GAZZELLA

    Enciclopedia Italiana (1932)

di Oscar De Beaux

GAZZELLA (dall'arabo ghazal "capra selvatica"; lat. scient. Gazella Lichtenstein 1814). - Genere della sottofamiglia delle Antilopi (v.), di statura media o piuttosto piccola, di forme sempre snelle, leggiere, ben proporzionate, con testa piccola, muso relativamente breve, occhio grande ed espressivo, collo assai lungo e sottile, arti alti e asciutti, coda corta. Le corna sono nei maschi di media lunghezza e pesantezza, in genere a curvatura convessa in alto, basalmente, e concava apicalmente, talvolta lirate, spesso con la punta rivolta medialmente, sempre distintamente anellate. Nelle femmine sono molto più sottili, quasi lisce, in genere anche più brevi. Sono presenti i campi ghiandolari carpali con ciuffi di peli, detti "spazzole dei ginocchi"; esistono pure le borse ghiandolari interdigitali, la borsa inguinale pari e la fossetta preorbitale.

Le gazzelle costituiscono un gruppo zoologico ben definito ed uniforme, adatto a vivere in località desertiche. Agili, veloci, instancabili, sobrie, dotate di sensi acuti, guardinghe, gregarie in ordine sparso, sono diffuse a seconda delle specie nelle distese di sabbie mobili, nei deserti nelle pietraie desertiche, nelle steppe e boscaglie steppose dell'Africa settentrionale e orientale fino a Zanzibar, dell'Asia occidentale e dell'India. Alcune specie, leggermente modificate per l'abbondanza del rivestimento peloso, la brevità delle orecchie e della coda, la quasi generale assenza delle corna nelle femmine, si spingono fin negli altipiani dell'Asia Centrale.

Il genere è stato suddiviso, non opportunamente, in 3 sottogeneri; vi appartengono complessivamente 59 specie e sottospecie (1930). Nelle colonie italiane si trovano le forme seguenti. In Libia: la Gazzella comune o Dorcade (Gazella dorcas dorcas L.) e la Gazzella del deserto (Gazella leptoceros leptoceros Cuvier), più grande, più chiara con corna più lunghe e sottili. In Eritrea: la Gazzella isabella (Gazella isabella isabella Gray) alta, snellissima, con orecchie molto lunghe, che vive sulle coste del Mar Rosso; la Gazzella del Beccari (Gazella isabella Beccarii de Beaux) più grande della precedente, nella zona del Barca; la Gazzella tilonura (Gazella tilonura tilonura Heuglin) più robusta, con la punta delle corna decisamente uncinata medialmente, tipica del paese dei Bogos nell'Altipiano eritreo; la Gazzella del Soemmering (Gazella Soemmeringi Soemmeringi Cretzschm.) grande, robusta, con le corna poco sollevate sul profilo superiore della testa, pressoché conterranea della specie precedente. In Somalia: la Gazzella dello Speke (Gazella Spekei Blyth.) caratterizzata da un rigonfiamento cutaneo sul dorso del naso, nella zona litoranea; la Gazzella berberana (Gazella Soemmeringi berberana Matschie) ancora sensibilmente più grande e robusta della Soemmeringi tipica. Nell'Oltregiuba la Gazzella di Grant (Gazella Granti Petersi Günther) alta 80 cm. alla spalla, con corna lunghe circa 60 cm., assai diritte, compresse e fortemente anellate.

Le gazzelle, d'indole assai mite e socievole, si adattano anche alla prigionia e formano uno dei più belli ornamenti dei giardini zoologici.

Bibl.: P. H. Sclater e O. Thomas, The Book of Antelopes, Londra 1898, III, pp. 65-216, tav. 21; V. Tedesco-Zammarano, Le colonie italiane, fauna e caccia, Roma 1930, pp. 27-32, 100-104, 196-189; O. de Beaux, in Ann. Museo civ. storia nat. Genova, LV (1931), pp. 207-214.

Argomenti correlati

Madoqua

Madoqua Genere di Mammiferi Artiodattili Bovidi Antilopini, detti dik-dik, con 4 specie dell’Africa orientale e meridionale. Alti al garrese 35-40 cm, hanno muso allungato, corna rivolte indietro e con in mezzo un ciuffo di peli, coda corta, zoccoli piuttosto lunghi. Schivi, prevalentemente notturni, vivono in coppie territoriali nella boscaglia.

Capricorno

capricorno Genere asiatico di Mammiferi Artiodattili Bovidi (Capricornis), sottofamiglia Caprini, di statura piuttosto grande, con corna lievemente incurvate indietro, pelame spesso, liscio e lungo (v. fig.). Predilige le località scoscese e le gole montane boscose e rocciose.

Tragelafini

Tragelafini Sottofamiglia di Mammiferi Artiodattili Bovidi che comprende due generi di antilopi africane, Tragelaphus e Taurotragus, e due generi asiatici, Boselaphus e Tetracerus.Il genere Tragelaphus è distribuito dall’Africa meridionale alla centrale e comprende il tragelafo striato (Tragelaphus scriptus, v. fig.), il nyala, il cudù maggiore e minore, il sitatunga. Di forme svelte e robuste e dimensione media, ha occhi grandi; orecchie larghe e tondeggianti; corna, presenti soltanto nel maschio, di media lunghezza carenate e con andamento a spirale; coda larga

Cervicapra

cervicapra Genere (Redunca; v. fig.) di Artiodattili Bovidi, sottofamiglia Reduncini. Antilopi di statura media o grande, legate ad ambienti di prateria, spesso limitrofi all’acqua. Il maschio è provvisto di corna. Vivono in Africa a S del Sahara.

Invia articolo Chiudi