ACCIAIUOLI, Filippo

    Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 1 (1960)

di Guido Pampaloni

ACCIAIUOLI, Filippo. - Nacque a Roma il 12 marzo 1700 da Ottavio e da Marianna del marchese Antonfrancesco Torrigiani. Abbracciato lo stato ecclesiastico, divenne prelato della Curia romana e, nel 1723, protonotario apostolico e referendario delle Due Segnature. L'anno dopo fu nominato vicelegato pontificio a Ravenna e nel 1728 governatore di Città di Castello. Nel 1737 divenne presidente della Camera apostolica e ponente della Congregazione delle Immunità e nel 1739 chierico di Camera di Clemente XII. Il 2 dic. 1743 fu innalzato da Benedetto XIV alla dignità di arcivescovo in partibus di Petra ed inviato come nunzio apostolico in Svizzera, dove rimase fino al 1753. Nel 1754 fu trasferito, sempre in qualità di nunzio apostolico, a Lisbona, dove fu coinvolto nelle lotte per la cacciata dei gesuiti dal Portogallo.

L'A. era stato in ottime relazioni con la corte e con il primo ministro Pombal; quando questi, però, iniziò la sua lotta contro la Compagnia di Gesù, i rapporti fra il nunzio e le autorità portoghesi, ed in particolar modo col Pombal stesso, divennero molto tesi. Inizialmente l'A. aveva tenuto sulla questione un atteggiamento molto cauto e moderato nei confronti del governo portoghese, limitandosi ad insistere sul rispetto dell'abito sacerdotale e delle istituzioni canoniche. La sua azione in difesa della Compagnia si fece, però, molto più decisa a partire dal luglio del 1758,quando a papa Benedetto XIV successe Clemente XIII.

Essendo stati accusati i gesuiti di avere organizzato l'attentato al re del 3 sett. 1758, l'A. protestò energicamente presso il Pombal, chiedendo insistentemente di far parte del collegio giudicante nel processo che si stava preparando contro quei padri incriminati per il fallito attentato. Con una continua azione diplomatica tento poi di indurre il Pombal a più miti propositi nei confronti dei gesuiti. Ma le sue proteste e la tenace pressione esercitata sia a corte sia sul governo non ebbero alcun risultato. Nel settembre del 1759cominciò l'imbarco dei primi gruppi di gesuiti espulsi, che l'A. non riuscì ad impedire. Alla fine, quando ormai i rapporti tra il governo portoghese e la Santa Sede avevano assunto un carattere di aperta ostilità, il Pombal, con la scusa che l'A. non aveva illuminato la sede della nunziatura il giorno del matrimonio del fratello del re, il 15 giugno 1760, lo espulse dal regno.

L'A. era stato creato da Clemente XIII cardinale del titolo di S. Maria degli Angeli, il 24 sett. 1759. Rientrato in Italia, il 24 genn. 1763 fu nominato vescovo di Ancona. In questa città egli mori il 24 luglio 1766.

Bibl.: P. Litta, Fam. cel. ital., Acciaiuoli di Firenze,tav. VII; B. Romano, L'espulsione dei Gesuiti dal Portogallo,Città di Castello 1914, passim;L. v. Pastor, Storia dei Papi,XVI, 1, Roma 1933, pp. 355-371,576-617; L. Koch, Jesuiten Lexikon,Paderborn 1934, coli. 1449-1452; R. Ritzler-P. Sefrin, Hierarchia catholica..., VI, Patavii 1958, pp. 27, 82, 334.

Approfondimenti

ACCIAIUOLI, Filippo > Dizionario Biografico degli Italiani (1960)

ACCIAIUOLI, Filippo. - Figlio di Ottaviano e di Maria di Donato Acciaiuoli, nacque a Roma nel 1637. Studiò nel Seminario Romano, ove si distinse per la sua intelligenza e per il suo amore per le lettere. Cavaliere di Malta, per suo diletto e per il n... Leggi

Argomenti correlati

Canini, Giovanni Angelo

Canini, Giovanni Angelo. - Pittore (Roma 1609 - ivi 1666). Scolaro del Domenichino e di A. Barbalonga. Lavorò nel Quirinale, fece varî quadri per la regina Cristina di Svezia e per chiese di Roma. Andò in Francia col card. Flavio Chigi e disegnò per lui varie vedute di Parigi e di altre località.

Berkeley, John, barone di Berkeley of Stratton

Berkeley, John, barone di Berkeley of Stratton. - Diplomatico e militare inglese (m. 1678); ambasciatore di Carlo I alla corte di Cristina di Svezia (1637), fu incaricato di proporre un'alleanza allo scopo di aiutare l'Elettore Palatino. Durante la guerra civile, comandò le forze realiste nel Devonshire. Tentò nel 1647 di essere mediatore tra il re ed i capi del parlamento ed accompagnò Carlo I nella fuga da Hampton Court. Durante il "Commonwealth" fu in esilio al seguito del duca di York, combattendo nell'esercito del Turenne contro il Condé e gli Spagnoli (1652-55)

Baldinucci, Filippo

Baldinucci, Filippo. - Letterato e scrittore d'arte (Firenze 1625 - ivi 1696). Consulente del card. Leopoldo de' Medici, ne ordinò la collezione di disegni e la raccolta degli autoritratti, l'una e l'altra ora agli Uffizi. Scrisse una serie di biografie di artisti (Notizie dei professori del disegno da Cimabue in qua, 6 voll., 1681-1728), un'opera sull'incisione (Cominciamento e progresso dell'arte dell'intagliare in rame, 1686), una vita del Bernini (1682, per Cristina di Svezia). Compilò il Vocabolario toscano dell'arte del disegno (1681). Fu accademico della Crusca

Bellòri, Giovanni Pietro

Bellòri, Giovanni Pietro. - Scrittore d'arte (Roma 1613 - ivi 1696). Fu commissario per le antichità di Roma, sotto Clemente X, e antiquario e bibliotecario di Cristina di Svezia. L'opera sua più nota sono le Vite de' pittori, scultori et architetti moderni (1672), continuazione dell'opera di Giovanni Baglione, in cui tratta degli artisti contemporanei da lui ritenuti più significativi, con un criterio di scelta ispirato a teorie che vengono esposte nell'Idea del pittore, dello scultore e dell'architetto, ecc., dissertazione letta all'Accademia di s

Invia articolo Chiudi