BECATTI, Giovanni

    Enciclopedia Italiana - IV Appendice (1978)

di Ida Baldassarre

BECATTI, Giovanni. - Archeologo, nato a Siena il 5 dicembre 1912, morto a Roma il 12 aprile 1973. Studiò a Roma e ad Atene, presso la Scuola archeologica italiana; fu ispettore e poi direttore presso la Soprintendenza di Ostia dal 1938 al 1950 e insegnò archeologia nelle università di Pisa, Milano, Firenze, Roma. Ebbe numerosi riconoscimenti anche all'estero (Princeton, Lovanio, Chicago); fu condirettore (con R. Bianchi Bandinelli) e poi direttore della Enciclopedia dell'arte antica, classica e orientale, alla quale collaborò con numerosi articoli.

Studioso di vasti interessi e di solida cultura, nella sua vasta produzione ha affrontato con metodo rigoroso e acutezza d'intuizioni temi di topografia e di storia dell'arte greca, etrusca e romana. Ha curato la pubblicazione di alcuni tra i più importanti complessi monumentali e monumenti di Ostia antica, della quale è stato un profondo conoscitore. Ha tentato inoltre di ricostruire il quadro della cultura figurativa e del gusto degli antichi attraverso un'attenta lettura delle fonti latine. La sua sempre viva e sensibile curiosità intellettuale lo ha portato anche a interessarsi di pittori e architetti del Rinascimento per cogliere il rapporto da essi fecondamente instaurato con l'antico.

Tra le opere principali si ricordano: Un dodekatheon ostiense e l'arte di Prassitele, in Ann. Sc. It. Atene, n. s., I-II (1939-40), pp. 85-137; Attikà, in Riv. Ist. Arch. St. Arte, VII (1940), pp. 7-116; Lo stile arcaistico, in La critica d'arte, VI (1941), pp. 32-48; Il Maestro di Olimpia, Firenze 1943; Meidias, un manierista antico, ivi 1947; Case ostiensi del tardo impero, in Boll. d'Arte, XXXIII (1948), pp. 102-28; XXXIV (1949), pp. 197-224; Arte e gusto negli scrittori latini, Firenze 1951; Problemi fidiaci, Milano-Firenze 1951; Scavi di Ostia. I: Lo sviluppo urbanistico, Roma 1953; Scavi di Ostia. II: I Mitrei, ivi 1954; Oreficerie antiche dalle minoiche alle barbariche, ivi 1955; Scavi di Ostia. IV: Mosaici e pavimenti marmorei, ivi 1961; Raffaello e l'antico, in Raffaello, Novara 1968, pp. 493-569; Scavi di Ostia. VI: Edificio con opus sectile fuori porta marina, Roma 1969; Ninfe e divinità marine, Studi miscellanei, 17,1971; L'arte dell'età classica, Firenze 1971; Plinio e Vasari, in Studi di storia dell'arte in onore di V. Mariani, Napoli 1972, pp. 173-82; Opere d'arte greca nella Roma di Tiberio, in Arch. Class. XXV (1973-1974), pp. 18-73.

Approfondimenti

BECATTI, Giovanni > Dizionario Biografico degli Italiani (1988)

BECATTI, Giovanni. - Nato a Siena il 5 dic. 1912 da Geremia e da Emma Buzzagli, compì gli studi classici presso il liceo-ginnasio "F. Guicciardini". Incoraggiato da R. Bianchi Bandinelli, nel 1929 s'iscrisse al corso di laurea in let... Leggi

BECATTI, Giovanni > Enciclopedia dell' Arte Antica (1994)

¿ECA¿¿I, Giovanni. - Archeologo e storico dell'arte classica. Nacque a Siena nel 1912, morì a Roma nel 1973. Dopo aver frequentato la Scuola Archeologica di Atene entrò nella Soprintendenza agli scavi di Ostia. Professore incaricato nell'Università d... Leggi

Argomenti correlati

Giuliano, Antonio

Giuliano, Antonio. - Archeologo e storico dell'arte italiano (n. Roma 1930). Prof. univ. dal 1967, ha insegnato archeologia e storia dell'arte greca e romana nelle univ. di Genova e di Roma "Tor Vergata". Allievo e collaboratore di R. Bianchi Bandinelli, è stato redattore della Enciclopedia dell'Arte Antica e ha diretto l'Enciclopedia Archeologica; dal 2001 socio nazion. dei Lincei. Ha studiato la cultura formale del mondo antico, fino al periodo federiciano

Fèa, Carlo

Fèa, Carlo. - Archeologo (Pigna, Ventimiglia, 1753 - Roma 1836). Sacerdote, studiò diritto civile e canonico alla Sapienza, ma si dedicò di preferenza agli studî di archeologia. Fu commissario delle Antichità di Roma (1801). Diresse in Roma numerosi scavi (per es., nel Foro Romano) di cui pubblicò le relazioni, e compì indagini su monumenti (il Pantheon) e località antiche (Ostia, Porto); scrisse su argomenti di epigrafia e di topografia romana, curò una ristampa della Storia dell'arte nell'antichità di J. J. Winckelmann, aggiungendovi una dissertazione sulle rovine di Roma.

Lanciani, Rodolfo

Lanciani, Rodolfo. - Archeologo italiano (Roma 1845 - ivi 1929). Rivelò e studiò il Portus Traiani (1868) e, nominato (1872) segretario della commissione archeologica comunale, seguì per anni i molti scavi di Roma, pubblicandone le relazioni; esplorò anche la Villa Adriana e Ostia. Dal 1882 insegnò topografia romana nell'univ. di Roma. Fondamentale la pubblicazione della Forma Urbis in 46 fogli (1893-1901). L. raccolse anche un vasto repertorio di notizie in ordine cronologico sui varî ritrovamenti nella Storia degli scavi di Roma (4 voll., 1902-12) fino alla morte di Clemente VIII (1605)

Aurigèmma, Salvatore

Aurigèmma, Salvatore. - Archeologo (Monteforte Irpino 1885 - Roma 1964); direttore delle antichità della Tripolitania (1912-1919), poi di varie soprintendenze nel territorio metropolitano (Emilia, Etruria merid., Roma). Autore di ricerche sull'archeologia africana (I mosaici di Zliten, 1926; I mosaici della Tripolitania, 1960) e sulle necropoli di Spina, di guide del Museo naz. romano e della Villa Adriana di Tivoli. Ha pubblicato (1953) l'opera postuma di V. Spinazzola su Pompei alla luce dei nuovi scavi di Via dell'Abbondanza.

Invia articolo Chiudi