Figi

Figi

Enciclopedie on line

Figi  Stato insulare dell’Oceania nel Pacifico sud-occidentale costituito di 320 isole, di cui un centinaio abitate, e di oltre 500 isolotti; è situato fra 16° e 20° lat. S (con l’eccezione della più settentrionale isola di Rotuma), e fra 177° long. E e 178° long. O. La capitale, Suva, è nell’isola di Viti Levu.

1. Caratteristiche fisiche

La presenza di alcune formazioni rocciose ‘continentali’ (ardesia, quarzite) fa pensare che le F. siano il residuo di un’area molto più vasta, emergente in ere geologicamente lontane. Le isole maggiori sono montuose (a Viti Levu, il Monte Victoria è alto 1323 m) e formate di materiali di origine vulcanica (lave, tufi), innalzati in età recente, dove i corsi d’acqua hanno scavato incisioni strette e profonde. Le altre isole e scogli sono invece in buona parte formate da atolli. Il clima è tropicale, la temperatura media annua è di 26 °C a Suva: febbraio e marzo sono i mesi più caldi; luglio e agosto i più freddi. La piovosità, forte nella stagione calda, è in media di oltre 3800 mm annui.

2. Popolazione

La popolazione è costituita in prevalenza da Figiani (54,3%) e Indiani (38,2%). In seguito ai colpi di Stato del 1987, è iniziata l’emigrazione di notevoli contingenti indiani. Il tasso di accrescimento naturale, più elevato tra la popolazione figiana, è stato dell’1,4% nel 2009, con una mortalità infantile dell’11,50‰. Religioni maggioritarie sono la cristiana (prevalentemente metodista) e l’induista, con una minoranza consistente di musulmani (rispettivamente 52,9%, 38,1% e 7,8%).

3. Condizioni economiche

L’economia figiana è in gran parte fondata sull’agricoltura e in particolare sulla coltivazione della canna da zucchero. Tuttavia, a partire dagli anni 1980 la produzione di zucchero è scesa sensibilmente (366.000 t nel 2006 contro le 500.000 del 1980), in seguito alle vicissitudini del mercato internazionale e alle negative condizioni climatiche. Altri prodotti sono tabacco, olio di palma e, in espansione, riso. Di rilevo anche il patrimonio forestale (1,2 milioni di ha), per il cui sfruttamento è stato realizzato (1987) un grosso impianto a Lautoka (Viti Levu), e la pesca. Unica risorsa mineraria è l’oro. Di crescente importanza il settore turistico (545.000 visitatori nel 2006). Le comunicazioni si avvalgono dell’aeroporto internazionale di Nadi (Suva).

storia

Il popolamento delle F. avvenne grazie ai movimenti migratori dei gruppi Lapita. (12°-10° sec. a.C.). Nel 1643 nell’arcipelago approdò l’olandese A.J. Tasman. Sede di insediamento di coloni europei dalla seconda metà del 18° sec., le F. divennero colonia inglese nel 1874. Il compromesso tra le autorità britanniche e l’aristocrazia dei capi indigeni ereditari impose vincoli allo sfruttamento della manodopera locale per la coltivazione della canna da zucchero, principale prodotto del paese, inducendo i coloni a far ricorso all’importazione di lavoratori dall’India. Tale importazione, proseguita fino agli anni 1920, fece sì che la popolazione di origine indiana divenisse una quota sempre più ampia del totale, mantenendo tuttavia uno status politico e sociale nettamente subordinato. A metà degli anni 1960 gli Indiani costituivano oltre il 50% della popolazione ed erano i più convinti sostenitori dell’indipendenza del paese, mentre gli indigeni, che temevano di perdere la supremazia, tendevano a mantenere i legami con la Gran Bretagna. All’indipendenza, nell’ambito del Commonwealth, si arrivò nel 1970. Dopo oltre un quindicennio di permanenza al potere dell’Alliance Party, espressione dell’etnia figiana, le elezioni del 1987 portarono alla formazione di un governo di coalizione tra il National Federation Party, di orientamento progressista e portavoce degli interessi indiani, e il Fiji Labour Party, radicato tra i lavoratori di entrambe le etnie. Subito dopo vi fu un colpo di Stato militare, appoggiato dalla destra, seguito a pochi mesi di distanza da un altro, che proclamò la Repubblica, con la conseguente esclusione dal Commonwealth, e abrogò la Costituzione del 1970, sostituita da un’altra che rafforzava il potere dei capi indigeni accentuando la condizione di inferiorità degli Indiani. Il predominio della comunità figiana fu attenuato da una riforma costituzionale nel 1990, che previde una rappresentanza multietnica. Le elezioni politiche del 1999 portarono per la prima volta un leader indiano, M. Chaundhry, ad assumere la guida del governo. Un anno dopo Chaundhry fu costretto alle dimissioni da un nuovo colpo di Stato, promosso da un gruppo di nazionalisti figiani, in seguito al quale le forze armate guidate da V. ‘Frank’ Bainimarama sospesero la Costituzione, decretando lo stato di emergenza, e promossero la formazione di un esecutivo di coalizione con le forze nazionaliste, che sancì il ritorno della minoranza figiana al potere. Il nuovo governo, con a capo L. Qarase, fu poi confermato nelle elezioni del 2001 e in quelle del 2006. Con un nuovo Colpo di Stato alla fine del 2006, Bainimarama ha deposto Qarase e si è fatto affidare la carica di primo ministro dal presidente R.J. Iloilo. Le prime consultazioni dopo il colpo di stato, tenutesi nel settembre 2014, hanno sancito con il 59,2% delle preferenze la netta vittoria del partito di Bainimarama, il Fiji First, contro il 28% dei consensi aggiudicatosi dal Partito liberale socialdemocratico; il risultato elettorale ha consentito all'uomo politico di essere riconfermato premier.

archeologia

Il vasellame tipico/">tipico della cultura Lapita è stato riportato alla luce sulle coste delle isole Viti Levu, di Naigani e di Lakeba. I depositi Lapita hanno restituito anche asce litiche, ornamenti e utensili di conchiglia. Alla fase Navatu (sito di Viti Levu; 100 a.C.-1100 d.C. ca.) appartiene la classe della ceramica impressa, con decorazioni a motivi geometrici. La ceramica del 2° millennio d.C. (siti di Vunda, a Viti Levu, e nell’isola Teveuni) è caratterizzata da una ceramica inornata e incisa, quest’ultima particolarmente diffusa fra il 1100 e il 1800 (fase Vunda). Al 2° millennio d.C. si datano numerosi insediamenti fortificati sulle alture e nei fondovalle. I complessi cerimoniali erano articolati in una serie di cortili delimitati da muri che separavano i complessi in 3 unità distinte.

Bacino delle F. Ampio settore dell’Oceano Pacifico a S delle isole omonime, delimitato a E dalle notevoli fosse oceaniche di Tonga e di Kermadec. Tocca la costa nord-orientale della Nuova Zelanda. Profondità massima, 4329 metri.

Pubblicità

Altri risultati per Figi

  • Figi
    Atlante Geopolitico 2015 (2015)
    bandiera posizione mappa Informazioni principali Dati generali Le Figi sono un arcipelago dell’Oceania che comprende 332 isole, un terzo delle quali abitate su base permanente. Tre quarti della popolazione vive sull’isola principale, Viti Levu. Il paese, indipendente dal 1970, ha subito una serie di ...
  • FIGI
    Enciclopedia Italiana - IX Appendice (2015)
    Demografia e geografia economica. Storia Figi Demografia e geografia economica di Silvia Lilli. – Stato insulare dell’Oceania, nel Pacifico sud-occidentale. Al 2012 la popolazione stimata era di 858.038 ab. (887.027 ab. nel 2014, secondo una stima UNDESA, United Nations Department of Economic and ...
  • Figi
    Atlante Geopolitico 2014 (2014)
    bandiera posizione mappa Dati geografici Le Figi sono un arcipelago dell’Oceania che comprende 332 isole, un terzo delle quali abitate su base permanente. Tre quarti della popolazione vive sull’isola principale, Viti Levu, che ospita la capitale Suva. Il paese, indipendente dal 1970, ha subito una ...
  • Figi
    Atlante Geopolitico 2013 (2013)
    bandiera posizione mappa Dati geografici Le Figi sono un arcipelago dell’Oceania che comprende 332 isole, un terzo delle quali abitate su base permanente. Tre quarti della popolazione vive sull’isola principale, Viti Levu, che è anche la capitale del paese. Il paese, indipendente dal 1970, ha vissuto ...
  • Figi
    Atlante Geopolitico 2012 (2012)
    Bandiera Posizione Carta fisico-politica Dati geo-amministrativi Le Figi sono un arcipelago dell’Oceania che comprende 332 isole, circa un terzo delle quali sono abitate su base permanente. Tre quarti della popolazione vive sull’isola principale, Viti Levu, che è anche la capitale del paese. Il ...
  • Figi
    Dizionario di Storia (2010)
    Stato insulare dell’Oceano Pacifico meridionale, con capitale Suva, composto da circa 320 isole. Le Isole Figi furono scoperte nel 1643 dal navigatore olandese A. Tasman ed esplorate in seguito dagli inglesi Cook e Bligh; divennero colonia inglese nel 1874. I primi coloni bianchi furono i deportati ...
  • FIGI
    Enciclopedia Italiana - VII Appendice (2007)
    Figi Geografia umana ed economica di Anna Bordoni Stato insulare dell'Oceania, nel Pacifico sud-occidentale. Nel 2005 la popolazione stimata era di 848.000 ab., con un modesto aumento (circa il 9%) rispetto all'ultimo censimento (risalente al 1996), nonostante una natalità elevata (22,7‰ nel ...
  • Figi
    Enciclopedia Italiana - VI Appendice (2000)
    (XV, p. 243; App. III, i, p. 613; V, ii, p. 220) Geografia umana ed economica di Giandomenico Patrizi Popolazione Secondo una stima delle Nazioni Unite, nel 1998 la popolazione raggiungeva i 796.000 ab. (era di 772.655 al censimento del 1996), confermando così la lenta contrazione dei tassi di incremento ...
  • FIGI
    Enciclopedia Italiana - V Appendice (1992)
    (XV, p. 243; App. III, I, p. 613) Arcipelago del Pacifico sud-occidentale, dal 1970 stato indipendente. Nel 1986 sono stati censiti 714.000 ab., più del doppio del 1956 (il tasso di accrescimento annuo permane molto elevato: 24,5‰), saliti a 736.000 secondo una stima del 1990. Il contrasto tra la popolazione ...
  • FIGI
    Enciclopedia Italiana - III Appendice (1961)
    (XV, p. 243). - Nel 1956 si contavano 345.737 abitanti, dei quali 148.134 Figiani: 4422 Rotumani, 5320 altri isolani del Pacifico, 169.403 Indiani, 6402 Europei, 7810 Euronesiani (meticci europei), 4155 Cinesi e meticci Cinesi. L'aumento della popolazione si aggira sul 4% all'anno, ed è preoccupante ...
  • FIGI
    Enciclopedia Italiana (1932)
    (ingl. Fiji, ted. Fidschi: più corretto ma meno usato Viti; A. T., 162-163). - Arcipelago formato da quasi 250 isole (e da numerosissimi scogli corallini) situate nell'Oceano Pacifico presso a poco fra 16° e 20° S., 177° E. e 178° O., a 3400 km. circa a nordest di Sidney e 2200 km. a nord della Nuova ...