Del Tuppo, Francesco

    Enciclopedie on line

Del Tuppo, Francesco. - Tipografo e letterato (Napoli 1443 circa - ivi dopo il 1498). Fu protetto ed ebbe uffici dagli Aragonesi. Socio e direttore letterario della tipografia di Sisto Riessinger (la prima in Napoli), poi capo di essa, stampò tra gli altri libri un suo volgarizzamento, infarcito di napoletanismi, della redazione latina della Vita di Esopo e delle 66 favole esopiane medievali in distici latini attribuite all'Anonymus Neveleti.

Approfondimenti

DEL TUPPO, Francesco > Dizionario Biografico degli Italiani (1990)

DEL TUPPO, Francesco. - Nacque nel 1443, o al più tardi l'anno seguente, da Giacomo e da Ilaria "de Scarfellitis", residenti a Napoli nel "seggio" di Porto "in loco ubi dicitur e la piazacta".Il padre, notaio, era funzionario regio già con Giovanna I... Leggi

Del Tuppo, Francesco > Enciclopedia Dantesca (1970)

Del Tuppo, Francesco. - Tipografo e scrittore (nato a Napoli intorno al 1444, morto dopo il 1498). La sua edizione della Commedia, non datata e nota per il motto finale come quella del Deo Gratias (Gesamtkatalog der Wiegendrucke 7962) è ormai divenut... Leggi

DEL TUPPO, Francesco > Enciclopedia Italiana (1931)

DEL TUPPO, Francesco. - Nato a Napoli intorno al 1443, fu dal 1453 al 1458 tra i giovani che Alfonso I d'Aragona faceva erudire a proprie spese, ed ebbe poi da Ferrante il Vecchio taluni uffici, tra cui nel 1469 quello di scriba regio. Socio e dirett... Leggi

Argomenti correlati

Astèmio, Lorenzo

Astèmio (latinizz. Abstemius), Lorenzo. - Umanista (n. Macerata Feltria 1440 circa - m. forse Urbino 1508 circa), bibliotecario del duca di Urbino (1476-83), precettore, a Rimini, di Pandolfo e Carlo Malatesta (1490-94)

Pacini, Pietro

Pacini, Pietro. - Editore (n. Pescia 1440 circa - m. 1513 circa). Attivo a Firenze fino al 1513, diede, per opera di tipografi diversi, numerosi libri in volgare, notevoli per l'illustrazione silografica. Della sua produzione sono soprattutto apprezzati Epistole et Evangeli (1495), Favole di Esopo (1496), i Trionfi di Petrarca (1499), la rarissima Lettera delle isole nuovamente ritrovate di A. Vespucci (1505). Moltissime operette da lui stampate recano come insegna un delfino coronato oppure un corvo col nome Piscia

Brùcioli, Antonio

Brùcioli, Antonio. - Letterato (Firenze 1498 circa - Venezia 1566). Frequentatore in gioventù degli Orti Oricellari (a questo periodo vanno fatti risalire i suoi Dialoghi della morale filosofia, 1526), nel 1522, accusato di aver preso parte al complotto contro il card. Giulio de' Medici, fuggì a Venezia e quindi a Lione. Tornato a Firenze nel 1527 e di nuovo espulso, si rifugiò definitivamente a Venezia. Qui pubblicò tutte le sue opere (traduzioni di Aristotele, Cicerone, Plinio, edizioni di Boccaccio e Petrarca, traduzioni e commenti biblici, ecc

Vostre, Simon

Vostre ‹vòstr›, Simon. - Tipografo parigino (m. 1521), attivo dopo il 1488, data del suo primo esemplare, un Libro d'ore. Ebbe una tipografia anche la sorella Nicole.

Invia articolo Chiudi