Ereditarietà

    Enciclopedie on line

ereditarietà Proprietà caratteristica degli esseri viventi di trasmettere alla progenie, per mezzo del patrimonio genetico, le informazioni relative ai caratteri morfologici e fisiologici ( eredità o patrimonio ereditario). Le prime descrizioni sui meccanismi dell’e. sono dovute, nella seconda metà del 19° sec., alle ricerche di G. Mendel, il quale formulò le leggi dell’e. in base ai risultati ottenuti da incroci ripetuti in varie specie di piante. Nel 20° sec. i genetisti hanno poi chiarito quali sono i veicoli fisici dell’e., cioè hanno identificato le molecole e le strutture cellulari responsabili dell’informazione genetica, che è scritta con il linguaggio del DNA. 

Per grado di ereditabilità si intende il rapporto tra la componente fenotipica e quella genetica nella determinazione di un particolare carattere; si indica con h2 e ha valori compresi tra 0 e 1: se il carattere è a completa determinazione genetica, h2 è uguale a 1; se prevale la componente fenotipica, h2 avrà valori più vicini allo 0. 

Si definisce malattia ereditaria una malattia che si sviluppa in un individuo per l’azione di uno o più geni mutati che provengono dal patrimonio genico di uno dei genitori (➔ genetica). Le malattie e. possono essere autosomiche o legate al sesso: nel primo caso il gene mutato è localizzato sugli autosomi (per es., l’acondroplasia), nel secondo sul cromosoma X (per es., l’emofilia). Solo una parte delle malformazioni e delle malattie presenti alla nascita sono anche ereditarie. Molte sono dovute invece a danneggiamenti delle cellule germinali (blastoftoria) o del prodotto di concepimento (embrioftoria).

1. Tipi di eredità genetica

Eredità citoplasmatica Trasmissione ereditaria di caratteri, che non segue le leggi di Mendel, determinata da geni situati non nei cromosomi nucleari, ma nel cromosoma dei mitocondri e dei cloroplasti. Nella cellula eucariotica la produzione di energia sotto forma di ATP, processo fondamentale per gli organismi viventi, avviene, nei mitocondri. Tali organelli effettuano la fosforilazione ossidativa utilizzando complessi enzimatici, localizzati sulle proprie membrane interne. I complessi enzimatici interessati in questo processo sono codificati in parte dal DNA nucleare e in parte dal DNA mitocondriale (DNAmt). Il DNAmt codifica anche alcuni componenti dell’apparato per la sintesi proteica, quali RNAr e RNAt. La frequenza di mutazioni nel DNAmt è quasi 20 volte più elevata di quella del DNA nucleare, probabile conseguenza sia della presenza di radicali liberi dell’ossigeno prodotti negli stessi mitocondri, sia della ridotta capacità riparativa del DNAmt. A causa della sua collocazione nel citoplasma, la trasmissione ereditaria del DNAmt avviene quasi esclusivamente per via materna. Lo spermatozoo maturo contiene, infatti, una scarsa quantità di citoplasma con pochi mitocondri. I difetti del DNAmt causano patologie a carico del cervello, cuore, muscolo, fegato, parte endocrina del pancreas, ossia i tessuti maggiormente interessati alla fosforilazione ossidativa. 

Un fattore di complicazione nella trasmissione ereditaria delle malattie mitocondriali consiste nell’eterogeneità genetica dei mitocondri di uno stesso individuo, dovuta al fatto che in un ovocita umano vi possono essere sia mitocondri normali sia mitocondri alterati. Fin dalle prime divisioni dell’ovocita fecondato, il DNAmt si replica indipendentemente dal DNA nucleare e i mitocondri si distribuiscono nelle cellule figlie indipendentemente dai cromosomi nucleari, ripartendosi in modo casuale fra di esse. Cellule di tessuti diversi o dello stesso tessuto conterranno diverse quantità di DNAmt normale e mutato. Questa eterogeneità viene chiamata eteroplasmia. Si parla invece di omoplasmia quando tutto il DNA mitocondriale è dello stesso tipo, normale o mutato. L’eteroplasmia influenza la localizzazione tissutale e la rapidità con la quale una mutazione si diffonde in una popolazione di cellule in divisione; individui nati con mutazioni nel DNA mitocondriale spesso si ammalano dopo molti anni, e le loro condizioni peggiorano con il passare del tempo. Le mutazioni conosciute che determinano malattie nell’uomo sono essenzialmente mutazioni puntiformi, cioè ampie delezioni e duplicazioni del DNA che coinvolgono molti geni (v. fig.). Tra le malattie ereditarie dovute a mutazioni del DNA mitocondriale, la neuropatia ottica ereditaria di Leber (LHON, Leber’s hereditary optic neuropathy) rivela, nel 90% dei casi, mutazioni nei geni mitocondriali che codificano proteine coinvolte nelle prime fasi di trasporto di elettroni nella fosforilazione ossidativa; nell’epilessia mioclonica e fibre rosse irregolari (MERRF, myoclonic epilepsy and ragged-red fiber) e nell’encefalomiopatia alterazioni di molecole dell’RNAtLys mitocondriale determinano l’alterazione della sintesi di molte proteine mitocondriali differenti e di conseguenza la sintesi di ATP. Una sostituzione di basi nell’RNAtLeu conduce a miopatia mitocondriale, encefalopatia, acidosi lattica ed episodi di tipo apoplettico (MELAS). Nella sordità non sindromica di origine materna è stata osservata invece una mutazione per sostituzione di basi nell’RNA ribosomiale 12S prodotto nei mitocondri. Nella sindrome di Kearns-Sayre (KSS) sono state descritte invece ampie delezioni del DNAmt localizzate in posizioni diverse che non riguardano però mai l’origine di replicazione. Eredità dei caratteri acquisiti Dottrina che sta a fondamento del lamarckismo, secondo la quale i caratteri acquisiti durante la vita individuale (es., sviluppo ipertrofico e atrofia di alcuni organi in seguito a uso o non uso; mutilazioni ecc.) possono essere trasmessi ereditariamente ai discendenti. Tale dottrina non ha trovato conferma nei dati sperimentali ed è stata abbandonata, almeno nella sua forma più semplice e primitiva ( evoluzione). Eredità epigenetica Eredità di processi grazie ai quali avvengono cambiamenti ereditabili della funzione genica, non dovuti a mutazioni. Ne sono esempi l’inattivazione del cromosoma X e l’imprinting parentale o genomico ( epigenesi). Eredità legata al sesso Trasmissione ereditaria di alcuni caratteri, che non si distribuiscono indifferentemente tra i figli maschi e femmine. È dovuta al fatto che i geni di tali caratteri sono localizzati nella coppia dei cromosomi sessuali o eterocromosomi. Ne è esempio il daltonismo. Eredità limitata dal sesso Trasmissione ereditaria di alcuni caratteri, che sono espressi preferenzialmente in uno solo dei due sessi. Si presume che debbano essere presenti ormoni o della mascolinità o della femminilità affinché tali geni possano esprimersi. Tipici esempi di e. limitata dal sesso sono la calvizie nella specie umana e le corna in molte specie animali.

Foto su Ereditarietà

Approfondimenti

Leggi di Mendel > Enciclopedia della Scienza e della Tecnica (2008)

leggi di Mendel Leggi fondamentali dell’ereditarietà genetica, formulate dal monaco agostiniano Gregor Mendel (1822-1884) in seguito a esperimenti realizzati a partire dal 1856 su piante di pisello (Pisum sativum). Per la formulazione di queste leggi, Mendel viene considerato il padre della genetica moderna... Leggi

Ereditarieta  > Dizionario di Medicina (2010)

ereditarietà Insieme dei processi e delle modalità relativi alla trasmissione dei caratteri genetici da un organismo alla sua progenie e, quindi, da una generazione alla successiva; è detta talvolta eredità. Lo studio dei fenomeni ereditari in biolog... Leggi

Ereditarietà > Enciclopedia dei ragazzi (2005)

ereditarietàCome i caratteri genetici passano dai nonni ai genitori ai figliEreditare vuol dire ricevere da genitori, nonni e antenati. Lo studio dell'ereditarietà spiega in che modo riceviamo i caratteri genetici, cioè di coloro che ci hanno generat... Leggi

Ereditarieta > Dizionario delle Scienze Fisiche (1996)

ereditarietà [Der. di ereditario] [LSF] Proprietà di un corpo di risentire allo stato attuale in qualche misura dei trattamenti e delle vicende precedenti: sono, per es., fenomeni di e. meccanica, e. elettrica, ed e. magnetica, rispettiv., i fenomeni... Leggi

Argomenti correlati

Imprinting

imprinting biologia I. genetico(o genomico). Forma di eredità epigenetica nella quale, durante la formazione dei gameti, viene modificato il livello di espressione di un gene o di un cromosoma. 1. Caratteri generaliLe cellule somatiche dello zigote serbano la memoria delle modificazioni avvenute in uno dei gameti parentali e sono pertanto marcate (imprinted). L’i. condiziona l’espressione del gene paterno o materno in quell’individuo, ma non nei discendenti

Nucleici, acidi

nucleici, acidi Molecole complesse di grandi dimensioni attraverso le quali avviene la trasmissione dell’informazione genetica. Sono presenti nelle cellule di tutti gli organismi (animali e vegetali), dai più semplici procarioti ai più complessi eucarioti, sotto forma di acido desossiribonucleico, DNA (deoxyribonucleic acid) e di acido ribonucleico, RNA (ribonucleic acid)

Silenziamento

silenziamento In genetica molecolare, inattivazione dell’espressione genica. Anche se comprende i fenomeni di controllo epigenetico dell’espressione genica mediati da modificazioni ereditabili del DNA (➔ metilazione) o della struttura della cromatina, il termine si riferisce più specificamente a un gruppo di fenomeni di inattivazione dell’espressione genica indotti da interazioni fra sequenze di DNA omologhe.Uno dei primi casi studiati di s. genico determinato dall’interazione tra alleli è stato il fenomeno osservato nelle piante e chiamato paramutazione

Preformazione, teoria della

preformazione, teoria della Dottrina evolutiva dello sviluppo che dominò per più di un secolo (metà del 17°-fine del 18°), secondo cui nell’uovo e nello spermatozoo era presente il nascituro, già completo in tutte le sue parti. Gautier d’Agoty, N. Hartsoeker, A. van Leeuwenhoek e altri ammisero la p. nello spermio e furono perciò detti animalculisti o vermicellai, dal nome di animalcula o di vermicoli spermatici dato agli spermatozoi; altri invece, come C. Bonnet, M. Malpighi, J. Swammerdam, A. von Haller, sostennero la p. nell’uovo

Invia articolo Chiudi