Ferrari, Giovanni

Ferrari, Giovanni

Enciclopedie on line

Ferrari, Giovanni (o Giovanni Torretti). - Scultore (Crespano 1744 - Venezia 1826), allievo dello zio Giuseppe Bernardi detto il Torretti (nome del suo maestro), del quale prese talvolta il secondo cognome, e al quale successe nella direzione del laboratorio. Lavorò a Mantova, Modena, Padova (statue nel Prato della Valle) e a Roma, presso il Canova, che era stato discepolo dello zio; si stabilì poi a Venezia. Tra le sue opere, notevole il monumento ad A. Emo (1792; Venezia, S. Biagio). Il figlio Gaetano, scolaro di R. Rinaldi, fu seguace del Canova. Lavorò a Venezia, dove era attivo ancora nel 1847.

Pubblicità

Categorie

Altri risultati per Ferrari, Giovanni

  • FERRARI, Giovanni, detto il Torretto
    Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 46 (1996)
    (Torretti). - Nacque a Crespano dei Grappa (Treviso) il 5 giugno del 1744 da Gaetano, scalpellino, e da Domenica Tedesco, nipote dello scultore Giuseppe Bernardi detto il Torretto (o Torrettino) (Bernardi, 1938). Nel 1755, all'età di undici anni, si trasferì a Venezia, dove entrò nella bottega del Bernardi. ...
  • TORRETTI, Giovanni
    Enciclopedia Italiana (1937)
    Scultore. Il suo vero cognome fu Ferrari, ma è conosciuto col soprannome, passato dal maestro Giuseppe Torretti (Treviso 1660 circa, morto nel 1743 a Venezia) la cui principale opera è la decorazione scultoria della cappella Manin a Udine, allo zio Giuseppe Bernardi, con cui si confonde spesso, e quindi ...