Etnia

    Enciclopedie on line

etnia Nell’antropologia della fine del 19° sec., raggruppamento umano (dal gr. ἔθνος «razza, popolo») distinto da altri sulla base di criteri razziali, linguistici e culturali.

Tale definizione, tuttora impropriamente ma correntemente usata, è stata sottoposta a radicale revisione dall’antropologia contemporanea. In un primo momento (anni 1940 e 1960) si sono date definizioni puramente culturali (quelli etnici sono gruppi concreti, locali, che elaborano rappresentazioni di una comune identità storica e sociale), che presupponevano comunque l’esistenza di gruppi reali. Negli anni 1970 sono state elaborate definizioni che hanno indagato i processi di interazione storica, sociale e simbolica, attraverso cui i gruppi umani percepiscono e rappresentano la propria diversità da altri gruppi umani. In particolare, F. Barth ha sostenuto che, all’interno dell’adattamento dei gruppi umani a ecosistemi differenti, centrale per la comprensione delle identità etniche è la nozione di confine etnico. Da punti di vista socioeconomici si è evidenziata invece l’importanza di fenomeni di etnicità che sorgono dall’interazione reattiva tra gruppi che occupano settori diversi del sistema economico.

Negli anni 1980 è emersa l’importanza dei rapporti intercorrenti fra processi storico-economici globali e dinamiche locali, in base ai quali i gruppi umani definiscono la propria identità (J.L. Amselle ed E. M’Boloko, 1985). Si è esplicitato come il concetto di e. sia espressione di una grammatica ideologica che, attraverso i codici simbolici del sangue, dello sperma, della razza, del rapporto sessuale e riproduttivo, della lingua, esprime precisi processi storici e rappresenta livelli di identità socioculturale, a loro volta espressione di concreti rapporti di potere e di forza.

Espressioni quali arte etnica, musica etnica, cucina etnica indicano forme di espressioni caratteristiche, ‘autentiche’, tipiche di un popolo.

Il gruppo etnico viene percepito nell’immaginario collettivo come un aggregato sociale omogeneo, i cui membri condividono una cultura, una storia, una lingua, un territorio, una religione ecc. e rivendicano per questo una identità comune. Molti studiosi (principalmente antropologi culturali e storici) hanno viceversa sottolineato il carattere arbitrario e costruito delle appartenenze etniche, evidenziando i fenomeni politici che sono alla base della nascita dei gruppi etnici. Più che una comune ‘sostanza’, gli appartenenti a un gruppo etnico condividerebbero una contrapposizione con altri gruppi etnici o nazionali.

Approfondimenti

Etnici, gruppi > Enciclopedia delle scienze sociali (1993)

Etnici, gruppi  sommario: 1. Introduzione. 2. L'emergere del problema moderno. 3. Il contesto coloniale. 4. Nuovi Stati, nuove nazioni? 5. La rinascita della questione etnica in Europa. 6. Approcci teorici. 7. Conclusioni. □ Bibliografia. 1. Introduzione Nel suo famoso studio sul nazionalismo Elie Kedourie si chiede a un certo punto se tale fenomeno sia sempre esistito oppure se rappresenti uno sviluppo storico particolare (v. Kedourie, 1966³, pp. 73-74). La stessa questione si può porre in rapporto ai gruppi etnici... Leggi

Etnici, conflitti > Enciclopedia delle Scienze Sociali I Supplemento (2001)

Etnici, conflitti sommario: 1. Introduzione. 2. Definizioni. 3. Tipi. 4. Conflitti etnoreligiosi. 5. Cause. 6. Il ruolo dello Stato. 7. Modernizzazione, nazioni e conflitti etnici. 8. Soluzioni. 9. Prospettive disciplinari. 10. Globalizzazione e conflitto etnico. 11. Conclusione. □ Bibliografia. 1. Introduzione I conflitti etnici costituiscono ormai la maggiore causa e il principale catalizzatore di guerre interne ed internazionali. La guerra fredda aveva apparentemente sopito tali conflitti, congelandoli dietro la cortina di ferro del bipolarismo... Leggi

Etnia > Lessico del XXI Secolo (2012)

etnìa s. f. – La crisi della sovranità dello Stato-nazione, particolarmente accentuata dalla globalizzazione, ha permesso a comunità locali e gruppi etnici e tribali di guadagnare spazi di autonomia dal potere centrale. Come conseguenza, i... Leggi

Argomenti correlati

Acculturazione

acculturazione Mutamento della cultura e dei costumi di un popolo in seguito a contatti con un altro popolo o altri popoli. Il termine, reso corrente dagli antropologi statunitensi verso la fine del 19° sec. specialmente in rapporto ai mutamenti culturali degli Indiani d’America a contatto con le civiltà europee, si riferisce a ogni sorta di mutamenti di usanze, costumi, tecnologie, riti, credenze ecc., che abbiano origine in una cultura non per cause interne a essa, bensì per l’influenza di culture diverse. L’a

Conflitto ètnico

conflitto ètnico Locuzione con cui nelle scienze sociali si fa riferimento al conflitto in cui i protagonisti principali organizzano le proprie posizioni ideologiche sulla base dell'appartenenza a una specifica etnia, i cui valori culturali e religiosi vengono ritenuti preferenziali e utilizzati come strumenti identitari da opporre a quelli di altri gruppi compresenti nel medesimo ambito territoriale

Etnoscienza

etnoscienza Prospettiva di ricerca, sviluppatasi nell’antropologia statunitense della seconda metà del 20 sec., attenta alle differenti visioni del mondo e alle differenti esigenze classificatorie e conoscitive di ogni singola cultura-società umana. Si è concretizzata soprattutto in studi sui saperi concernenti il mondo naturale che si organizzano nelle diverse culture e che producono tassonomie (botaniche, zoologiche ecc.) e in studi sui sistemi percettivi e sul rapporto fra linguaggio e categorizzazione (per es., la percezione del colore nelle diverse società). Come precisa G.R

Schmidt, Karl

Schmidt, Karl. - Pedagogista (Osternienburg, Anhalt, 1819 - Köthen 1864). Cercò il fondamento della pedagogia nella psicologia e nell'antropologia. Opera principale: Geschichte der Pädagogik (4 voll., 1860-62).

Invia articolo Chiudi