eutanasia 

eutanasia 

Dizionario di Medicina (2010)

eutanasia Morte non dolorosa di un paziente, procurata deliberatamente con la somministrazione di un farmaco letale (e. attiva), oppure con l’assunzione da parte della persona malata di un farmaco letale preparato da un medico (suicidio medicalmente assistito).

La distinzione tra eutanasia attiva e passiva. La distinzione tra e. attiva e passiva è ancora molto diffusa nel linguaggio medico: si basa sull’idea che anche se non è mai lecito al medico uccidere un paziente, in certe condizioni può essere lecito (o addirittura doveroso, onde evitare l’accanimento terapeutico ➔ accettare di lasciarlo morire. Tuttavia, sul piano concettuale, il valore di questa distinzione è molto controverso e varie correnti di pensiero ne sostengono l’irrilevanza in ordine alla qualificazione morale degli eventi: così, ad es., la Dichiarazione sull’eutanasia (1980) della Congregazione per la dottrina della fede della Chiesa cattolica, ritiene che qualunque forma di interruzione intenzionale della vita, non importa se procurata tramite azione o omissione, è moralmente sbagliata. Su un versante etico-filosofico, per chi sostiene che in tutte le condizioni nelle quali la morte è per il paziente l’evento preferibile, la differenza tra il metodo attivo o passivo di interruzione della vita non ha rilevanza morale. Altre correnti tendono a mantenere ferma la distinzione, proponendo di limitare l’uso del termine e. alla forma attiva. Lo scopo è di evitare che l’alone negativo acquisito dal termine, a causa dell’uso fattone dal regime nazista, si trasferisca alla interruzione dei trattamenti medici sproporzionati. Tale interruzione, che non ha nulla a che vedere con l’e., è considerata moralmente lecita, in specie se attuata nel rispetto dell’autodeterminazione, attuale o tramite dichiarazioni anticipate (➔ testamento biologico), del paziente nei confronti dei trattamenti sanitari.

Origine del termine. Nel pensiero filosofico antico, per e. si intendeva la ‘buona morte’, naturale e possibilmente non preceduta da sofferenza o dolore, accettata con spirito sereno come compimento della vita. Il termine fu probabilmente usato per la prima volta dallo scrittore latino Svetonio per descrivere la morte che colse l’imperatore Antonino Pio «a guisa di sonno dolce e tranquillo». Questo originario significato del termine fu ripreso e introdotto nel linguaggio medico dal filosofo inglese Francis Bacon agli inizi del 16° sec., per indicare un nuovo compito dell’arte medica: l’abilità di aiutare i morenti a congedarsi dal mondo nel modo più dolce e quieto possibile.

I diversi approcci all’eutanasia nel mondo

Pubblicità

Altri risultati per eutanasia 

  • eutanasia
    Lessico del XXI Secolo (2012)
    eutanasìa s. f. – Morte non dolorosa, procurata o facilitata mediante l'uso dei farmaci atti ad alleviare le sofferenze di un malato in agonia (eutanasia attiva), oppure mediante la sospensione del trattamento terapeutico a un malato agonizzante e senza speranza di guarigione (evitando così l'accanimento ...
  • Eutanasia
    Enciclopedie on line
    Azione od omissione che, per sua natura e nelle intenzioni di chi agisce (eutanasia attiva) o si astiene dall’agire (eutanasia passiva), procura anticipatamente la morte di un malato allo scopo di alleviarne le sofferenze. In particolare, l’eutanasia va definita come l’uccisione di un soggetto consenziente, ...
  • eutanasia
    Dizionario di Medicina (2010)
    I diversi approcci all’eutanasia nel mondo Il tema dell’eutanasia è legato alle complesse questioni etico-filosofiche e antropologiche del senso stesso della vita e della morte come segno dell’umana finitezza e fragilità, della disponibilità o indisponibilità della vita sia da parte di altri, sia ...
  • Eutanasia
    Il Libro dell'Anno 2007 (2007)
    «Non darò a nessuno farmaci mortali, neppure se richiesto, né mai suggerirò di prenderne» (Giuramento di Ippocrate) Accanimento terapeutico ed eutanasia di Ignazio R. Marino 20 dicembre 2006 Esaudendo la volontà del paziente, il medico anestesista Mario Riccio spegne il ventilatore polmonare che teneva ...
  • Eutanasia
    Enciclopedia Italiana - VII Appendice (2006)
    In diversi Paesi occidentali, ma non ancora in Italia, il dibattito sulla liceità morale e le prospettive legali dell'e. e del suicidio medicalmente assistito si è orientato, grazie ai risultati scaturiti da esperienze concrete, in senso meno emotivo e ideologico. Sono stati condotti infatti studi empirici ...
  • eutanasia
    Enciclopedia dei ragazzi (2005)
    Una 'buona morte' scelta al posto di una vita di sofferenza Il termine eutanasia, composto dalle parole greche eu ("bene") e thànatos ("morte"), significa letteralmente "buona morte", quella che giunge serenamente senza essere accompagnata da strazianti sofferenze. Nell'accezione corrente oggi per ...
  • Eutanasia
    Universo del Corpo (1999)
    Con il termine eutanasia (dal greco εὐθανασία, composto di εὖ, "bene", e dal tema di θάνατος, "morte", letteralmente "buona morte") si indica la condotta, sia attiva sia omissiva, che abbrevia la vita di un malato gravemente sofferente (v. bioetica). L'eutanasia attiva può realizzarsi, per es., somministrando ...
  • Eutanasia
    Enciclopedia delle scienze sociali (1993)
    sommario: 1. Nuove condizioni sociali e mediche del morire. 2. Definizioni e chiarimenti terminologici. 3. Prospettive etiche. 4. La 'carta di autodeterminazione'. 5. Le implicazioni giuridiche e politiche. □ Bibliografia. 1. Nuove condizioni sociali e mediche del morire La discussione sull'eutanasia ...
  • EUTANASIA
    Enciclopedia Italiana - V Appendice (1992)
    (XIV, p. 651) Nel quadro degli straordinari progressi che lungo tutto il 20° secolo, ma in modo particolare negli ultimi decenni, hanno potenziato le capacità della medicina di prolungare la vita, la constatazione che l'aggiunta di vita al malato è, in talune circostanze, caratterizzata da condizioni ...
  • EUTANASIA
    Enciclopedia Italiana (1932)
    (dal gr. εὐϑανασία "buona, bella morte"). - Nel suo significato primitivo, la parola eutanasia sta a indicare la morte bella, a cui si va incontro come a cosa giusta, con sereno spirito di accettazione, e che quindi può apparire come ideale di perfetto compimento della vita. Da questo senso, il nome ...