Evidence-based medicine

    Enciclopedie on line

evidence-based medicine Branca della medicina sviluppata nell'ultimo decennio del Novecento, che ha come nucleo principale la capacità di comprendere la relazione esistente tra i meccanismi di base della patologia e l'esperienza clinica. Lo scopo è quello di affinare le capacità d'interpretare i dati basandosi sulla validazione, attraverso prove di efficacia, di procedure terapeutiche e diagnostiche basate sull'analisi sistematica, statistica svolta su report medici.

Approfondimenti

Evidence-based medicine > Lessico del XXI Secolo (2012)

evidence-based medicine <èvidëns bèist mèdsn> locuz. sost. ingl., usata in it. al femm. – Branca della medicina, in sigla EBM, sviluppatasi a partire dai primi anni Novanta del 20° sec., che ha come scopo quello di migliorare la ... Leggi

EVIDENCE-BASED MEDICINE > XXI Secolo (2010)

Evidence-based medicine L’evidence-based medicine (EBM) è una branca della medicina, sviluppatasi a partire dai primi anni Novanta del 20° sec., che ha come scopo quello di migliorare la decisione clinica basandosi sull’analisi sistematica delle ric... Leggi

Evidence-based medicine > Dizionario di Medicina (2010)

evidence-based medicine Branca della medicina (in sigla EBM) sviluppata nell’ultimo decennio del Novecento che ha come nucleo principale la capacità di comprendere la relazione esistente tra i meccanismi di base della patologia e l’esperi... Leggi

Argomenti correlati

Narrative-based medicine

narrative-based medicine Locuzione inglese che indica uno dei metodi di frontiera della medicina basato sull’esperienza derivata dal racconto dei pazienti; il metodo parte dalla constatazione che il rapporto medico-paziente può essere centrale per la ricostruzione della storia della malattia e per mettere a punto il trattamento terapeutico e diagnostico. In particolare, questo tipo di approccio si concentra sull’anamnesi esistenziale e relazionale del vissuto di malattia del paziente e prevede anche contributi delle medicine alternative, della sociologia, della psicologia e dell’antropologia.

Grunge

grunge Movimento giovanile alternativo sorto negli Stati Uniti (in particolare a Seattle) e diffusosi in Europa nell'ultimo decennio del Novecento. In polemica con i valori degli anni Ottanta, il g. ripropone alcuni elementi della cultura hippy (ecologismo, non violenza), uno stile di vita semplice e un look trasandato. In campo musicale, il g. ha trovato i suoi maggiori esponenti nel gruppo dei Nirvana.

Horti

Horti (o Hortuli) Titolo di libri di medicina monastica, diffusi in Italia e in Europa nell’Alto Medioevo, che contenevano la descrizione dei ‘semplici’ coltivati negli orti dei conventi e con cui si preparavano le medicine. Gli speziali del Medioevo, infatti, suddividevano i farmaci in due categorie: simplex et composita, a seconda che fossero naturali o elaborati artificialmente. Già Isidoro di Siviglia (560-635) consigliava di coltivare i semplici in un botanicum herbarium, inaugurando la tradizione ‘erbalista’.

Neuropsicologia

neuropsicologia Branca delle neuroscienze che studia le relazioni tra l’esperienza psichica (e comportamento) e i processi neurobiologici su cui tale esperienza si fonda. La n. tratta dunque essenzialmente delle funzioni mentali superiori nei loro rapporti con le strutture cerebrali. Il principale metodo d’indagine è la correlazione anatomo-clinica tra i deficit mentali presentati dai pazienti e le corrispondenti lesioni cerebrali.

Invia articolo Chiudi