FORMULA

    Enciclopedia Italiana (1932)

di Nicola Turchi, Giorgio DE GREGORI

FORMULA. - Storia della religione. - Fomule sacre sono quelle che determinano il significato e fissano il valore di un rito, garantendone l'efficacia qualora siano integralmente pronunziate. Dette formule vengono, in genere, proferite da chi dirige la cerimonia e servono ad integrare l'azione che egli compie.

Si possono distinguere in: 1. formule interpretative di un rito, che si pronunziano nel punto culminante della cerimonia; 2. formule di preghiera, in genere assai brevi, che vengono proposte da chi dirige la cerimonia e ripetute o confermate dai fedeli con una frase di adesione; 3. formule dottrinali in cui è compendiato l'insegnamento o espressa l'aspirazione mistica di una data religione, come p. es. "Non vi è altro Dio che Allah e Maometto è il profeta di Allah" dei musulmani; ovvero "O gioiello nel loto! Amen" dei buddhisti: alla cui recitazione si attribuisce un valore quasi magico di salvazione.

Le formule sacre possono decadere a formule di valore magico, cioè costrittorio anziché impetratorio, quando la mentalità primitiva di chi le pronunzia annette un valore operativo alla parola stessa in quanto è pronunziata con l'intonazione giusta e senza l'omissione di nessun elemento. La religiosità dei primitivi e il folklore, anche attuale, sono pieni di formule a cui viene annesso questo valore.

Chiesa cattolica. - Nella Chiesa cattolica si hanno formule sacre di diverso genere, che basterà qui enumerare, rinviando ai singoli articoli che ne trattano: 1. formule della liturgia, le une parti essenziali (forma) dei sacramenti (v.), o parte dei riti di benedizione e consacrazione di persone o oggetti (v. abate; vasi sacri; vesti liturgiche, ecc.); le altre, formule di preghiera o di lode, per es. le orazioni della messa (v.) e tutto l'uffizio liturgico; a queste ultime si possono dire affini le formule di preghiera di origine privata, non introdotte nella liturgia ufficiale della Chiesa, ma da essa approvate o anche arricchite d'indulgenze e conseguentemente raccomandate ai fedeli per l'uso privato: tali per es. il Memorare, l'Anima Christi e molte litanie (v.); 2. formule dommatiche, d'indole tutta diversa, il cui scopo è di esprimere con ogni esattezza il senso dei dogmi (v.) rivelati da Dio e dalla tradizione trasmessi sotto forma più concreta o anche pratica: come le formule definite dal Concilio di Trento e da quello Vaticano, e i varî antichi simboli di fede (v.) e le professioni di fede, introdotte per determinare nel modo più preciso possibile ciò che tutti i membri della Chiesa sono tenuti a credere per non essere separati dalla sua comunione.

Approfondimenti

FORMULA > Enciclopedia Italiana (1932)

FORMULA. - Storia del Diritto. - Le formule processuali romane. - Formula è espressione tecnica del processo fra privati, praticato in Roma nell'ultimo secolo e mezzo della repubblica e per tutta l'età del principato. In tale processo si chiama formu... Leggi

Formula > Enciclopedia delle Scienze Fisiche - Dizionario (1996)

fórmula [Lat. formula, dim. di forma nel signif. di "aspetto esteriore, rappresentazione"] [LSF] Complesso di simboli (numeri, lettere, ecc.) e di segni convenzionali indicanti relazioni, operazioni, ecc. tra i simboli stessi. ¿ [CHF] Espressione che... Leggi

Argomenti correlati

Augite

augite Minerale del gruppo dei pirosseni monoclini, di composizione chimica molto complessa, che si può rappresentare con la formula Ca (Mg, Fe″, Fe‴, Al, Ti) (Si, Al)2O6. A causa della variabile composizione chimica, si presenta in molte varietà distinguibili anche per il diverso colore: a. comune, di colore nero; fassaite, verde; leucoaugite, biancastra; egirinaugite, nerastra.L’augitite, roccia effusiva basica, a struttura manifestamente porfirica, riportabile alla famiglia delle picriti pirosseniche, è composta essenzialmente di a

Efebia

efebia Istituzione dell’antica Atene (ma attestata anche in altre città greche), in base alla quale i giovani liberi, all’età di 18 anni, venivano iscritti nelle liste di leva. Gli efebi erano posti sotto la sorveglianza di speciali magistrati elettivi e ricevevano un’educazione militare, letteraria e musicale. Dopo un anno avevano dallo Stato scudo e lancia, e, prestato giuramento, servivano per un anno (o due) nella difesa delle frontiere. Finita per Atene l’autonomia politica, l’e. perse il carattere militare e accentuò invece quello ginnico

Linguaggio

linguaggio Forma di condotta comunicativa atta a trasmettere informazioni e a stabilire un rapporto di interazione che utilizza simboli aventi identico valore per gli individui appartenenti a uno stesso ambiente socioculturale. Dalle peculiarità della lingua rispetto a ogni altro codice semiologico derivano le peculiarità del l. verbale rispetto a ogni altro tipo di semiosi

Isomeria

isomeria chimicaFenomeno per il quale due o più composti chimici aventi proprietà diverse hanno la stessa formula grezza ma diversa formula di struttura, oppure hanno la medesima formula di struttura ma diversa configurazione spaziale. Tali composti vengono chiamati isomeri. 1. GeneralitàL’isomeria è particolarmente frequente nei composti organici e in special modo in quelli a elevato numero di atomi di carbonio: per es

Invia articolo Chiudi