con M. Zavelani Rossi e C. Graffi (1965, inaugurato nel 1973), ecc. Personalità complessa e anticonformista, M

Ascari, Antonio

Ascari, Antonio. - Corridore automobilista (Sorgà 1888 - Montlhéry 1925); conseguita la prima vittoria (1919) nella Parma-Poggio Berceto, nel 1924 conquistò il primato mondiale di velocità su strada (195,016 km /h). Vinse, tra altre gare, il Gran premio d'Italia a Monza (1924) e il Gran premio d'Europa a Spa (1925). Morì tragicamente, disputando il Gran premio di Francia.

Citroën, André

Citroën ‹sitroèn›, André. - Ingegnere e industriale (Parigi 1878 - ivi 1935). Nel 1915 fondò uno stabilimento a Parigi per la produzione di munizioni per la guerra, che alla fine del conflitto trasformò in fabbrica di automobili ove, nel 1919, fu costruito, come primo tipo di autovettura, la 10 CV; seguirono quindi altri modelli (5 CV, C4, C6), segnati da un notevole successo.

Invia articolo Chiudi