Bambini, Giacomo

    Enciclopedie on line

Bambini, Giacomo. - Pittore (Ferrara 1582 - ivi 1629). Operò nell'orbita dei Carracci, ai cui principî ispirò l'Accademia artistica di Ferrara, che fondò con G. Cromer. Opere in molte chiese di Ferrara.

Approfondimenti

BAMBINI, Giacomo > Dizionario Biografico degli Italiani (1963)

BAMBINI, Giacomo. - Nato a Ferrara, probabilmente nel 1582, fu dapprima allievo del pittore concittadino Domenico Monio. Alla morte del maestro, avvenuta nel 1602, si recò, secondo la tradizione, a Parma per completare la propria formazione, ma non v... Leggi

Argomenti correlati

Villamèna, Francesco

Villamèna, Francesco. - Pittore, disegnatore e incisore (Assisi 1566 - Roma 1624); a Roma, fu nell'orbita stilistica di Ag. Carracci. Incise su invenzioni proprie (Giudizio Finale, seguito nel 1594 da una serie di stampe illustranti la vita di s. Francesco) e riprodusse opere di Raffaello, Veronese, F. Barocci, Giulio Romano, ecc. La Calcografia nazionale di Roma conserva alcune incisioni su rame originali di V., tra cui sette ritratti di personaggi in piedi, che sono considerati il suo capolavoro.

Sartòrio, Giulio Aristide

Sartòrio, Giulio Aristide. - Pittore (Roma 1860 - ivi 1932). Formatosi all'Accademia di belle arti di Roma, esordì nell'orbita di M. Fortuny per poi volgersi, sotto l'influenza di F. P. Michetti, a un verismo d'accento umanitario (La malaria, 1882, Córdoba, Argentina, Museo); nel 1884 visitò Parigi. A questo periodo appartengono le prime illustrazioni per la Cronaca bizantina di A. Sommaruga, per il Convito di A. de Bosis, per l'Isotta Guttadauro di G

Turamini, Alessandro

Turamini, Alessandro. - Giurista (prob. Montalcino 1556 - prob. Ferrara 1605), uditore della Rota fiorentina, prof. a Siena, a Roma, a Napoli (dove fondò l'Accademia dei Rinforcati), a Ferrara. Tra le opere, un commento al titolo de legibus del Digesto (1590) e un trattato sul cambio (pubbl. 1770). T. è ricordato come seguace della scuola culta e precursore della giurisprudenza filosofica. Fu poeta e commediografo.

Cròmer, Giulio, detto Il Croma

Cròmer, Giulio, detto Il Croma. - Pittore di origine tedesca (n. forse Ferrara 1550 circa - m. Ferrara 1632). Abile prospettico, fu collaboratore dello Scarsellino e di C. Bononi. Gli è attribuita una Presentazione al Tempio in S. Maria in Vado a Ferrara.

Invia articolo Chiudi