ATTI, Francesco degli

Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 4 (1962)

ATTI, Francesco degli. - Nato a Todi da Andrea, compì studi di diritto canonico, conseguendo, com'egli stesso ci dice nel suo trattato, De quarta canonica piorum legatorum debita episcopo, il titolo dottorale.

Eletto vescovo di Corfù il 30 maggio 1348, fu da Clemente VI trasferito poco dopo, il 17 settembre dello stesso anno, nella sede di Chiusi. Qui, nel 1351 10 raggiunse, da parte sempre di Clemente VI, l'incarico di recarsi con Filippo, vescovo di Ferrara, in Piemonte, per far parte della commissione di arbitrato decisa dal papa per riconciliare Carlo, delfino di Vienna, ed il giovanisso Amedeo VI. Dopo lunghe discussioni i due principi finirono per trovare l'accordo il 27 ottobre di quello stesso anno.

Vescovo di Cassino dal 15 giugno 1353, nel 1355 scambiò la sua sede con quella di Firenze, di cui era stato vescovo Angelo Acciaiuoli, desideroso allora di recarsi nel Regno di Napoli.

Il 23 dic. 1357 fu nominato dal papa Innocenzo VI cardinale prete del titolo di S. Marco, lasciando perciò la diocesi fiorentina e recandosi ad Avignone, ove, tra l'altro, fu penitenziere maggiore della Chiesa romana.

Nel 1359 fu incaricato da Innocenzo VI di stendere la sentenza contro i Cavalieri teutonici, che avevano indebitamente occupato alcuni beni della Chiesa di Riga.

Di lui ci resta un'unica opera, il trattato De quarta canonica, scritto quand'era vescovo di Chiusi, per provare il suo buon diritto a percepire una quota parte delle decime della diocesi e rimastoci in due manoscritti della Biblioteca Nazionale di Parigi, ms. lat.1225, f01. 102r-104v e 4569, fol. 17r-20v. Le argomentazioni dell'A. furono però severamente discusse dai canonisti contemporanei, come Baldo.

L'A. morì a Pont-de-Sorgues in Valchiusa il 4 sett. (o, secondo altri, il 25 ag.) 1361 e venne seppellito nella chiesa dei celestini.

Bibl.: E. Baluze, Vitae paparum Avenionensium, a cura di G. Mollat, II, Paris 1928, pp. 448 s., con altre indicazioni bibliografiche; F. Cognasso, Il Conte Verde,Torino s. d., pp. 60 ss.; Dict. d'Hist. et de Géogr. Ecclés., V, col. 157.

Invia articolo Chiudi