Eziologia

    Enciclopedie on line

eziologia In generale, parte di una scienza che indaga le cause di una determinata classe di fenomeni.

In particolare, in medicina, lo studio delle cause delle malattie o, impropriamente, la causa stessa. Mentre alcune volte la condizione morbosa è legata a una sola causa (ereditaria, infettiva ecc.), più spesso le cause per le quali un individuo passa dallo stato di salute e normalità a quello di malattia o anormalità sono molteplici e, in quanto rivestono diversa importanza nel determinismo della malattia, vengono distinte in cause determinanti e in cause coadiuvanti (o favorenti).

La generica suscettibilità di un organismo a contrarre determinate malattie è detta disposizione. Si parla invece di predisposizione quando esiste un’abnorme tendenza dell’organismo a contrarre una malattia, e di esposizione quando l’organismo stesso è messo in condizione di risentire più facilmente di uno stimolo dannoso.

All’e. è connesso lo studio del meccanismo d’azione delle cause morbose, ossia la patogenesi.

La diagnosi eziologica precisa l’agente causale di una malattia; la terapia eziologica tende a rimuovere o combattere la causa di uno stato morboso.

Approfondimenti

Eziologia  > Dizionario di Medicina (2010)

eziologia Studio delle cause (o causa stessa) delle malattie. Si distinguono le cause esterne, o estrinseche (che comprendono i microrganismi patogeni, i parassiti, le intossicazioni, gli stimoli fisici, i fattori ambientali, gli squilibri alimentari... Leggi

Argomenti correlati

Geonemia

geonemia In biologia, distribuzione geografica degli organismi. In particolare, in botanica, fitogeografia distributiva, ossia quella parte della fitogeografia che determina le aree delle singole specie e indaga le cause della loro diffusione.

Filistióne di Locri

Filistióne di Locri. - Medico greco del sec. 4º a. C. Scrisse di dietetica, e si occupò dell'eziologia delle malattie. Frammenti dei suoi scritti si trovano negli scrittori di medicina posteriori (Filolao, Oribasio, Diossippo, ecc.).

Vincent, Hyacinthe

Vincent, Hyacinthe. - Medico (Bordeaux 1862 - Parigi 1950); professore di epidemiologia al Val de Grâce e al Collège de France. Ha orientato la maggior parte delle sue ricerche sull'eziologia, la clinica e la terapia delle malattie infettive. Ha tra l'altro fornito contributi alla descrizione di una particolare forma di tonsillite (angina di Plaut-V.) e ha allestito un vaccino antitifico e antiparatifico e varî sieri (anticancrenoso, anticolibacillare, antistreptococcico, e antitifico).

Tanatologia

tanatologia Ramo della medicina legale che riguarda lo studio delle cause di morte e dei fenomeni relativi a questa, nonché delle modificazioni morfologiche e fisico-chimiche dell’organismo che ne conseguono, così da poter accertare, tra l’altro, il momento del decesso (importante anche ai fini del prelievo di organi per trapianti), il tempo trascorso da questo e comunque l’eventuale esistenza di fenomeni di vita residua

Invia articolo Chiudi