Erbario

    Enciclopedie on line
Erbario

erbario Libro che descrive le piante medicinali e le loro virtù, accompagnandone la descrizione con illustrazioni. Prototipo dell’e. è il De herbis, attribuito ad Apuleio, di cui l’originale risale forse al principio del 2° sec.; si conservano ancora diversi e. simili, compilati specialmente da monaci farmacisti delle grandi abbazie. A questa categoria vanno ascritte anche quelle raccolte di figure, dette Ectypa plantarum, che si ottenevano aspergendo le piante di nerofumo e imprimendole poi sulla carta. Dopo l’invenzione della stampa si ebbero anche e. stampati (Tractatus de virtutibus herbarum, 1491; e molti altri). Solo alla fine del 15° sec. iniziò l’uso delle piante secche invece del disegno, come si vede in alcuni e. manoscritti, d’uso privato, dove in qualche caso al posto delle figure sono incollati gli esemplari disseccati delle erbe medicinali. 

Per estensione, collezione di piante disseccate e classificate, fatta con metodi e scopi scientifici, indispensabile per i confronti necessari negli studi di sistematica e di floristica. Le piante sono fissate su fogli di carta resistente; ogni foglio deve avere un’etichetta (scheda) nella quale sono scritti: luogo e data della raccolta, stazione, natura del terreno, altezza sul mare e altri dati ecologici, nome del raccoglitore e del classificatore. L’istituzione di e. veri e propri, nel senso moderno, benché ancora limitati alle piante medicinali, si deve a L. Ghini, lettore dei semplici medicinali all’università di Bologna (1534-44) e di Pisa. Egli mise insieme e. di piante secche che distribuiva agli studiosi. Questo modo di preparare e conservare le piante si diffuse rapidamente. I più antichi e. tuttora conservati risalgono alla seconda metà del 16° sec.: è da ricordare quello di A. Cesalpino, conservato nel Museo botanico dell’università di Firenze; nella Biblioteca Angelica di Roma vi sono due e.: il primo con 355 piante e il secondo con 1347; nel Museo Aldrovandiano di Bologna vi è quello di U. Aldrovandi con circa 4760 esemplari. Fino al principio del 19° sec. gli e. avevano carattere personale, agli inizi di questo secolo divennero vere istituzioni accademiche, al pari degli orti e degli istituti botanici (ai quali spesso sono annessi), venendo così a costituire veri orti ‘secchi’ dotati degli esemplari tipo (olotipi), costituenti la base di ogni confronto per l’individuazione di nuove specie. 

Tra i maggiori e. sono da ricordare quelli dei Royal Botanic Gardens di Kew in Inghilterra (6,5 milioni di fogli), dell’Istituto botanico dell’Accademia russa delle scienze a Mosca (5 milioni di fogli), del Museo di storia naturale di Parigi (5 milioni di fogli), del British Museum di Londra (4 milioni di fogli), del Conservatoire et Jardin Botanique di Ginevra (4 milioni di fogli), dell’Istituto botanico di Firenze (3,5 milioni di fogli, con annessi gli e. Beccari, Chiovenda, Desfontaine, Fiori, Martelli, Paoli, Stefanini e altri), della Harvard University di Cambridge, Massachusetts (3,45 milioni di fogli). Molti e. pubblicano proprie riviste scientifiche; quello di Kew pubblica l’Index Kewensis (iniziato nel 1893 grazie a un cospicuo lascito di C. Darwin), che comprende l’elenco generale, periodicamente aggiornato, dei nomi scientifici e dei sinonimi delle piante vascolari, consultabile on-line. TAV.

Approfondimenti

Erboristeria > Universo del Corpo (1999)

Erboristeria Il termine erboristeria, traduzione del francese herboristerie, a sua volta derivato del latino herbula, "erbetta", indica la raccolta delle piante, spontanee o coltivate, che trovano utilizzazione in medicina, ma anche in profumeria, liquoreria e nelle industrie dolciarie, e la preparazione e il commercio delle rispettive droghe, nel senso farmacologico della parola... Leggi

ERBARIO > Enciclopedia Italiana (1932)

ERBARIO (lat. herbarium; fr herbier; sp. herbario; ted. Herbarium; ingl. herbarium). - Così si chiama una collezione di piante disseccate fatta a scopi e con metodi scientifici. Oggi ai grandi istituti botanici non sono sufficienti le raccolte person... Leggi

ERBARIO > Enciclopedia dell' Arte Medievale (1994)

ERBARIO Deve intendersi con il termine e. un libro, in uso dall'Antichità classica fino agli ultimi decenni del sec. 15°, che raccoglie descrizioni delle piante e delle loro virtù farmacologiche, spesso accompagnate dai nomi con cui ciascuna esse... Leggi

Erbario > Enciclopedia dei ragazzi (2005)

erbarioRaccolta di piante essiccateGli erbari sono una raccolta di piante seccate e classificate per uso scientifico. La parola erbario ha un doppio significato, può indicare una raccolta di piante essiccate o il luogo dedicato alla conservazione e a... Leggi

Argomenti correlati

Fothergill, John

Fothergill ‹fòdℎëġil›, John. - Medico (Carend, Yorkshire, 1712 - Londra 1780). Studiò le piante medicinali e le loro virtù terapeutiche.

Botanica

botanica Ramo della biologia che studia gli organismi vegetali sotto tutti i punti di vista: struttura, funzioni, forme e comunità. 1. Origini, prime classificazioni, applicazioni1.1 OriginiBenché l’interesse per le piante, fornitrici di cibo, legname, fibre tessili, droghe medicinali ecc., sia antichissimo, iniziatore della b. è ritenuto Teofrasto di Ereso (4° sec. a.C.), che nelle sue opere, di cui ci sono pervenuti i trattati De causis plantarum e De historia plantarum, divise le piante in alberi, arbusti ed erbe. Più tardi, Pedanio Dioscoride (1° sec

Cluny

Cluny Centro della Francia centrale (5000 ab. circa), in Borgogna, nel dipartimento di Saône-et-Loire, sul fiume Grosne.  Abbazia di C. Abbazia benedettina, fondata nel 903 da Guglielmo il Pio duca d’Aquitania; raggiunse con l’abate Pietro il Venerabile il massimo splendore. Divenuta nel 1258 commenda della Corona, subì nei secoli successivi rovine e danni; nel 1562 fu saccheggiata la biblioteca (parte dei manoscritti sono a Londra, al British Museum, e a Parigi presso la Bibliothèque Nationale). La decadenza di C., iniziata all’inizio del 17° sec

Pepe

pepe Nome di alcune specie di piante del genere Piper e del loro frutto, nonché di altre piante con frutti o altre parti piccanti o aromatiche. Le piante del genere Piper sono per lo più arbusti rampicanti, con foglie ampie, trinervate, e fiori minutissimi, aclamidi, diclini, in spighe; il frutto è una drupa con endocarpo sottile, racchiudente un solo seme, provvisto di perisperma e di endosperma e di un piccolo embrione. Il genere Piper, della famiglia Piperacee, comprende circa 700 specie tropicali, di cui le più importanti sono: Piper cubeba, o cubebe o p

Invia articolo Chiudi