Deleuze, Gilles

Deleuze, Gilles

Enciclopedie on line

Deleuzedëlö´öʃ›, Gilles. - Filosofo francese (Parigi 1925 - ivi 1995); prof. di filosofia all'univ. di Parigi (dal 1970). Di vasti interessi, si è occupato di storia della filosofia (Spinoza, Kant) e di temi filosofico-culturali (gli si devono studî su Sacher-Masoch, su Proust e su L. Carroll), sempre con forte accentuazione teoretica. La sua riflessione, ispirata prevalentemente a Nietzsche (si veda il suo Nietzsche, 1962; trad. it. 1973), ha trovato espressione soprattutto nella rivalutazione del concetto di "differenza" che D. definisce fondamento indispensabile della filosofia (Différence et répétition, 1968; trad. it. 1972). Molto noto anche il suo L'anti-OEdipe (in collab. con F. Guattari, 1972; trad. it. 1975), molto critico della sclerotica istituzionalizzazione del sapere psicanalitico del nostro tempo, a esaltazione della potenzialità rivoluzionaria del soggetto umano come "macchina desiderante". Opere principali: Empirisme et subjectivité (1953; trad. it. 1981); La philosophie critique de Kant (1963; trad. it. 1979); Le bergsonisme (1966); Spinoza et le problème de l'expression (1968); Logique du sens (1969; trad. it. 1975); Foucault (1986; trad. it. 1987); Qu'est-ce que la philosophie? (in collab. con F. Guattari, 1991).

Pubblicità

Categorie

Altri risultati per Deleuze, Gilles

  • Deleuze, Gilles
    Dizionario di filosofia (2009)
    Filosofo francese (Parigi 1925 - ivi 1995). Fu prof. di filosofia nell’univ. di Parigi (dal 1970). Di vasti interessi, si è occupato di storia della filosofia (Spinoza, Kant) e di temi filosofico-culturali (con studi su L. Sacher-Masoch, M. Proust e L. Carroll), sempre con forte accentuazione teoretica. ...
  • DELEUZE, Gilles
    Enciclopedia del Cinema (2003)
    Filosofo francese, nato a Parigi il 18 gennaio 1925 e morto ivi, suicida, il 4 novembre 1995. Tra le figure più innovative del pensiero del Novecento, DELEUZE, Gilles ha rappresentato un punto di svolta negli studi teorici sul cinema, mostrando come il rapporto tra tale forma espressiva e la filosofia ...