Savigny, Friedrich Karl von

    Enciclopedie on line

Savigny ‹ʃàvinii›, Friedrich Karl von. - Giurista tedesco (Francoforte sul Meno 1779 - Berlino 1861) d'origine francese. Prof. nelle univ. di Marburgo (1803), di Landshut (1808-10) e di Berlino (1810-42). Fu ministro prussiano della Riforma legislativa (1842-48), ma non poté attuare i piani prefissi. Dal 1848 si dedicò completamente all'attività scientifica, abbandonando l'insegnamento. Fu il fondatore della cosiddetta "scuola storica" (i cui principî furono da lui formulati per la prima volta nel 1814, per respingere l'idea avanzata da Thibaut della necessità di un codice civile generale per la Germania), il cui postulato basilare è che il diritto non può essere frutto di arbitrio legislativo, poiché esso è fondato sulla natura, il sentimento e le tendenze intellettuali di ciascun popolo e quindi si sviluppa insieme al popolo stesso, seguendone le sorti nell'ascesa e nella decadenza. Soltanto la consuetudine, perciò, è la parte fondamentale dell'ordinamento giuridico di un popolo; la legge serve solamente a colmare le lacune e a risolvere dubbî; unico compito della scienza giuridica è di risalire alle più lontane origini del sistema giuridico in vigore, per poterne intendere la vera essenza. Tra le maggiori opere (in buona parte tradotte in it.): Das Recht des Besitzes (1803); Vom Beruf unserer Zeit für Gesetzgebung und Rechtswissenschaft (1814); Geschichte des römischen Rechts im Mittelalter (6 voll., 1815-31); System des heutigen römischen Rechts (1840-1949); Vermischte Schriften (1850); Das Obligationenrecht als Theil des heutigen römischen Rechts (2 voll., 1851-53). Alla morte di S. fu istituita dalla Società giuridica berlinese una fondazione col fine di promuovere gli studî storico-giuridici; essa cura la pubblicazione della rivista Zeitschrift der Savigny-Stiftung für Rechtsgeschichte (continuazione della Zeitschrift für geschichtliche Rechtswissenschaft fondata da S. nel 1815), in tre sezioni: Romanistische (dal 1880), Germanistische (dal 1880) e Kanonistische Abteilung (dal 1911).

Approfondimenti

Savigny, Friedrich Karl von > Dizionario di filosofia (2009)

Savigny, Friedrich Karl von Giurista (Francoforte sul Meno 1779 - Berlino 1861). Di origine francese, fu prof. nelle univv. di Marburgo (1803), di Landshut (1808-10) e di Berlino (1810-42). Fu ministro prussiano della Riforma legislativa (1842-48), ... Leggi

Savigny, Friedrich Karl von > Dizionario di Storia (2011)

Savigny, Friedrich Karl von Giurista tedesco d’origine francese (Francoforte sul Meno 1779-Berlino 1861). Professore nelle università di Marburgo (1803), di Landshut (1808-10) e di Berlino (1810-42). Fu ministro prussiano della Riforma legislativa (... Leggi

Savigny, Friedrich Karl von > Dizionario di Economia e Finanza (2012)

Savigny, Friedrich Karl von  Giurista tedesco di origine francese (Francoforte sul Meno 1779 - Berlino 1861). Conseguì la laurea (1800) a Marburgo, dove nel 1803 iniziò la carriera accademica; in seguito, fu professore a Landshut (1808-10), poi a Ber... Leggi

Argomenti correlati

Rudorff, Adolf Friedrich

Rudorff ‹rùudorf›, Adolf Friedrich. - Giurista (Mehringen 1803 - Berlino 1873); prof. di diritto romano a Berlino (1829-72). Appartenne alla scuola storica del diritto di F. K. von Savigny, della quale fu uno fra i rappresentanti più insigni. Fece il primo tentativo di ricostruzione dell'Edictum perpetuum del pretore romano (Edicti perpetui quae reliqua sunt, 1869). Scrisse una pregevole Römische Rechtsgeschichte (2 voll., 1857-59) e un'opera sulla tutela (Das Recht der Vormundschaft, 3 voll., 1832-34). Collaborò con K. Lachmann, F. Blume e Th

Reinhardt, Karl

Reinhardt ‹ràinhart›, Karl. - Filologo e storico del pensiero antico (Detmold 1886 - Francoforte 1958); prof. nelle univ. di Marburgo (1916-19), Amburgo (1919-24), Francoforte sul Meno (1924-42), Lipsia (1942-46), di nuovo a Francoforte (1946). Importanti sono i suoi studî su Parmenide, Eschilo, Sofocle. Opere principali: Parmenides (1916); Kosmos und Sympathie (1926); Sophocles (1933; 3a ed. 1947); Von Werken und Formen (1948); Aischylos als Regisseur und Theologe (1949).

Streckfuss, Adolf Friedrich Karl

Streckfuss ‹štrèkfuus›, Adolf Friedrich Karl. - Poeta tedesco (Gera 1778 - Berlino 1844), precettore a Trieste (1801-03) e a Vienna (1803-06), poi funzionario statale. Scrisse romanzi, racconti, fiabe, e drammi alla maniera romantica; ma è conosciuto soprattutto per le sue traduzioni da Ariosto (Der rasende Roland, 1818-20), Tasso (Das befreite Jerusalem, 1822), Dante (Die göttliche Komödie, 1824-26) e dell'Adelchi di Manzoni (1827). Scrisse anche una biografia: Torquato Tassos Leben (post., 1890).

Koschaker, Paul

Koschaker ‹kòšakër›, Paul. - Giurista (Klagenfurt 1879 - Basilea 1951), prof. di diritto romano e di diritto civile tedesco. Insegnò nelle univ. di Innsbruck, Praga, Francoforte sul Meno, Lipsia, Berlino, Tubinga, Ankara. Discepolo di L. Mitteis, studiò in modo particolare i diritti dell'Oriente antico, promuovendo una preziosa opera di comparazione giuridica. Negli ultimi anni, tormentato dal problema della crisi del diritto romano, lasciò il suo credo scientifico nell'opera ultima Europa und das römische Recht (1947)

Invia articolo Chiudi